Latest

Miriam Leone senza filtri e senza reggiseno sui social

E’ arrivata nella sua terra e dal suo mare lancia post ad alto tasso erotico. Miriam Leone pubblica uno scatto senza reggiseno, con la schiena nuda in bella vista, il capo chinato e lo sguardo rivolto verso il mare. “Io non ritocco” scrive nella didascalia lanciando un messaggio positivo ai follower. “Giocate con i filtri se volete, ma non diventatene mai schiavi” scrive la ex Miss Italia.

miriam leone-14

 

Basta poco per far sognare i follower e quella schiena nuda e il mare a fare da sfondo è sufficiente a scatenare le emozioni dei fan. “Acussì” scrive lei infischiandosene di tutto. Miriam Leone è naturale e genuina e dal suo post vuole lanciare un insegnamento: “Dovrebbe essere un claim ragazzi/e, il nostro mantra, la nostra forza, la nostra autodeterminazione… e sì, ci vuole forza, tanta forza ad accettare ciò che non ci piace di noi (che non è detto siano difetti, a volte sono nostre fissazioni, nostre ossessioni, compagni sgradevoli con cui magari siamo cresciuti/e) e a un certo punto liberarsi, accettarsi, che non significa accontentarsi, ma ricercare la versione migliore di noi stessi e abbracciarla”.

Lei è perfetta e bellissima, ma il messaggio social che lancia è all’insegna della positività e dell’accettazione: “Ragazzi/e giocate con i filtri se volete, ma non diventatene mai schiavi/e… è per questo che mostro da sempre foto di me senza trucco, naturali, cerco la luce, ma mai la falsità… adesso, intanto, respiro un po’ di mare e lascio fare alla luce quello che deve fare”. E quel che fa la luce è davvero strepitoso!

Il giallo di Giulia, la hostess morta a 29 anni nell’incendio della barca a vela: si indaga per omicidio colposo

Aperta un’inchiesta per omicidio colposo sulla morte di Giulia Maccaroni, la 29enne romana uccisa dall’incendio della barca su cui prestava servizio, a Marina di Castellammare di Stabia (Napoli).

Il fascicolo aperto dalla Procura di Torre Annunziata è al momento contro ignoti.

x6169071_1049_giulia_maccaroni_morta_rogo_barca_indagine_omicidio_colposo.jpg.pagespeed.ic.lXr6Yf0TUc

Gli inquirenti in particolare vogliono capire quali siano state le reali cause dell’incendio sviluppatosi sul veliero Morgane, andato a fuoco e quasi completamente affondato nella notte tra domenica e lunedì. Per questo si sta lavorando anche a recuperare l’imbarcazione, parzialmente affondata nella zona di Marina di Stabia, lì dove si è verificato il fatto.

C’è attesa inoltre per l’autopsia sulla salma della ragazza, che potrebbero fare luce sulle cause che hanno provocato la morte della ventinovenne, presente a bordo dell’imbarcazione quando attorno alle 3 di notte alcuni addetti alla sicurezza dell’area portuale si sono accorti delle fiamme e hanno dato l’allarme.

Elisabetta Canalis statuaria, le foto in intimo mandano in estasi i fan

L’estate di Elisabetta Canalis è terminata e, lasciata la sua Sardegna, è tornata a casa a Los Angeles. Ma la regina della seduzione italiana non abbandona i suoi follower e gli scatti hot su Instagram non sono certo sfuggiti ai suoi ammiratori.

Elisabetta-Canalis-intimo-Intimissimi-copertina

Alla soglia dei 43 anni, Elisabetta Canalis si conferma la regina della seduzione. Sui social l’ex velina, rimasta sempre nei cuori degli italiani, ha regalato per tutta l’estate scatti dall’alto tasso erotico con foto e siparietti imperdibili per i suoi follower. Video e foto bollenti per i follower di Instagram che l’hanno sicuramente incoronata regina della seduzione sui social network facendola arrivare alla soglia dei 3 milioni di seguaci.

In questo caso sono tre le immagini che sono state pubblicate da Elisabetta nazionale e poco importa se il motivo è la sponsorizzazione dei nuovi modelli di Intimissimi, tutti gli occhi sono per lei, per il suo fisico scolpito e le sue curve da capogiro che, ogni volta, mandano in estasi i suoi follower.

Eva Henger ricoverata d’urgenza dopo un malore al centro commerciale: «Credevo di morire»

Malore per Eva Henger mentre era al centro commerciale. L’ex porno diva è stata trasportata all’ospedale Sandro Pertini di Roma, in codice rosso, dopo essersi sentita male davanti alla figlia 12enne Jennifer, avuta dal marito Massimiliano Caroletti. La Henger avrebbe avuto un brutto attacco di panico, come racconta lei stessa in un’intervista a Oggi.

x6158573_1521_eva_henger_malore_figlia.jpg.pagespeed.ic.28ya16I0MH

«Credevo di morire, ho pensato seriamente che non avrei più rivisto mia figlia: ho temuto per la sua sorte. Ho vissuto lo sconforto, la pena, l’angoscia dell’attimo in cui ti senti che te ne stai andando; è stato terribile». Le crisi di panico sono iniziate quando si ammalò il suo ex Schicchi, poi negli anni è riuscita a domarli, ma in quel centro commerciale si è sentita nuovamente male. A scatenare l’episodio è stato un recente trauma subito con il suo autista, morto tragicamente mentre portava lei e il marito in aeroporto.

