Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Latest

Maria Elena Boschi ha un nuovo fidanzato? All’evento si presenta con un attore: «Pazza d’amore»

boschi-berruti_131225354427556_1224_maria_elena_boschi_fidanzato_giulioberruti (1)Maria Elena Boschi sarebbe «pazza d’amore» e il presunto nuovo fidanzato non è uno sconosciuto. A uno degli eventi più ambiti del Fuori Salone di Milano, l’ex ministra si è presentata in compagnia di un attore. «Vengo con qualcuno», avrebbe annunciato agli organizzatori del party di Toilet Paper, seguito alla cena dell’artista Maurizio Cattelan in Triennale. E così si è mostrata in compagnia di un uomo lasciando tutti a bocca aperta. Al suo fianco c’era Giulio Berruti, attore romano noto per aver interpretato fiction televisive.

Il protagonista della serie tv “Ritorno a Rivombrosa” e vincitore l’anno scorso del talent show Dance Dance Dance era il suo “più uno”. E sembra che i due siano stati inseparabili. A colpire gli invitati, non solo il suo “sguardo perso”, ma anche il look particolarmente aggressivo e rock. Boschi era vestita di nero e con un giubbino di pelle.

La nuova coppia, immortalata in una foto pubblicata da Huffington Post, ha scatenato subito il gossip. Sono bellissimi, ma conducono due vite completamente diverse e hanno stupito tutti. «Ho visto Maria Elena Boschi arrivare a una festa con Giulio Berruti. Ma tipo lei che lo guardava pazza d’amore. Per me la settimana del mobile può finire qui», ha scritto su Twitter la giornalista del settimanale “Grazia”, Annalia Venezia.

Elisabetta Gregoraci aggredita da un comico di Made in Sud. «Gino Fastidio allontanato dalla produzione»

Elisabetta-Gregoraci-a-vieni-da-me-950x560Elisabetta Gregoraci e la rissa sfiorata dietro le quinte di Made in Sud. La conduttrice ha avuto un alterco con Gino Fastidio nel corso dell’ultima puntata del programma .La Gregoraci e Fastidio hanno avuto uno scontro acceso che sarebbe sfociato in una rissa. La discussione tra Elisabetta Gregoraci e il comico avrebbe costretto addurittura la produzione ad allontanare Fastidio.

In onda con il suo nuovo personaggio “il sommelier della marijuana”, Fastidio non sarebbe andato in onda nel corso dell’ultima puntata. Un’assenza che molti hanno notato e che ha mandato l’artista su tutte le furie. Il suo intervento sarebbe stato tagliato per far posto ad Elisabetta Gregoraci, co-conduttrice del programma che quest’anno vede come protagonista anche Stefano De Martino. La Gregoraci avrebbe sforato nei tempi rendendo necessari dei tagli per esigenze televisive, tagli che sono andati a discapito della performace di Gino Fastidio, come riporta FanPage.

Secondo alcuni testimoni dietro le quinte non sono mancate le tenzioni. Gino avrebbe inveito contro la conduttrice, tra lo stupore della produzione, che ha deciso di allontanarlo. Pare però non sia la prima volta che il comico vada in escandescenza e pare che non sia nemmeno la prima volta che tra i due nascano liti anche piuttosto accese. Questa è stata però la goccia che ha fatto traboccare il vaso al punto che potrebbe non essere riconfermato nel cast di un’eventale nuova edizione del programma.

Eva Grimaldi-Imma Battaglia, il testimone di nozze è Gabriel Garko

eva_grimaldi_imma_battaglia_gabriel_garko_04161830Fervono i preparativi per le nozze tra Eva Grimaldi e Imma Battaglia, che si sposeranno il prossimo 19 maggio in un resort alle porte di Roma. Ben dieci testimoni a suggellare il loro amore e tra questi anche Gabriel Grako, ex della Grimaldi e fan numero uno della coppia. “Adora Imma, ormai parla solo di lei e sta solo con lei. Quando ha saputo che ci sposavamo era al settimo cielo…” racconta Eva a “Chi”.

