Eleonora Pedron e le foto sexy. “Mentre Biaggi sta in rianimazione”

Eleonora Pedron sta, come sua abitudine, postando foto sexy dai toni ammiccanti sul suo profilo Instagram.

2511417_2108_pedron (1)

Ma stavolta, anziché ricevere il solito coro di elogi, piove qualche critica. Alcuni followers infatti le rimproverano mancanza di sensibilità.
Il suo ex Max Biaggi è infatti ricoverato in rianimazione, in prognosi riservata, dopo un incidente motociclistico. Ma Eleonora ha fatto la normale scelta di proseguire la sua vita e la sua attività. Max Biaggi ora sta con Bianca Atzei, che invece aggiorna su Instagram i fan sulle condizioni del centauro.
Forse i seguaci della Pedron sono ancora legati alla coppia storica e molto mediatica con Biaggi che, però, appartiene al passato.

Selvaggia Lucarelli si pente: “Quella frase sul figlio di Belen me la potevo risparmiare”

Attenzione: Selvaggia Lucarelli ha fatto dietrofront e si è pentita di qualcosa che ha detto. Ci stiamo riferendo al rapporto non troppo pacifico che c’è proprio tra la Lucarelli e Belen Rodriguez. Si sarebbe pentita di aver detto alcune cose riferite al figlio di Belen e Stefano De Martino, pronunciate nel 2013: “Se po’ dì che si sono visti bambini più belli e che con una madre così, a Santiago je poteva andà meglio, o per punizione non riuscirò più a prendere sonno perché le gemelline di Shining mi fisseranno ai piedi del letto fino al 2018? No perché noi gli vogliamo bene uguale a Santiago, eh”.

belen-selvaggia-140915163749_big

Adesso, a distanza di 3 anni e dopo moltissime polemiche che hanno infuocato il rapporto tra le due, Selvaggia Lucarelli mostra segni di pentimento all’interno di un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport: “Forse potevo risparmiarmi la frase sul figlio di Belen. Sono anche io una madre e dovevo essere più sensibile”. La Lucarelli ha anche legittimato il suo diritto alla critica: “Io sono libera di usare i toni che voglio, a patto di essere rispettosa, come in effetti sono – ha ammesso -. Essere rompiscatole non legittima ad offendermi come è avvenuto a Gela. Nessuno si è scusato ufficialmente: né il Comune, né la società. Sono una donna, mi espongo e ho un pensiero critico. Mi sono fatta valere in ambienti maschili e maschilisti”.