Eva sta quindi vivendo un momento difficile e le viene chiesto dove stia la figlia maggiore, Mercedesz: «Purtroppo non c’è rapporto. Non mi ha cercato. Ma io ci sono sempre e ci sarò sempre per lei». Le discussioni con la figlia sul compagno Lucas Peracchi hanno portato le donne ad allontanarsi.

Enzo Galli, l’ultimo messaggio alla moglie prima di morire: «Mi intubano, da domani non parleremo più»

Enzo Galli, l’ultimo messaggio alla moglie prima di morire: «Mi intubano, da domani non parleremo più». L’uomo, morto ieri all’ospedale di Careggi, a fine aprile era rimasto bloccato in India dove si era recato, insieme alla donna, per adottare una bambina. Tornò positivo al Covid e dal 9 maggio è stato sempre ricoverato.

6157076_2210_enzo_galli_covid_morto

«Mi intubano, ora ti saluto. Amore da domani non parleremo più. Mi affido totalmente alla volontà di Dio e alle decisioni che prenderete. Vi amo tanto. Stai sicura che Dio è più grande». È l’ultimo messaggio che Enzo Galli, ha inviato alla moglie Simonetta Filippi lo scorso il 29 maggio prima che lo intubassero.

Il 45enne è morto ieri all’ospedale di Careggi, dove era ricoverato dallo scorso 8 maggio a seguito della positività al Covid. «Né noi, né i medici ci aspettavamo quello che è accaduto. I medici – ha raccontato la moglie di Galli Simonetta Filippi – sono stati meravigliosi, sia sul piano professionale che umano. Hanno provato fino all’ultimo secondo».

La coppia, a fine aprile era rimasta bloccata una decina di giorni in India dove si era recata per adottare una bambina, quando a maggio sono riusciti a rientrare in Italia grazie a un volo sanitario sono risultati entrambi positivi. La situazione di Galli però è apparsa subito grave. Secondo il racconto della donna Galli è rimasto positivo dall’8 maggio «fino a due settimane fa» quando si è negativizzato ma ormai il suo organismo era stato troppo colpito dalla malattia e non ce l’ha fatta.

Modella sbranata da un leopardo durante un servizio fotografico, Jessica Leidolph è gravissima

Una modella è stata attaccata da un leopardo martedì scorso durante un servizio fotografico nel recinto dell’animale, nell’est della Germania: Jessica Leidolph, che ha 36 anni, riporta la Bbc, è stata ricoverata in ospedale in gravi condizioni con ferite alla testa.

leopardo-modella

L’attacco è avvenuto a Nebra, nella Sassonia-Anhalt, in un centro privato per animali in pensione già impiegati in produzioni cinematografiche, spot pubblicitari ed altre attività commerciali. Il proprietario del centro non ha voluto rilasciare commenti. Nel recinto in questione c’erano due leopardi, Troy e Paris.

Non è chiaro chi ha organizzato il servizio fotografico. In passato Troy e Paris sono sati impiegati per uno spot pubblicitario di tv al plasma. Il gruppo Peta per la difesa dei diritti degli animali ha chiesto che i felini siano tenuti in centri di soccorso riconosciuti dallo Stato, dove non possono essere sfruttati a fini commerciali.

Abbassa i pantaloni e fa vedere i glutei davanti alla cattedrale per la foto social: denunciato

Denunciato un turista di 37 anni, residente a Milano ma di origini calabresi, per atti osceni in luogo pubblico. Identificato ieri dalla polizia, il ragazzo è stato multato con una sanzione di 10 mila euro.

6155028_1221_glutei_cattedrale_noto

L’episodio è avvenuto la notte del 17 agosto a Noto (Sicilia), quando il ragazzo, approfittando della presenza di poca gente nel centro storico della città, dopo essere salito sulla scalinata della Cattedrale, in pieno centro storico, e si è abbassato i pantaloncini mostrando i glutei. Si è fatto poi scattare una foto e l’ha postata sul proprio profilo Instagram.

