Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Latest

Chiara Ferragni e Fedez nell’albergo di lusso a Como: ecco il conto per la vacanza

4606030_40_20190708081118Chiara Ferragni e Fedez hanno trascorso qualche giorno di vacanza sul Lago di Como. La coppia non era da sola, ma accompagnata non solo dal piccolo di casa, Leone, ma anche dalla mamma e dalle sorelle della celebre fashion blogger. La famiglia al completo ha soggiornato in un hotel extra lusso, concedendosi anche un bel tour sul lago: ma quanto sarà costata questa breve vacanza? La struttura scelta dai Ferragnez è il Grand Hotel Tremezzo, albergo a 5 stelle che offre ogni genere di comfort e servizi. Una notte in questo luogo da sogno può costare da 850 a 4.100 euro Ma il costo lievita se si scelgono le meravigliose ville. Al conto finale pagato da Chiara e Fedez vanno aggiunti anche i pasti e un tour del lago previsto dall’hotel tra le offerte speciali. Insomma, per il loro weekend sul Lago di Como i Ferragnez non hanno badato spese.

Maddalena Corvaglia innamorata, dichiarazione dʼamore social per Ale

C_2_articolo_3218905_upiImagepp (1)Maddalena Corvaglia e Alessandro Viani sono pazzi l’uno dell’altra e si vede. Nella serie di scatti che l’ex velina pubblica sui social si abbracciano stretti e con lo sguardo sognante in riva al mare, poi si regalano un brindisi con gli occhi negli occhi. Belli, complici e innamorati, la coppia condivide con i follower la propria gioia: “Quando l’anima si prosciuga le foglie secche cadono e rimane solo l’amore vero”, scrive lei. “Semplicemente… ti amo”, risponde lui.

Il post di Maddalena è un concentrato di tenerezza: “Non amo le sviolinate, le frasi smielate, le autocelebrazioni e le ostentazioni. Un po’ avete imparato a conoscermi. Ma quando in un momento triste e buio della vita si incontra una persona che sa capire, amare, aspettare, supportare e sopportare… si può solo ringraziare il cielo. È facile essere circondati d’amore quando si è forti e si è in grado di dare agli altri. Ma quando l’anima si prosciuga le foglie secche cadono e rimane solo l’amore vero. Un po’ come la neve no?” e conclude con i versi di “Sei nell’anima” di Gianna Nannini. Per loro, che fanno coppia fissa ormai da un anno, è come se fosse ancora il primo giorno.

Francesco Monte shock: “Dopo la rottura con Giulia ho ricevuto minacce di morte”

C_2_articolo_3218631_upiImagepp (1)Ad un mese dalla rottura con Giulia Salemi, Francesco Monte ha raccontato su Instagram di aver ricevuto minacce di morte. “Ho preferito restare in silenzio facendo sfogare tanta gente, ora intervengo perché la follia e l’ignoranza totale è stata raggiunta: minacce di ustioni con acido, di incidenti mortali, continui messaggi verso parenti e amici”. Con l’occasione ha smentito inoltre di essere fidanzato: “Mi dissocio da tutti i flirt che mi sono stati attribuiti”.

L’ex gieffino ha parlato della fine della storia d’amore con la Salemi, negando che ci sia stato un tradimento di mezzo. “Nessuno ha tradito nessuno ed entrambi lo sappiamo. La persona che è stata vista con me l’ho conosciuta ben oltre la fine della mia relazione con Giulia. Non c’è una vittima e un carnefice, semplicemente le cose non vanno sempre come ci si aspetta”.

Di recente Francesco è stato pizzicato in un locale di Ibiza con la modella Isabella De Candia, ma a quanto pare non è lei la sua nuova fiamma. “Mi dissocio totalmente da tutti i vari flirt che mi sono stati attribuiti, neanche fossi Casanova o Rocco Siffredi”, ha chiarito Monte. “Se poi volete ricamare sopra altro, fate pure. Vi lascerò essere protagonisti di questo film!”