Manca poco più di un mese e ci sono ancora tanti dettagli da mettere a punto. “Non abbiamo ancora le fedi e questo è un dramma. Imma la settimana prossima… l’anello!” dichiara un po’ preoccupata la Grimaldi, che vuole delle nozze da principessa. “Io ho l’abito da sposa, sono la moglie. Avrò un vestito bellissimo, non dico com’è per scaramanzia, ma mica vado con i jeans, arriverei anche con la carrozza!”.

Si tratta del secondo matrimonio per l’attrice, che nel 2006 è convolata a nozze con Fabrizio Ambroso e da cui si è separata nel 2010. “Questo è tutto diverso, ho un’altra età e un’altra maturità”, spiega. “Io non me la immaginavo proprio questa vertigine: è incredibile come la vita sia bella. Imma è la persona della mia vita”.

Revenge porn, un 40enne napoletano come Tiziana Cantone: «Ricattato sul web, mi ammazzo»

foto-hard-472184.660x368 (1)Il revenge porn non è sempre un problema della donna, con l’uomo nella parte del carnefice: a volte accade anche il contrario. È il caso di Ferdinando (nome di fantasia), 40enne del napoletano, che due giorni fa ha annunciato su un gruppo social del suo paese che si sarebbe suicidato: «Addio sangiorgesi, questa sera mi ammazzo», ha scritto intorno alle 22, mettendo in allarme decine di utenti.

Lo racconta il quotidiano Il Mattino: dopo il post, decine di persone hanno telefonato alla polizia e ai carabinieri per segnalare la situazione, mentre sotto il post si moltiplicavano i commenti solidali con lui. «Non scherzo, mi tolgo la vita sul serio», ha però risposto il 40enne, salvato dall’intervento dei poliziotti che sono riusciti a tranquillizzato, nonostante un forte stato di agitazione. Il suo malessere non era dovuto alla depressione alla solitudine, ma – appunto – ad un caso di revenge porn.

L’uomo era stato infatti adescato sul web da un utente che affermava di essere una ragazza di 25 anni, di nome “Serena”: la donna dopo aver conquistato la sua fiducia con alcune conversazioni bollenti (comprese videochiamate con la webcam), martedì gli ha chiesto 1.500 euro «o i tuoi messaggi finiranno su tutti i gruppi». Secondo gli investigatori dietro la finta “Serena” ci sarebbe una banda specializzata in questo tipo di truffe: «So dove abiti, se non paghi manderò qualcuno da te stasera stesso», gli ha scritto dopo il suo iniziale diniego a pagare.

Così Ferdinando, triste e frustrato, ha pensato di risolvere il tutto e salvare la sua reputazione togliendosi la vita: per fortuna non ci è riuscito, grazie a quel post e all’intervento di utenti prima e poliziotti poi. «I due agenti intervenuti per salvarmi sono come angeli custodi», ha detto commosso, scrive Il Mattino. Il suo non sarebbe l’unico caso di ricatto legato al mondo delle «vendette a luci rosse» denunciato nella zona: la polizia postale ha già sequestrato pc e cellulare dell’uomo, con la speranza di trovare indizi utili per smascherare i malviventi.

Britney Spears si è fatta ricoverare in un centro di salute mentale: «È sconvolta dalla malattia del padre»

unnamedBritney Spears è stata ricoverata in un centro di salute mentale. La cantante sarebbe sconvolta dalla malattia del padre. Fonti vicine alla cantante hanno infatti rivelato al sito Tmz che l’idolo pop anni ’90 si sarebbe registrata in una struttura di questo tipo circa una settimana fa, struttura dove resterà per circa un mese. Secondo diverse testate Usa, inoltre, il ricovero sarebbe totalmente volontario.

Come racconta TMZ, si tratta di un periodo molto difficile per l’artista: a colpirne l’equilibrio, gli interventi subiti a intestino e colon dal padre, Jamie Spears, che avrebbe sofferto per le complicazioni dovute a una delle due operazioni, rischiando addirittura di morire. La cantante, in seguito ai problemi di salute del genitore, aveva già rinunciato nel gennaio scorso a continuare lo show ‘Domination’, annunciandone la fine con un commovente post su Instagram. Intanto, sempre su Instagram, Britney Spears non smentisce la notizia, ma pubblica un post dal chiaro significato: ‘We all need to take time for a little «me time»’, «Abbiamo tutti bisogno di prenderci del tempo per un pò di ‘tempo per mè».

Jim Carrey e Alessandra Mussolini, volano ancora stracci. L’attore risponde: «Sta abbracciando il male»

4398523_1452_carreycombo«Non sapevo della sua esistenza. È un po’ sconcertante che lei sia al governo, non perché è al governo, ma perché sta ovviamente abbracciando il male. Se vuole vederla diversamente può sempre capovolgere il mio disegno. E sembrerà che suo nonno stia saltando di gioia. C’è la sua soluzione proprio lì. Basta capovolgere il disegno». Volano ancora stracci tra Jim Carrey e Alessandra Mussolini. Dopo il primo botta e risposta nato dal disegno pubblicato dell’attore che immortalava Benito Mussolini e Claretta Petacci appesi a testa i giù in piazzale Loreto, l’attore ha risposto nuovamente alla parlamentare.

«Se state pensando a cosa porta il fascismo, chiedete a Benito Mussolini e alla sua amante Claretta», aveva scritto Jim Carrey. La risposta della Mussolini non si era fatta attendere: «You are a bastard». Ma il divo di Hollywood non l’ha lasciata passare e ha ribadito le sue posizioni definendo la Mussolini una donna che «sta abbracciando il male» sostentendo di non sapere «della sua esistenza».

Morto Cesare Cadeo: il presentatore aveva 72 anni, lavorò con Mike Bongiorno

4408262_2243_cesare_cadeo_mortoE’ morto il presentatore Cesare Cadeo, aveva 72 anni, lavorò in televisione con Mike Bongiorno e Sandra Mondaini. Personaggio della televisione, ma anche della politica. Volto di molti programmi sportivi di Mediaset, alla fine degli anni 90 era entrato in politica come assessore allo Sport della Provincia di Milano. Lascia tre figli. Era nato il 2 luglio 1946 a Milano e con la città meneghina aveva un profondo legame. A darne notizia il sito tgcom.

Iniziò a lavorare a Canale 5 nel 1981, come inviato e consulente aziendale, apparendo poi dall’anno successivo in Gol, programma calcistico condotto da Enzo Bearzot, e Superflash, al fianco di Mike Bongiorno. Nel 1983 condusse con Sandra Mondaini Five album. In quel periodo fu anche commentatore di molti programmi ed avvenimenti sportivi, realizzando come inviato una serie di servizi speciali per il programma Buongiorno Italia.

Padre di Alessandra, Filippo e Caterina, fu assessore allo Sport della Provincia di Milano tra il 1999 e il 2004, sotto la presidenza di Ombretta Colli. Era fratello di Maurizio Cadeo, assessore all’Arredo e decoro urbano del comune di Milano della giunta Moratti. Tifoso del Milan, fu presidente di Milanosport.

Tra i primi a ricordare Cadeo il collega Gene Gnocchi che ha parlato di “un gran signore e un vero amico”. “Se n’è andato in silenzio, con il garbo e la classe che ne hanno contraddistinto la vita”, ha scritto su twitter Maurizio Pistocchi. “Ha raggiunto Maurizio Mosca, Raimondo Vianello, Mike Bongiorno, Corrado. Giganti di un mondo che non c’è più”.

Belen e Gilda Ambrosio, sfida per Stefano De Martino: ecco cosa è successo in un party

4396279_1257_belen_gilda_40Piccola competizione tra Belen Rodriguez e Gilda Ambrosio. La ex (?) moglie di Stefano De Martino non avrebbe preso benissimo la presenza della ex compagna del ballerino in un locale. Ironia della sorte si sono ritrovati tutti e tre nello stesso posto e non sono mancate piccole scene di gelosia.

Il sito Tabloit.it, infatti, ha pizzicato la bella showgirl argentina al party Adoro dell’Armani Privé. De Martino durante la festa si è improvvisato come dj speciale per la serata e proprio mentre suonava Belen avrebbe iniziato a ballargli davanti in modo molto sensuale per attrarre la sua attenzione. Gilda però non è stata da meno e poco dopo ha iniziato a cantare “T’appartengo” accato alla consolle, forse per lo stesso motivo.

Una piccola sfida tra donne alpha. Belen e Stefano stanno cercando di rimettere in piedi il loro matrimonio, dopo una lunga crisi che ha portato anche al divorzio. Con Gilda, invece, De Martino ha vissuto una breve relazione, ma a quanto pare la Ambrosio non lo avrebbe comunque dimenticato.

Sarzana come Amsterdam, «quartiere a luci rosse nel centro storico». La proposta fa discutere

1511030029983.jpg--_importava__prostitute_dall_argentina__catanese_arrestato_a_montecatiniUn quartiere a luci rosse nel centro storico: è la proposta, che sta facendo discutere, di Emilio Iacopi, capogruppo della Lega a Sarzana, comune dell’entroterra della provincia di La Spezia vicino alle Cinque Terre. «L’unico modo per rilanciare il commercio cittadino è aprire un quartiere a luci rosse nel centro storico», ha detto Iacopi, che pensa ad un quartiere in stile Amsterdam, nel centro storico attraversato dalla via Francigena e che diede i natali a papa Niccolò V.

«Ieri in consiglio comunale – spiega Iacopi contattato dall’ANSA – stavamo affrontando l’annoso problema della crisi del commercio in centro città, tra fondi sfitti e proposte per far ridecollare il settore. Ho risposto così, in modo provocatorio, alla minoranza: il settore a luci rosse in effetti è l’unico che non conosce crisi». «In fondo non sto parlando di cose fantasiose. Accade già in molte città importanti nel mondo. Non solo Amsterdam, ma anche Parigi e altre», ha aggiunto.

Rispetto alla proposta della Lega in parlamento per la riapertura delle case chiuse, di cui ha parlato qualche settimana fa Matteo Salvini (lo avevamo raccontato qui) e su cui gli alleati di governo del Movimento 5 Stelle avevano ribattuto di poter dialogare, Iacopi si dice «favorevole». Ieri in consiglio era assente la sindaca Cristina Ponzanelli, che ha fatto sapere di non voler commentare le «provocazioni, che comunque stimolano il dibattito».

Salvini: «Castrazione chimica per i vermi violentatori di Catania»

4389550_1321_salvini_stupro_catania_castrazione_chimica«Per i vermi violentatori di Catania, che hanno stuprato una turista, nessuno sconto: certezza della pena e castrazione chimica!». Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini intervenendo sul caso di violenza di gruppo contro una donna americana avvenuto a Catania.

COS’È LA CASTRAZIONE CHIMICA
La castrazione chimica è un tipo di castrazione, solitamente non definitiva, provocata da farmaci a base di ormoni, indirizzata alla riduzione della libido e dell’attività sessuale. Fu sviluppata come misura temporanea preventiva per stupratori e pedofili ed è applicata come parte della pena di reati a sfondo sessuale, in diversi paesi, inclusi gli Stati Uniti e Canada, Russia, Polonia, Regno Unito, Svezia, Danimarca, Norvegia, Spagna, Germania, Francia. Spesso, la legislazione prevede che lo stesso pedofilo possa richiedere la castrazione chimica su base volontaria, talora ottenendo sconti di pena. In Italia non è prevista dalla legge.