Serena Grandi e la “cifra record” per partecipare: “Doveva rivelare un grande segreto”

MILANO – Con l’arrivo del Grande Fratello Vip si sprecano le indiscrezioni sui concorrenti in gara, e stavolta tocca a Serena Grandi.

56d1ce72e4b0838da0afc329_572a12fce4b0eba0320554b1_p854x570

L’attrice infatti per la sua reclusione avrebbe ottenuto una grossa somma in cambio, ma nel cachet sarebbe stato compreso anche un “segreto” che Serena doveva svelare, quello appunto riguardante il figlio: “In quel di Cologno Monzese – fa sapere Alberto Dandolo per “Oggi” – si mormora che Serena Grandi, 59, abbia ottenuto una cifra record per partecipare al Grande Fratello Vip.
Sembra però che, come obbligo contrattuale, l’attrice dovrà rivelare un grande segreto che riguarda il figlio Edoardo. Di cosa si tratta? Ah saperlo…”

“Cherry Season”, su Canale 5 torna la soap rivelazione

Su Canale 5 torna “Cherry Season – La stagione del cuore”, la soap opera turca rivelazione del 2016 accolta da numeri record nella scorsa stagione: una media di oltre 2 milioni di telespettatori con puntate che hanno superato il 25% di share. A partire dal 5 giugno, dal lunedì al venerdì alle ore 14.45, saranno in onda i nuovi episodi in prima visione. Le vicende girano intorno alla tormentata storia d’amore tra la stilista Öykü Acar e l’architetto Ayaz Dinçer.

C_2_articolo_3075115_upiImagepp

Il fenomeno dalla televisione si è allargato anche on-line. La soap è stata, infatti, uno tra i prodotti seriali più seguiti anche sul portale “Mediaset on demand”. Online sono nati centinaia di blog dedicati alle vicende dei protagonisti, tra migliaia di like sulle pagine Facebook e le discussioni nate sui social riguardo alla serie.
Lo scorso anno abbiamo lasciato i due protagonisti, Oyku e Ayaz, durante una vera e propria fuga d’amore destinata alle nozze. Riusciranno i due ragazzi a coronare il loro sogno d’amore?

Prof costringe l’alunna a fare pipì in classe, condannata a pagare un risarcimento record

Costretta a fare la pipì in un secchio a scuola, la studentessa riceve un milione di dollari come risarcimento. Una storia di soprusi quella che viene da San Diego, in California, dove l’insegnante Gonja Wolf ha obbligato una sua alunna a urinare nel secchio dopo averle negato il permesso di andare in bagno.

nintchdbpict000297375990-e1485513832799

La scuola prevede rigide regole sull’orario delle lezioni, una di queste è che non debbano essere interrotte da studenti che vanno in continuazione al bagno, specifica Metro, ma certo un’urgenza può scappare a tutti. La ragazza, che oggi ha 19 anni ma all’epoca dei fatti solo 14, fu costretta a fare pipì nel cestino, in classe davanti a tutti, cosa che le costò diversi atti di bullismo e problemi psicologici. L’insegnante si è giustificata dicendo che non pensava potesse causarle dei problemi psicologici, ma il tribunale ha dato ragione all’adolescente stabilendo il risarcimento da record. Oltre al milione le saranno accreditati 35 mila dollari per le spese mediche che ha dovuto sostenere.

Morta la hostess che nel ’72 precipitò da un volo a 10mila metri (e sopravvisse)

È morta nella sua casa di Belgrado, per cause ancora da chiarire, Vesna Vulovic, l’hostess serba unica sopravvissuta ad un incidente aereo nel 1972 dopo un volo di oltre diecimila metri. Ne ha dato notizia la tv di Stato serba. La Vulovic, che avrebbe compiuto 67 anni il prossimo 3 gennaio, si trovava sul volo 367 dell’allora compagnia aerea jugoslava Jat da Stoccolma a Belgrado, quando, a causa di una bomba, il Dc9 esplose nei cieli della Cecoslovacchia.

immagine-copertina

A bordo dell’aereo, il 26 gennaio del 1972, viaggiavano in totale 28 persone tra passeggeri e membri dell’equipaggio. La Vulovic – che si era imbarcata sul volo dopo aver cambiato turno con una collega – sopravvisse prima all’esplosione e poi ad un volo di 10.160 metri senza paracadute incastrata tra i rottami. L’aereo si schiantò tra le montagne innevate nei pressi del villaggio di Srbska Kamenice.
L’hostess venne ritrovata per caso da Bruno Henke, un ex medico dell’esercito. Riportò diverse fratture: al cranio, alle vertebre, alle gambe e rimase in coma per 27 giorni. Dopo qualche mese di riabilitazione si riprese completamente e tornò a volare come hostess. Fu licenziata nel 1990 per avere partecipato alle manifestazioni di protesta contro il governo di Slobodan Milosevic. La Vulovic, che in alcune interviste ha detto di «essersi sentita in colpa per essere sopravvissuta all’incidente», del quale non aveva memoria, era entrata nel Guinness dei primati per la caduta più alta senza paracadute, 10.160 metri. Il record le era stato attribuito nel corso di una cerimonia nel 1985 al quale aveva partecipato Paul McCartney.

Venduta a 300mila dollari la Fiat 500 usata dal papa in visita a New York

Andranno alle Catholic Schools, le Catholic Charities, i Catholic Relief Services e la Catholic Near East Welfare Association i 300mila dollari ricavati dalla vendita all’asta della Fiat 500 Lounge hatchback 2015 utilizzata da papa Bergoglio durante la visita a New York. La vettura, che ha un prezzo al pubblico di 24.695 dollari, è stata battuta a una cifra da record e se l’è aggiudicata il filantropo e uomo d’affari Miles Nadal.

