Barbara D’Urso, video a sorpresa per i 60 anni: dalla morte della mamma al primo

Per la prima volta Barbara D’Urso entra nel “cinema emozionale” del suo “Domenica Live” e assiste alla sorpresa preparata dal programma per i suoi 60 anni. Deve intervistare un ospite, ma è ignara che la vita di cui si sta per parlare è la sua. In collegamento da Napoli c’è la sua seconda madre Wanda e dopo la raggiungono i fratelli e il primo amore.

barbara_d_urso_73_by_74_giatrus_by_74_giatrus-dah0czw

La clip racconta tutta la sua vita: dalla morte della mamma quando aveva solo 11 anni fino alla partenza per Milano quando da Carmelita è diventata Barbara. Il successo, gli amori, i figli e anche il tradimento dell’ex marito. La conduttrice ha versato lacrime in diretta e poi abbracciato la sua famiglia, la sua migliore amica e il primo fidanzatino. “Sono senza parole, siete pazzi”, ha detto più volte la D’Urso.
Durante i festeggiamenti viene mostrato anche l’invito che la conduttrice ha mandato ai suoi invitati per la festa a tema: un video in cui vestita anni ’70 canta la canzone di Marcella Bella “Montagne Verdi” e finge di essere un’annunciatrice dell’epoca. Infine gli auguri dei suoi telespettatori.

Alessandro Moggi: “La D’Amico si è montata la testa. Con Raffaella Fico sono davvero io”

“Ho pensato seriamente al suicidio. Tanti cari saluti, tutto sommato è stato bello. Ci sono stati momenti in cui avrei voluto ammazzarmi, ma per farlo ci vogliono le palle: per fortuna, non ne ho mai avute così tante. Se sono vivo devo ringraziare i miei figli, la medicina di tutto, le mie due enormi lacrime di felicità”.

Raffaella-Fico-e-Alessandro-Moggi-fidanzato-news-gossip-foto

Alessandro Moggi racconta così gli anni di Calciopoli nel suo libro “Figlio di: la mia vita nel mondo del calcio nonostante tutto” e della tentata serata con Ilaria D‘Amico: “Andammo insieme a Parigi a bordo di un aereo privato, ma alla fine andai in bianco. Fu il cazzeggio di un trentenne. Ilaria ha esagerato, si è montata la testa. Adesso con Raffaella Fico sono davvero io”.

Rigopiano, Francesca rompe il silenzio: “Quella notte ho lasciato una parte di me”

«Una parte di me è morta per sempre quel giorno». Domani, un mese dopo Rigopiano. Il rombo della valanga assassina che sventra l’hotel da libro dei sogni. Quello in cui i fidanzati andavano a vivere il loro febbrile amore. Stefano Feniello e Francesca Bronzi, lui salernitano, lei pescarese, si tenevano per mano nella sala del camino. Il soffio del destino cattivo, Francesca viva, Stefano lapidato da ghiaccio e macerie. La presenza d’amore che diventa lamento, poi rantolo, infine silenzio vicino a lei.

francesca-bronzi-porta-a-porta-intervista

«Se lui è morto, non mi sento fortunata ad essere stata salvata – singhiozza oggi Francesca, l’unica dei sopravvissuti a non aver mai rilasciato vere interviste -. Sto ancora troppo male per Stefano. Tenevo troppo a lui e al nostro rapporto. Proprio per rispetto suo, non mi sento di parlare a lungo di quanto accaduto. Quando sarò pronta, lo farò, ma ora no. Non è il momento».

LA TRAGEDIA
Ventinove morti, 11 salvati. Tutti in qualche modo fantasmi. Due piccini rimasti orfani forse potranno curare le loro ferite. Francesca no. Perché quella a Rigopiano doveva essere una vacanza indimenticabile. Perché era stata lei stessa a volerla e a organizzarla per festeggiare il compleanno, 28 anni, di Stefano. «Perché è come se io stessa l’abbia portato a morire» ammutolisce tra le lacrime lei.
«Da una parte – racconta il papà Gaetano – siamo felicissimi per averla potuta riabbracciare, di averla qui vicino a noi. Dall’altra io e mia moglie siamo quasi caduti in depressione nel vederla stare male. Il pensiero di Francesca è sempre rivolto a Stefano. Sta provando a reagire, ma è quasi sempre a casa. Se esce lo fa solo con me e la mamma o con qualche amica. Si sente spesso con i due fidanzatini di Giulianova, Giorgia Galassi e Vincenzo Forti, che erano con lei sotto le macerie dell’albergo. Solo loro, in questo momento, forse possono capire un po’ di quello che sta provando. Con gli altri però non si sente di parlare, non vuole ricordare niente. Troppo dolore. Stanno cercando di aiutarla degli psicologi. Sta facendo un percorso terapeutico».
Rigopiano, un mese dopo. Per placare lo strazio del ricordo Francesca è andata da Giorgia e Vincenzo, loro sì veramente fortunati. «Ci sentiamo spesso – dice Giorgia – e proprio ieri è venuta a trovarmi a Giulianova. Abbiamo passeggiato per il lungomare, abbiamo stabilito un rapporto dapprima nato dal grande dolore, ed ora dalla volontà di ripartire insieme verso il traguardo di una vita normale. La nostra è diventata una grande amicizia. Ci sosteniamo moralmente. Lei è intelligente, prima o poi riuscirà a superare questo momento tremendo. Quanto a me e Vincenzo, anche se siamo salvi entrambi, nessuno può sapere quanto questa vicenda ci abbia segnato nel cuore e nell’animo».
L’ATTESA FATALE
Al momento della valanga Francesca e Stefano stavano aspettando insieme a tutti gli altri ospiti dell’albergo di poter tornare a casa. Avevano lasciato le stanze e aspettavano l’arrivo dello spazzaneve nella hall. Loro due a sorseggiare un thè. I bimbi giocavano nella sala biliardo, mentre la gran parte degli altri ospiti era nell’open space. In un attimo tutto è stato buio. L’albergo trascinato e seppellito dalla valanga.
Sulla tomba di ghiaccio indaga il procuratore Cristina Tedeschini. Gli avvisi di garanzia sono nell’aria e incrimineranno la mancata segnalazione del rischio, la pessima gestione dell’emergenza e chi ha permesso di trasformare una vecchia locanda in resort di lusso. Non a caso, l’ultimo atto d’indagine riguarda la variazione del piano regolatore generale di Farindola affinché l’hotel Rigopiano nel 2007, non ancora funzionante (lo sarà nei primi mesi del 2008), potesse realizzare su 5.340 metri quadrati di area agricola il centro benessere e le strutture portanti in legno. Opere che forse non si dovevano fare.

Gf Vip, Mariana Rodriguez in lacrime incontra la mamma dopo un anno e mezzo

Momento davvero emozionante al Grande Fratello Vip.
Mariana Rodriguez viene invitata ad andare al confessionale dove può vedere un video in cui viene salutata da tutta la famiglia.

mariana-rodriguez

L’ rvm racconta del passato dfficile della modella venezuelana e del fatto che non vede i suoi da tantissimo tempo.
Ilary poi invita Mariana ad andare in una stanza dove ci sono due porte, se aprirà quella giusta potrà vedere la mamma.
Mariana si infuria e in lacrime urla “Non si gioca con queste cose!”, ma il Grande Fratello si sa è sadico e buono allo stesso tempo e dopo un anno e mezzo finalmente può riabbracciare la mamma arrivata appositamente dal Venezuela per lei.

Sabrina Ferilli: “Ho rotto il premio di Nanni Moretti”

“Quando sono stata a Sanremo, non mi sono goduta una serata. Nella mia stanza, c’era un quadro con un Pierrot che piangeva. Se c’è una cosa che non ho mai sopportato sono i Pierrot con le lacrime. L’ho tolto e l’ho messo su una verandina. Lo aveva dipinto Mussolini, il padre di Alessandra, io non lo sapevo ma siccome tutti conoscono le mie idee politiche… Un Macello! Questo, lo sai, è un Paese che va dietro alle str…”.

sabrina-ferilli-gelosa-di-monica-bellucci-attacca-fabio-fazioSabrina Ferilli strappa applausi a Domenica Live, raccontando la sua vita, dall’infanzia ai successi della carriera. Tra i ricordi, anche, il Premio Sacher ricevuto da Nanni Moretti. “Mi avevano detto: sai Moretti è un tipo particolare. Arrivo al premio e mi consegnano la sacher. Io, tornata a casa, l’ho messa in frigo, pensando fosse il dolce. Il giorno dopo non riuscivo a tagliarla, pensavo dipendesse dal frigorifero. Quando l’ho rotta, ho capito che era fatta di terracotta. Nanni Moretti è stato così gentile da darmene un’altra”.

Lily Rose, la figlia di Johnny Depp in lacrime all’aeroporto

Ha solo 16 anni ma da tutta la vita è sotto i riflettori e ora, dopo il suo debutto come attrice al Festival di Cannes, la sua carriera sembra pronta a decollare. Ma forse per Lily-Rose Depp, figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis, l’attenzione mediatica è troppa.

1736756_lilyrose

All’arrivo all’aeroporto di Los Angeles cerca in ogni modo di coprirsi il volto con il cappuccio della maxi felpa e risponde male ai fotografi, anche rivolgendo loro un gestaccio. Poi, mentre attende che la venga a prendere il fidanzato Ash Stymest, parlando al telefono scoppia in lacrime. Troppa pressione sulla giovane attrice e modella?

Belen Rodriguez in crisi, confusa e in lacrime in aeroporto di ritorno da Napoli

Di solito sorridente sotto l’obbiettivo dei paparazzi, stavolta Belen Rodriguez è stata travolta da un momento di tristezza.

1696569_scansione0047

La showgirl è stata fotografata da “Chi” all’aeroporto di Capodichino, a Napoli: qualcosa però sembra esser andato storto e confusa tra gli altri passeggeri la bella showgirl si lascia andare a un momento di tristezza. Forse le tante notizie di gossip dopo l’allontanamento (e il possibile riavvicinamento) col marito Stefano De Martino stanno un po’ “stancando” la bella Belen.