Corona esce dal carcere, andrà in comunità: “Potrà dormire a casa sua”, ma non sarà libero

coronaSi avvicina la fine dell’incubo per Fabrizio Corona? L’ex “re dei paparazzi” uscirà dal carcere per tornare in una comunità terapeutica, secondo quanto ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano, che gli ha concesso l’affidamento in una comunità a Limbiate, nel milanese. Il giudice della Sorveglianza di Milano, Simone Luerti, accogliendo un’istanza del legale dell’ex agente fotografico, l’avvocato Antonella Calcaterra, ha concesso l’affidamento provvisorio e terapeutico in una comunità.
I suoi legali hanno sempre messo in luce, infatti, il suo stato di ex tossicodipendente da cocaina. La stessa richiesta, che in quel caso però riguardava una comunità nel Bresciano, era stata respinta lo scorso 13 settembre da un altro giudice della Sorveglianza, Beatrice Crosti.

Ora il provvedimento emesso, che permette a Corona di uscire già oggi da San Vittore, dovrà essere, però, confermato in un’udienza davanti a un collegio della Sorveglianza a fine marzo. Il giudice Crosti aveva deciso mesi fa che l’ex ‘re dei paparazzi’ doveva rimanere in carcere, dato che, scriveva, ci sono «concreti elementi» che testimoniano la sua «attuale pericolosità sociale».
DEVE SCONTARE ANCORA 4 ANNI Corona era tornato in carcere nell’ottobre del 2016 per l’ormai nota vicenda dei contanti per circa 1,7 milioni di euro trovati in un controsoffitto: con la sentenza di condanna ad un solo anno e con la quale, però, era caduta l’accusa principale di intestazione fittizia di beni, era stata anche revocata l’ordinanza cautelare. Dopo l’arresto, ad ogni modo, la Sorveglianza aveva revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali che era stato concesso, dopo anni di carcere, all’ex ‘fotografo dei vip’ nel giugno 2015.

Corona era prima andato nella comunità di Don Antonio Mazzi e poi era tornato a casa sua con la concessione dell’affidamento «sul territorio», fino al nuovo arresto. Ora continuerà il suo percorso in affidamento terapeutico in un’altra comunità. Il suo «fine pena», come risultava dall’ultimo provvedimento della Sorveglianza di settembre, è previsto per il 15 febbraio 2022 e, quindi, a fronte di un cumulo di pene per le varie condanne di 8 anni e 8 mesi, deve espiare ancora circa 4 anni.
PUÒ DORMIRE A CASA SUA MA USCIRE SOLO PER ANDARE IN COMUNITÀ Fabrizio Corona potrà dormire nella sua abitazione di via De Cristoforis, zona della movida milanese, dalla quale però potrà uscire soltanto per recarsi nella comunità per seguire il percorso terapeutico e psicologico, ha stabilito il tribunale di sorveglianza di Milano. La casa dell’ex re dei paparazzi è stata sequestrata nei mesi scorsi dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ma, da quanto si è saputo, ora l’amministrazione giudiziaria ha deciso di affittarla e l’avrebbe affittata la fidanzata dell’ex agente fotografico, Silvia Provvedi, del duo musicale Le Donatella.

Nina Moric finisce nei guai: presto comparirà in tribunale a Milano

Nina Moric è finita nei guai e deve comparire in tribunale a Milano mercoledì 27 settembre. La shogirl è accusata di diffamazione per avere accusato uno dei suoi follower su Twitter, nel luglio 2014, di averla “tempestata di messaggi e accuse gratuite”.

http-media.gossipblog.it552bnina-moric

La Moric avrebbe “offeso la reputazione” di un trentunenne scrivendo sul suo profilo: “Questa è la persona che mi tempesta di messaggi e accuse gratuite…” e “Ma solo a me capitano queste m…. !!! Ho fatto una super denuncia così se ne torna indietro”.
Non è la prima volta che viene sottoposta a processo e c’è un precedente per questo tipo di reato. Un po’ di tempo fa aveva definito “viado” la showgirl argentina Belen Rodriguez in un’intervista su Radio 24. L’accusa era di diffamazione aggravata da “un fatto determinato”.

Asia fa causa a Morgan per gli alimenti: “Ma è colpa di Sky che non lo paga”

Guai per Morgan. L’ex compagna Asia Argento ha trascinato il cantante in tribunale per gli alimenti che l’uomo avrebbe omesso di versare ad Anna Lou, la figlia nata dalla loro storia.

asia-argento-asia-argento-seksi-magazin-a-z-1124765

Secondo quanto riporta Novella 2000 Asia avrebbe denunciato l’ex giudice di X Factor lo scorso aprile, contestandogli la mancata assistenza economica alle spese di mantenimento della figlia che i due hanno in comune.
Il legale del cantautore Giampaolo Cicconi spiega a Novella: «Il mancato versamento degli alimenti è dovuto in parte anche a un mancato guadagno di Morgan: Sky non gli avrebbe pagato l’intero ingaggio a causa di inadempienze contrattuali nel 2014».

“Corona, soldi in nero per le serate in disco”: sequestrati 1,7 milioni

La sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ha sequestrato 1,7 milioni di euro a Fabrizio Corona. Il sequestro, da quanto si è saputo, riguarderebbe presunti soldi ‘in nero’ dell’ex fotografo dei vip.

Fabrizio Corona si è costituito a Lisbona

Nel provvedimento si farebbe riferimento anche alla «pericolosità sociale» di Corona.  Da quanto si è appreso, i presunti soldi ‘in nero’ trovati nella disponibilità di Corona si riferiscono a pagamenti in contanti ricevuti quest’anno dall’ex agente fotografico, che è in affidamento in prova ai servizi sociali, da parte di discoteche e altri locali notturni. Compensi a favore dell’ex fotografo dei vip, attraverso una sua società, la Atena, agenzia che si occupa di eventi e promozioni, su cui, però, non sarebbe stata pagata l’Iva per le prestazioni. Il sequestro, dunque, riguarderebbe 1,7 milioni di euro in contanti. È stato chiesto dalla Procura e disposto dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale milanese ed è stata fissata un’udienza per il prossimo 21 gennaio.

Grande Fratello Vip, Giulia De Lellis: “Se la Mosetti continua a insultarmi la porto in tribunale”

Se dentro la casa del Grande Fratello si respira un’aria di tensione dopo l’abbandono di Clemente Russo e le dichiarazioni di Stefano Bettarini, all’esterno le cose non vanno meglio.

1475579946-cattura

Giulia De Lellis, fidanzata di Andrea Damante ha pubblicato poco fa un post sulla sua pagina ufficiale in cui si scaglia contro Antonella Mosetti.
Sembrerebbe, infatti, che la Mosetti la scorsa notte abbia detto “L”avrei uccisa se stavo fuori” proprio parlando di Giulia e del litigio avuto con lei in diretta lunedì sera, per questo motivo ci tiene a fare una precisazione ” Io non ho mai offeso nessuno, non ho azzittito una donna più grande di me, una madre”.
Ma la frase che colpisce di più è “Se la signora Mosetti continuerà a parlare in quel modo di me minacciandomi e insultandomi ancora, dovrò agire per vie legali”

La coppia sposata vip e il ménage à trois: battaglia in tribunale per rivelare l’identità

Trema la misteriosa coppia sposata di celebrità britanniche che, secondo la stampa, sta cercando di nascondere almeno al pubblico inglese le indiscrezioni su un ménage à trois di cui risulta essere – o essere stata – protagonista.

8756_foto546b70891ca41La Corte d’appello di Londra ha infatti accolto oggi il ricorso presentato dal Sun, a nome anche di altri tabloid, contro l’ingiunzione giudiziaria che ha finora impedito di svelare in Inghilterra e Galles l’identità dei vip coinvolti nella ‘tresca’. Non è ancora il via libera al pubblico ludibrio mediatico poiché gli interessati hanno già presentato un controricorso. E la stessa Corte d’appello pur dando ragione ai giornali – insorti in nome di una certa idea del ‘diritto all’informazione’ – ha imposto loro di attendere fino alla pronuncia definitiva della Corte Suprema del regno. In primo grado la coppia invischiata nella faccenda si era vista dare ragione da un giudice, con tanto d’ingiunzione: provvedimento valido tuttavia solo in Inghilterra e in Galles, non in Scozia o negli Usa dove a quanto pare un paio di testate scandalistiche hanno già fatto i nomi. Accentuando la stizza dei tabloid di Londra contro quella che è stata denunciata dal Sun – ma pure dal Mail e persino dal più sobrio Telegraph – come una sorta di censura selettiva: tanto più «incomprensibile» poiché imposta nell’era della condivisione globale (delle notizie e del pettegolezzo) via internet.