Giornalista accusa Trump: “Mi stuprò 23 anni fa”. Lui smentisce: “Non l’ho mai vista”

e-jean-carrollDonald Trump accusato di molestie sessuali. La giornalista americana Jean Carroll, famosa opinionista e curatrice della rubrica della posta del cuore della rivista Elle, ha accusato il Presidente degli Stati Uniti di averla stuprata nel camerino di un grande magazzino di lusso a New York. L’episodio risalirebbe a circa 20 anni fa.

La giornalista, che ora ha 75 anni, racconta che i fatti risalgono al 1995, quando incontrò Trump, allora un famoso immobiliarista, nei magazzini Bergdorf Goodman. Secondo quanto riportato, Trump l’avrebbe riconosciuta e, facendo riferimento alla sua rubrica di consigli, le avrebbe chiesto un consiglio per l’acquisto di lingerie per una donna. Ma una volta arrivati nei camerini, sarebbe diventato violento e l’avrebbe stuprata.

Trump ha smentito tutto, affermando di non aver mai incontrato Caroll. L’ha poi accusata di aver inventato la storia per vendere più copie del suo libro, paragonandola alle donne che «hanno accusato falsamente» il giudice della Corte Suprema Brett Kavanaugh durante le audizioni di conferma. «Vergogna per chi inventa false storie di aggressione per farsi pubblicità, vendere un libro o per motivi politici, come Julie Swetnick che ha accusato falsamente il giudice Justice Brett Kavanaugh» ha detto Trump aggiungendo che «è un male che le persone credano a queste storie, soprattutto in totale assenza di prove».

Infine, Trump suggerisce che vi possano essere i democratici dietro alle «false accuse» di Carroll: «se qualcuno ha informazioni che indichino che la signora Carroll o il New York Magazine stiano lavorando con il partito democratico, per favore si faccia avanti al più presto possibile».

«Reggiseno obbligatorio e solo color carne»: arriva il regolamento per le vigilesse

998b6f29276b88c5a4bd65c68f4c1c3cSi parla anche di biancheria intima, abbigliamento e acconciature nel nuovo regolamento di polizia locale del comune di Cittadella (Padova), che verrà sottoposto al consiglio comunale per l’approvazione. Introdotte per motivi di decoro e di sicurezza, le novità sul look ricalcano quelle del regolamento comunale approvato nel 2016 a Venezia e riguardano soprattutto le vigilesse: il reggiseno sarà obbligatorio tutto l’anno (anche d’estate) e dovrà avere un colore «neutro», per non risaltare e non creare «turbamento» nei cittadini.

Stesso discorso per gli slip. Vietate unghie finte, chiome tinte e tagli «bizzarri», mentre chi ha i capelli lunghi dovrà raccoglierli con code o trecce. Rossetto e trucco saranno consentiti, purché in dosi moderate. Viene richiesta sobrietà anche nella scelta degli occhiali.

Per quanto riguarda gli uomini, infine, sarà obbligatorio curare barba e baffi. «I nostri agenti sono tenuti ad avere un aspetto consono – spiega il comandante Samuele Grandin – Siamo forze dell’ordine a tutti gli effetti, per cui vige un principio militaresco. Chi sceglie questo lavoro deve capire che non siamo un’armata Brancaleone, e per chi non si adegua scatteranno i procedimenti disciplinari».

Nuoro, uomo di cinquant’anni si suicida per una sua foto hard divenuta virale. Era ricattato

4573625_1225_3204056Una foto hard che circola sui social e che diventa tentativo di estorsione per un artigiano nuorese di 50 anni. Quindi la vergogna e la disperazione fino al suicidio, non prima di aver raccontato la sua storia su Facebook. L’uomo – come riporta La Nuova Sardegna – si è tolto la vita nel reparto di Psichiatria del San Francesco di Nuoro, dove era ricoverato dopo un primo tentativo di suicidio in casa. Gli inquirenti confermano il suicidio in ospedale ma sulle cause mantengono uno stretto riserbo e sarà un’inchiesta della Procura di Nuoro a fare luce.

