Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Michelle Carpente e l’amore con Max Biaggi: «Dopo le foto è scomparso. Pensavo di essere importante per lui»

Michelle-Carpente-parla-di-max-biaggi_20083031 (1)“Insieme abbiamo deciso di dire così. Invece ci stavamo frequentando, eravamo felici, ma Max si era lasciato da poco, non volevo aumentare il caos intorno a lui”. Hanno detto di essere solo amici ma l’attrice Michelle Carpente confessa di essere stata molto vicina a Max Biaggi: “Perché ho letto tante cose inesatte – ha fatto sapere a “Chi” – che sarei stata io la causa della rottura tra lui e Bianca Aztei: non è così, io l’ho conosciuto dopo, ma mi sono presa un sacco di insulti socìal e li ho incassati in silenzio per rispetto e amore nei suoi confronti”.
Per lui ha rinunciato agli eventi pubblici: “Ho rinunciato anche alle interviste per la promozione del mio programma Ben 10 per evitare domande su di lui, per fargli capire che non volevo approfittarmi della situazione e tenevo a lui in modo incredibile. Max vive a Montecarlo, una realtà protetta, non si rende conto di ciò che ho passato io a Roma: a qualsiasi evento partecipassi, mi chiedevano di lui. Ho sempre detto che non volevo parlarne, e intanto il mio lavoro è passato in secondo piano”
Dopo le foto pubblicate però tutto è cambiato: “Dopo l’uscita delle foto i rapporti si sono raffreddati. Lui mi ha rassicurato parlando dei suoi impegni di lavoro e dei viaggi per il mondo … Ma ho capito che per lui, vissuto al centro dell’attenzione mediatica per anni, la sua immagine pubblica è fondamentale. Ha iniziato a farsi sentire meno e mi è mancato in modo assurdo, sono stata male. Lui è sempre stato onesto, diceva di non volersi impegnare. Solo che se poi ti senti tutti i giorni più volte al giorno e passi bei momenti insieme pensi di avere una certa importanza nella vita di una persona”.

Michelle Carpente e l’amore con Max Biaggi: «Dopo le foto è scomparso. Pensavo di essere importante per lui»ultima modifica: 2018-06-21T03:37:56+02:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo