Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Emma Marrone ferma il concerto: «Pensavo stesse morendo qualcuno», ma ciò che è accaduto ha sorpreso i fan

4306056_1306_emma_marrone_reggio_matrimonio_sissyMomento di tensione, Emma Marrone ferma il concerto. Uno show a 360 gradi quello di Emma Marrone ieri a Reggio Calabria. E durante il concerto non sono mancati momenti concitati, di commozione e amore. L’Essere Qui Tour – Exit Edition della cantante salentina è iniziato a Bari due giorni fa e la sua seconda tappa ha regalato diversi spunti. Tra questi anche un momento di panico, con Emma Marrone che ha interrotto il concerto e, spaventata, ha detto: «Pensavo stesse morendo qualcuno». Ma ciò che è accaduto è di tutt’altro tenore: un ragazzo stava facendo una proposta di matrimonio alla sua fidanzata.

«Sei sicuro? Tu hai detto anche si? Ma sei sicura? Evviva gli sposi», ha scherzato la cantante e subito il palazzetto ha risposto in coro con il più classico degli inviti: «bacio, bacio, bacio». Toccante anche il pensiero rivolto a Sissy Trovato Mazza prima di intonare la sua “Sarò libera”. «Voglio dedicare questa canzone ad una ragazza, una guerriera, molto coraggiosa, forse troppo coraggiosa – ha detto dal palco – Pensava di poter cambiare il mondo con la sua verità, con la sua battaglia personale, purtroppo non ce l’ha fatta. Sto parlando di Sissy Trovato Mazza. Ho avuto la fortuna di stringerle la mano e guardandola negli occhi ho capito quanto cazzo di forza c’era e c’è. Dedico questa canzone a lei e alla sua famiglia, a sua madre e sua sorella che sono due rocce e sono qui stasera».

Tra una lacrima e l’altra, una canzone dopo l’altra, Emma Marrone ha trovato anche il modo di dare un tocco sexy alla sua esibizione. I cambi di look durante la serata sono avvenuti tutti sul palco, con un gioco di luci che ha reso il tutto ancora più sensuale.

Emma Marrone ferma il concerto: «Pensavo stesse morendo qualcuno», ma ciò che è accaduto ha sorpreso i fanultima modifica: 2019-02-18T09:58:54+01:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo