Ludovica Frasca dopo il ricovero in ospedale: «Sto meglio». Cosa è successo

4082611_ludovica_frasca_ricoverata_ospedaleLudovica Frasca è già tornata a lavorare a pieno regime dopo essere stata ricoverata per qualche giorno al Policlinico di San Donato Milanese. Ecco cosa è successo alla modella ed ex velina di Striscia la Notizia.

Il primo post su Instagram, con la foto di una flebo, nello scorso weekend aveva preoccupato non poco i follower. Successivamente, Ludovica Frasca ha spiegato di essere stata ricoverata per un problema allo stomaco, ma di essere in buone mani: «I medici e gli infermieri si stanno prendendo cura di me, grazie ai miei cari e ai follower per essersi preoccupati per me».

Il ricovero è durato solo pochi giorni e alla fine Ludovica Frasca è stata dimessa. Poche ore prima di lasciare l’ospedale aveva rassicurato ancora i follower su Instagram: «Sto meglio, anche se un po’ debilitata… Grazie per tutto l’amore che sto ricevendo da voi…».

L’ex velina, ed ex fidanzata di Luca Bizzarri, ha poi ironizzato così: «Fuori non ha fatto altro che piovere, ho scelto i giorni migliori per stare male. Grazie alle cure dei medici, sono riuscita anche a dormire e riposare bene». Una volta dimessa, Ludovica Frasca si è completamente ristabilita ed ha subito ricominciato a lavorare.

Demi Lovato, spuntano le foto prima dell’overdose: esce barcollando dalla discoteca

3877289_2132_demilovatoDemi Lovato esce barcollando da una discoteca nella parte Ovest di Hollywood, aiutata da due amici tra cui il rapper G-Eazy. Sono le ultime foto, pubblicate dal Mirror, prima dell’overdose di eroina che ieri l’ha costretta al ricovero.
La cantante, 25 anni, era stata paparazzata verso le 2:30 del mattino, malferma sul suo tacco 12: solo tre giorni dopo è collassata in casa. A salvarla, riportano i tabloid, un amico che le ha dato subito il Narcan, antidoto contro l’eroina, dopo averla trovata priva di coscienza per terra. La ragazza starebbe però migliorando, sarebbe sveglia e le sue condizioni sarebbero stabili. La famiglia ha chiesto di rispettare la privacy della cantante, negando in un primo momento l’ipotesi dell’overdose.

Frizzi, Signorini rivela: “Fabrizio sapeva che sarebbe morto, aveva un cancro inoperabile”

Frizzi_ok2-k8iB-896x504@Gazzetta-Web (1)Il conduttore de L’Eredità aveva fatto capire di non stare bene e di non essere guarito e quella che sembrava essere stata solo un’ischemia aveva tempi di ripresa molto più lunghi del previsto.
La verità, svelata da Antonio Signorini, è che Frizzi aveva un cancro. A Matrix il giornalista ha raccontato che il motivo della debolezza e della sofferenza del conduttore era dovuto a delle gravi metastasi. Dopo il malore, l’ischemia che gli è costata un immediato ricovero, i controlli fatti nei giorni successivi hanno mostrato un tumore che aveva ormai preso diversi organi ed era quindi inoperabile .

Purtroppo quindi Frizzi sapeva che non avrebbe potuto fare molto, sapeva che la sua vita non sarebbe stata più quella di prima: «E Fabrizio a quel punto era a un bivio: o rimanere a casa e aspettare il momento oppure andare in televisione a fare il suo lavoro e a portare ancora una volta il sorriso a casa della gente», spiega Signorini che conclude: «È questo il vero miracolo che ha fatto Fabrizio Frizzi».

Gianluca Grignani dopo la crisi e il ricovero: “Mi sto facendo aiutare per uscire dall’inferno”

“Io sono una persona molto ansiosa e mi capita che quest’ansia prenda il sopravvento sulla mia razionalità così se non mi aiuto con qualche farmaco ansiolitico mi vengono gli attacchi di panico”, Gianluca Grignani ricorda il mese di maggio, in cui per una crisi d’ansia è stata costretto al ricovero : “Così – ha raccontato a “Diva e donna” – è successo quel giorno: non ho preso questi farmaci che mi avrebbero sicuramente calmato e sono andato in panico, tanto da chiedere aiuto per strada”.

gg_2014

Adesso si sta facendo aiutare (“Mi sto facendo aiutare per superare queste ansie e debolezze anche per la mia famiglia e i miei figli!”), e non gli interessano i numerosi video che girano sul web: “No, non mi interessa e non voglio farmi del male ulteriormente. Poi è incredibile pensare che mentre stavo male certa gente si è preoccupata di riprendermi e buttarmi in rete”. L’annunciato ritiro dalle scene è non si verificherà: “Voglio bene al mio pubblico e mi piace esibirmi dal vivo. Ora sto suonando in acustico in giro per l’Italia; a novembre andrò anche in Europa, per poi arrivare a due eventi di dicembre per i miei 20 anni di carriera a Milano e Roma”.