«Ylenia Carrisi ha incontrato il fratello», l’indiscrezione fa infuriare Yari: «Una ferita ancora aperta, sono deluso»

“Non sono mai stato in vita mia a Santo Domingo. Quella di Ylenia è una ferita ancora aperta: sono deluso”. Lo ha detto all’Adnkronos Yari Carrisi, smentendo le indiscrezioni secondo cui avrebbe incontrato segretamente a Santo Domingo la sorella Ylenia, scomparsa il 6 gennaio del 1994 da New Orleans. A Ylenia, Yari Carrisi ha dedicato un programma tv a cui sta lavorando: “E’ un programma televisivo di viaggio in memoria di Ylenia. Si chiamerà ‘YariYatry’ che in sanscrito vuol dire amico viaggiatore. Ci sono tanti elementi che ricordano mia sorella, come il viaggio, la spiritualità, il desiderio della scoperta e della purezza”.

ylenia carrisi viva-2

Alle nuove indiscrezioni su Ylenia replica anche Al Bano: “Rimango stupito – dice all’Adnkronos – Non penso proprio che mio figlio abbia detto di aver incontrato Ylenia. Sono dichiarazioni del tutto prive di fondamento. Purtroppo da anni c’è una speculazione sul nome di mia figlia, forse perché fa vendere i giornali. Vogliamo su questa vicenda essere lasciati in pace”, è l’accorato appello del cantante.

Figlia di Al Bano e Romina Power e nipote degli attori Tyrone Power, americano, e Linda Christian, messicana, Ylenia Carrisi aveva da poco più di un mese compiuto 23 anni, quando di lei si sono perse le tracce, il 6 gennaio del 1994 in Usa. L’ultima notizia la dava alloggiata all’hotel ‘Le Dale’ di New Orleans in compagnia di un artista di strada, Alexander Masakela, che fu anche arrestato il 31 gennaio 1994 ma poi rilasciato per mancanza di prove su un suo eventuale coinvolgimento nella scomparsa della ragazza. Un guardiano dell’acquario comunale affermò di aver visto una giovane simile alla descrizione di Ylenia gettarsi nelle acque del fiume Mississippi, evento ovviamente mai accertato. Da allora, varie ipotesi sono state avanzate da testimoni e da fonti giornalistiche più o meno attendibili: dall’uso di droga alla chiusura in un convento ortodosso in Arizona; ipotesi quest’ultima bollata da Al Bano come “vergognosa speculazione”. Nata a Roma il 29 novembre del 1970, Ylenia ha fatto la valletta televisiva nel programma a quiz condotto da Mike Bongiorno su Canale 5, ‘La Ruota della Fortuna’.

Nicole Minetti torna single, fine dall’amore con Giuseppe Cipriani: lei lascia casa e scompare dai social

E’ arrivata al capolinea la storia fra Nicole Minetti e l’ex fidanzato, l’imprenditore Giuseppe Cipriani. Ormai da tempo Nicole Minetti era scomparsa dagli obbiettivi dei paparazzi e aveva ricominciato una nuova vita all’estero a fianco del nuovo compagno: dopo l’addio ha lasciato la casa in cui convivevano e ha deciso di “scomparire” anche dai social.

115620054-ee2efb2c-f38d-456b-886b-ad3160fd32f8

Dopo il clamore vissuto in Italia, l’ex consigliere regionale Nicole Minetti aveva lasciato Milano per trasferirsi a Ibiza e iniziare una nuova vita a fianco del famoso imprenditore della ristorazione Giuseppe Cipriani. La relazione con il manager, durata quattro anni, secondo quanto riportato da “Chi” nelle “Chicche di gossip” sarebbe però stata ormai definitivamente archiviata.

L’addio tra Nicole Minetti e Giuseppe Cipriani non deve essere stato così semplice, dato che secondo il settimanale diretto da Alfonso Signorini, la Minetti avrebbe immediatamente lasciato la casa dove convivevano, decidendo anche di scomparire (forse temporaneamente) dai social. La sua ultima condivisione infatti risale a inizio luglio e da allora nel suo profilo non ci sono più post pubblicati…

Nirvana, il neonato sulla copertina dell’album “Nevermind” fa causa alla band per pedopornografia

Spencer Elder, il protagonista della copertina di “Nevermind“, celebre album dei Nirvana del 1991, ha ufficialmente fatto causa alla band per sfruttamento sessuale di minori. L’ormai 30enne fu fotografato all’età di 4 mesi nudo in una piscina di Pasadena, California.

nirvana-protagonista-cover-nevermind-causa-band-pedofilia-v3-536780-1280x720

Spencer ha dichiarato di non aver mai dato il consenso per quello scatto e per l’uso della sua immagine sulla copertina dell’album, in quanto neonato, e, a suo dire, nemmeno i genitori all’epoca firmarono una liberatoria. I due ricevettero un compenso di 150 dollari.

Quella foto ha contribuito a lanciare i Nirvana nel firmamento del rock mondiale con un album che la critica ha ritenuto tra i migliori di sempre, “pornografia infantile”. Il giovane ha dichiarato che il gruppo non ha mai mantenuto la promessa di coprire i genitali del piccolo con un adesivo: ora l’accusa chiede a ognuno dei componenti almeno 150mila dollari di risarcimento per non aver protetto l’immagine del bambino.

Gli eredi Kurt Cobain, per ora, non hanno replicato. In passato, lo stesso Eden aveva manifestato la sua ammirazione per i Nirvana, e in particolare la felicità di aver fatto parte di quell’album, tanto che, nel 2008, ricreò l’iconica immagine, facendosi ritrarre in piscina, ma in costume.