«Chiedo scusa pubblicamente a tutti i miei amici di Facebook». Così iniziava il post su Facebook in cui l’artigiano 50enne, suicida la notte scorsa, il 26 maggio sulla sua pagina del social network denunciava l’episodio di revenge porn ai suoi danni. «Arriveranno non so a quanti di voi delle mie foto prese da una videochiamata (lo so da stupido), ma non intendo cedere a nessun ricatto. Qualcuno ha approfittato del presunto mio momento di debolezza, mi vogliono ammazzare. Però questo lo dico a chi mi vuole bene che intendo lasciarmi tutto alle spalle, sto provando con tutte le mie forze a risollevarmi e non sarà certo una put…a cambiare i miei programmi -scriveva l’uomo- Sempre a chi mi vuole bene prometto di tornare al più presto quello che conoscevate». Ma il 50enne, invece, dopo qualche settimana ha deciso di farla finita.

La moglie denuncia la scomparsa del marito, anni dopo il figlio trova i resti in una scatola: «L’ho ucciso io»

uccide-marito-corpo_17141642 (1)Il marito scompare nel nulla dopo 20 anni di matrimonio, ma la verità che emerge lascia senza parole. Howard e Marcia Eubank, dello stato americano dell’Ohio, erano sposati da molti anni, quando la donna ha detto che il marito è scomparso nella notte, da un momento all’altro, senza lasciate alcuna traccia. Marcia ha scelto di fare poche domande e proseguire la sua vita.

I due avevano avuto due figli, oggi adulti, tutti e due sconvolti per questa decisione del padre. La donna aveva raccontato che secondo lei il marito era andato a Houston, in Texas, per un nuovo lavoro e il loro matrimonio era finito. I due litigavano, ma non sembravano essere così in crisi, mentre a tutti è sembrata una decisione insolita qurlla di Howard, descritto come una persona molto pacata. L’uomo improvvisamente è scomparso dalla vita dei suoi figli, non partecipando nemmeno alla promessa di nozze di uno di loro, rispondeva ai messaggi, ma non si incontrava mai con nessuno dei suoi cari.

Secondo quanto riporta la stampa locale, tutto sembrava insolito, ma credibile, fino a quando un giorno uno dei figli della coppia, cercando delle chiavi non ha aperto una scatola. Dal contenitore sono uscite diverse mosche, così il ragazzo ha chiesto alla madre cosa fossero e lei ha risposto: «Fa parte del corpo di tuo padre», poi ha confessato tutto: «Le altre parti sono in alcune scatole nel seminterrato. Chiama la polizia e dì loro che ho ucciso tuo padre. Non aprire le scatole da solo, lascia che sia la polizia a farlo. L’ho ucciso».

Il ragazzo ha chiamato la polizia che ha scoperto che l’uomo era stato ucciso da diversi colpi di arma da fuoco. La donna nei giorni precedenti aveva acquistato una pistola e cercato su Google i modi in cui uccidere una persona. Dopo tanto tempo Marcia è stata processata e condannata all’ergastolo.

Due giugno, accoltella un ufficiale alle prove della parata: «Mi hanno impiantato un microchip»

Una donna di 43 anni, Elena Cazacu, è stata arrestata questa mattina a Ravenna per aver aggredito con un coltello un ufficiale della Guardia Costiera, il capitano di vascello Diego Tomat, ferendolo durante le prove, che erano appena finite, della cerimonia della Festa della Repubblica, in piazza del Popolo. Alla donna con doppio passaporto, moldavo e romeno, vengono contestati i reati di tentato omicidio, lesioni personali aggravate dal fatto che l’aggressione sia avvenuta ai danni di un pubblico ufficiale, e violenza su pubblico ufficiale.4530225_0946_elena_kazaku_ravenna_accoltellamento_parata

Cazacu è stata disarmata grazie all’intervento del comandante della polizia municipale Andrea Giacomini, 44 anni, che racconta all’Adnkronos l’episodio. «Mentre stavano terminando le prove per la cerimonia del 2 giugno – spiega – una donna ha aggredito alle spalle con un coltello il capitano Tomat, gridando frasi contro i militari, citando Putin e Berlusconi e sostenendo di essere un ufficiale dell’esercito russo. Ha denunciato costrizioni, violenze sessuali a suo danno e sequestri a opera di generali russi. Nel suo delirio identificava come nemici le forze dell’ordine che erano tutte presenti e, in particolare, la sua rabbia si è rivolta contro il comandante di vascello che rappresentava, in quest’occasione, la massima autorità sul campo».

«Lo ha colpito – racconta – con un coltello con una impugnatura simile a una pistola, probabilmente usato nella caccia, un’arma che ha una possibilità maggiore rispetto ai normali coltelli di affondare nella carne ma, per fortuna, non ha spinto la lama fino in fondo, ma ha ferito il comandante sopra l’orecchio, sotto e sul collo, provocandogli lesioni superficiali». «Al momento dell’aggressione – spiega – l’ufficiale si è allontanato ma la donna ha continuato a inveire contro di lui, incalzandolo con il coltello e gridando di avere anche microchip nel corpo che le sarebbe stato impiantato dai servizi segreti». «A questo punto – racconta Giacomini – le ho afferrato il braccio, procurandole una torsione e l’ho atterrata. Ho preso un paio manette in prestito da un agente di polizia e l’ho fatta sedere su una panchina finché non è stata portata via».

La donna ha precedenti per violenza domestica e per un’aggressione ai carabinieri a Galeata (Forlì-Cesena). L’ufficiale è stato dimesso con 15 giorni di prognosi. «La donna – riferisce Giacomini – è un’atleta, con una forma fisica invidiabile e una notevole forza, tutte caratteristiche che sarebbero compatibili con una sua appartenenza alle forze armate, come ha sostenuto, ma, molto probabilmente, soffre di problemi psichici».

In mattinata, sulla sua pagina Facebook aveva postato delle frasi minacciose: ‘Oggi bomba a Ravenna’ e poi ‘Generale russo Cazacu Elena’. La donna rimarrà in carcere per l’interrogatorio di garanzia e si sta valutando la sua espulsione, anche se cittadina straniera comunitaria, per motivi di ordine pubblico.

Belen e De Martino a Ibiza da soli: passione alle stelle

C_2_articolo_3209594_upiImageppPrima la vacanza di famiglia, poi una sorta di luna di miele ripercorrendo i luoghi del cuore. A Ibiza Stefano De Martino e Belen si ritrovano innamorati persi come una volta. Ripartono da quel mare che tanto amano e tanto li unisce e si preparano ad allargare la famiglia. Nei social video e foto parlano la stessa lingua d’amore: scatti simili, una sola prospettiva e mani che si incrociano ancora.

Belen sfodera bikini da togliere il fiato, De Martino prende il sole e si lascia coccolare dalla moglie con una colazione all’aperto, inquadrano le stesse finestre e gli stessi dettagli, poi si regalano un intreccio di mani e di passione. La didascalia è solo un cuore che la dice lunga sulla loro storia d’amore più appassionata che mai.

Mark Caltagirone ad Amici 18, lo scherzo di Maria De Filippi a Sabrina Ferilli e la frecciatina: «anche se non siamo sotto testata giornalistica»

sabrina_ferilli__thumb660x453Mark Caltagirone ospite speciale della semifinale di Amici 18 che stiamo seguendo in diretta su Leggo.it. Maria De Filippi fa uno scherzo a Sabrina Ferilli che ritorna a ricoprire il ruolo di giudice per una sera. Torna l’iconico gioco delle cabine e tra gli intrusi arriva anche il “fidanzato” di Pamela Prati. Arriva anche una frecciatina: «anche se non siamo sotto testata giornalistica».

Il giallo dell’anno, ovvero il non matrimonio tra Pamela Prati e Mark Caltagirone è ufficialmente motivo di divertimento. Dopo i bellissimi meme su internete, anche Maria De Filippi mette il suo sigillo.
Durante il gioco delle cabine, ritornato appositamente per Sabrina Ferilli giudice per una sera, Maria De Filippi fa entrare anche Mark Caltagirone, con una bella frecciatinae: «anche se non siamo sotto testata giornalistica». Ad entrare però non è il fidanzato di Pamela Prati, ovviamente, ma un fantasma. Scoppiano tutti a ridere, la Ferilli commenta: «Prendiamola con simapatia che è meglio».