0bf2fe30fd21c0c4874057689be92cb1-kEoB-U10708638510542YG-1024x576@LaStampa.it

«È stato un onore collaborare con l’arcidiocesi di New York. Sono entusiasta che la nostra asta di un veicolo unico nel suo genere sia stata battuta per un valore che supera 12 volte quello di mercato raggiungendo un risultato molto significativo per queste importanti cause benefiche», ha dichiarato Coppy Holzman, amministratore delegato di Charitybuzz, società che ha organizzato la vendita. Nadal, che vanta una collezione di più di 130 fra auto e moto, incontrerà il cardinale Timothy Dolan alla cattedrale di St. Patrick all’arcidiocesi di New York per la benedizione del veicolo. «I servizi segreti hanno confermato che il Santo Padre ha usato questa Fiat, come riportato dall’arcidiocesi di New York che fornirà una lettera di conferma a mr. Nadal», spiega la nota di Charitybuzz.

Diamanti e extra lusso al matrimonio del miliardario: c’erano anche J Lo e Sting

Un matrimonio da favola che, secondo alcune indiscrezioni, sarebbe costato un miliardo di dollari. Niente male davvero, alla faccia dell’austerity. Sono le nozze record di Khadija Uzhakhova (20 anni) e Said Gutseriyev, figlio 28enne del miliardario russo Mikhail Gutseriyev.

1639449_Schermata_2016-03-30_a_15_26_44

Non mancava proprio niente in queste nozze extra lusso: diamanti, cascate di fiori e le esibizioni live di Jennifer Lopez, Sting e Enrique Iglesias, pagati fior di quattrini per cantare alla cerimonia, organizzata al ristorante Safisa di Mosca.

1639449_Schermata_2016-03-30_a_15_25_38

Centinaia di invitati e pareti completamente ricoperte di fiori: l’imprenditore petrolifero russo ha un patrimonio che vale oltre sei miliardi di dollari. Le immagini del matrimonio sono state pubblicate su Instagram dagli invitati e hanno fatto ben presto il giro del mondo.

Ilaria D’Amico, mamma triste senza Gigi Buffon

C_4_foto_1469391_imageGli ultimi scatti di coppia vedono Gigi e Ilaria a passeggio per le vie del centro milanese per shopping, senza figli. Ilaria spesso viene paparazzata al parco giochi con i bambini, intenta a seguirli nelle arrampicate, nella merenda e nelle risate con gli amichetti. Mentre la D’Amico si occupa dei piccoli, Buffon raggiunge record e incassa vittorie. Ilaria e Gigi sono proprio una bella squadra!

Johnny Depp rischiò di non fare Jack Sparrow: la Disney voleva licenziarlo, ecco perché

È uno dei suoi personaggi più conosciuti e apprezzati: non molti, però, sanno che per la primissima interpretazione di Jack Sparrow, il protagonista della celebre saga cinematografica piratesca targata “Disney”, Johnny Depp rischiò o, meglio, ebbe paura di essere cacciato dal set.

pirates5title

A rivelarlo è stato lo stesso divo statunitense, che, in un’intervista concessa durante l’”AFI Fest”, annuale rassegna filmica organizzata a Los Angeles dall’”American Film Institute”, ha raccontato un gustoso aneddoto risalente ai tempi della lavorazione de “La maledizione della prima luna”, capitolo d’esordio, datato 2003, della tetralogia detta “dei Caraibi”: “Mi era arrivata voce che Michael Eisner (all’epoca amministratore del colosso californiano ndr.) si fosse lamentato dicendo “Dio Santo, Johnny Depp sta rovinando il film! È ubriaco? È gay?”. Quindi mi aspettavo di essere licenziato. Poi mi ha chiamato uno della “Disney”, che è stato abbastanza coraggioso da chiedermi, “Ma che c***o stai facendo?”. Stavano per mettere i sottotitoli al mio personaggio, non riuscivano a capire il Capitano Jack”.  A dispetto dei maggiorenti “Disney”, che, a quanto pare, – è un eufemismo – non apprezzarono immediatamente la disinvolta prova recitativa di Depp, Sparrow piacque molto ai critici, che, senza indugi, nominarono l’interprete di “Edward mani di forbice” all’Oscar” e al “Golden Globe” nella categoria miglior attore protagonista. Naturalmente, il pirata (forse) più famoso nella storia recente del grande schermo non lasciò indifferente neanche il pubblico, che si riversò in massa nelle sale facendo registrare un incasso record. Il gradimento degli spettatori si mantenne costante anche durante le uscite delle altre tre pellicole dell’epopea, un risultato che ha permesso alla casa di produzione americana di pensare alla realizzazione di un quinto episodio, “Dead Men Tell No Tales”. Il film, il cui titolo italiano non è stato ancora ufficializzato, è stato finito di girare in estate e verrà distribuito a partire dal 7 luglio 2017. Sicuramente, visti i precedenti, sarà un successo.

Benedetta Massola, matrimonio col pancione: “Al quinto mese. Sono la mamma dei record”

Per Benedetta Massola è arrivato il momento del grande passo. L’ex letterina infatti ha sposato, come testimoniano le foto pubblicate da “Chi” il manager francese Jean Sebastien Decaux, suo fidanzato da otto anni.

20151013_108797_3

Benedetta, già mamma di Sophie, è arrivata all’altare col pancione: “Sono la mamma dei record. Sono incinta di cinque mesi e mezzo e lo scorso venerdì abbiamo battezzato nostra figlia Sophie che è nata a dicembre 2014. Poi, il giorno dopo io e Jean Sebastién, siamo diventati marito e moglie. Non mi mancano la tv e nemmeno le occasioni perse. La mia realtà oggi è Sophie, il bambino che aspetto e il mio Jean accanto a me”.