Claudio Lippi chiede di parlare con Matteo Renzi. Il web si scatena, lui spiega cosa è successo

Claudio Lippi continua ad essere ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Matera. Il malore che lo ha colpito non gli ha permesso di partecipare alla trasmissione di Rai Uno “L’anno che verrà”. Secondo le indiscrezioni sembrava stare meglio, ma il messaggio di Claudio Lippi su Twitter ha preoccupato i fan: «Sono ricoverato a Matera. Avrei urgente necessità di comunicare con Matteo Renzi.

c5349f06779794cae6d28273d75fad55

Qualcuno glielo può comunicare? Grazie». Così ha esordito sul social il conduttore, chiedendo di poter parlare con il premier. Gli utenti della rete gli hanno fatto presente che avrebbe potuto comunicare direttamente con lui con un mention, così Lippi si è rivolto allo stesso Renzi con una serie di tweet: «Caro Matteo, ho urgente bisogno di comunicare con te. Sono in intensiva all’Ospedale di Matera. Ti assicuro che sei determinante per la mia vita. Non è uno scherzo. Ti prego!».

IL CHIARIMENTO DI CLAUDIO LIPPI «Mi piacerebbe incontrare il premier Renzi, perché sono incuriosito dal suo modo di comunicare. Ma sul mio profilo Twitter ho scritto un unico messaggio, che adesso neanche si trova più: ‘se qualcuno ha modo di mettermi in contatto con Renzi – avevo scritto – vorrei parlare con lui’. Non era un appello, ma una richiesta. Gli altri messaggi, probabilmente, sono opera di un hacker, o qualcuno mi ha sottratto il telefono mentre facevo degli esami». Raggiunto al telefono dall’ANSA nell’ospedale di Matera, dove si trova ancora ricoverato dopo il malore che lo ha colpito il 31 dicembre, in attesa di essere dimesso giovedì prossimo, Claudio Lippi fa chiarezza sul piccolo caso scoppiato sui social, tra messaggi di solidarietà e commenti ironici. «Ho scritto in un momento di noia – spiega il conduttore -. Sto meglio, aspetto di essere finalmente dimesso dopo il rammarico di aver dato forfait ad un appuntamento al quale tenevo molto (lo show di Capodanno di Rai1, ndr). E mi sono incautamente avventurato in qualcosa che non immaginavo potesse diventare un’arma a doppio taglio. Vorrei incontrare Renzi, mi interessa come comunicatore, anche perché non mi appartiene giudicarlo sotto altri profili. Lavoro da 50 anni e mi sono sempre interessato alla comunicazione, nelle sue varie applicazioni, e sono incuriosito dal modo di comunicare del premier: non sapendo come raggiungerlo, ho pensato di usare un canale che utilizza spesso. Ho una personale ‘raccolta’ di primi ministri con cui ho avuto occasione di entrare in contatto: con Berlusconi ho lavorato per vent’anni, ma non l’ho più incontrato dal ’94». Dopo il primo tweet, però, sul profilo di Lippi ne sono comparsi altri, immediatamente rimbalzati in rete: «Non sono opera mia, evidentemente si è inserito un hacker che ha rubato il mio profilo. Non saprei neanche come cancellarli. Riconosco che ho trovato un’infinità di messaggi di auguri, e questo fa piacere, ma se in compenso si rischia di subire situazioni che montano sul nulla, allora… In buona fede, non ci avevo proprio pensato. Ma ora mi sembra corretto dire l’unica verità». Dopo questa esperienza, Lippi ha provato «l’istinto di lasciare Twitter. Ma visto che sono in buona fede, lo uso relativamente, leggo quello che bonariamente mi scrivono, resto. Cancellarsi sarebbe come una confessione di torto. Insomma rimango, ma starò più attento».