Morto Cesare Cadeo: il presentatore aveva 72 anni, lavorò con Mike Bongiorno

4408262_2243_cesare_cadeo_mortoE’ morto il presentatore Cesare Cadeo, aveva 72 anni, lavorò in televisione con Mike Bongiorno e Sandra Mondaini. Personaggio della televisione, ma anche della politica. Volto di molti programmi sportivi di Mediaset, alla fine degli anni 90 era entrato in politica come assessore allo Sport della Provincia di Milano. Lascia tre figli. Era nato il 2 luglio 1946 a Milano e con la città meneghina aveva un profondo legame. A darne notizia il sito tgcom.

Iniziò a lavorare a Canale 5 nel 1981, come inviato e consulente aziendale, apparendo poi dall’anno successivo in Gol, programma calcistico condotto da Enzo Bearzot, e Superflash, al fianco di Mike Bongiorno. Nel 1983 condusse con Sandra Mondaini Five album. In quel periodo fu anche commentatore di molti programmi ed avvenimenti sportivi, realizzando come inviato una serie di servizi speciali per il programma Buongiorno Italia.

Padre di Alessandra, Filippo e Caterina, fu assessore allo Sport della Provincia di Milano tra il 1999 e il 2004, sotto la presidenza di Ombretta Colli. Era fratello di Maurizio Cadeo, assessore all’Arredo e decoro urbano del comune di Milano della giunta Moratti. Tifoso del Milan, fu presidente di Milanosport.

Tra i primi a ricordare Cadeo il collega Gene Gnocchi che ha parlato di “un gran signore e un vero amico”. “Se n’è andato in silenzio, con il garbo e la classe che ne hanno contraddistinto la vita”, ha scritto su twitter Maurizio Pistocchi. “Ha raggiunto Maurizio Mosca, Raimondo Vianello, Mike Bongiorno, Corrado. Giganti di un mondo che non c’è più”.

Gerry Scotti dopo 40 anni lascia la tv? Il conduttore cambia tutto: il nuovo lavoro?

4034557_1257_gerry_scotti_lascia_tvArriva non esattamente come un fulmine a ciel sereno l’annuncio di Gerry Scotti al suo amatissimo pubblico: per il simpatico presentatore Mediaset, infatti, sarebbe giunto il momento di ritirarsi dalla tv dopo 4 decenni sempre sulla cresta dell’onda.

D’altronde Gerry Scotti, attualmente impegnato con Caduta Libera e come giudice di Tu si que vales, aveva già accennato che compiuti i 60 anni, avrebbe voluto dare una svolta alla sua vita.

Di recente ha dichiarato:

“L’età media per gli uomini è sopra gli 80 anni. Considerando che ne ho passati 20 a diventare uomo, 40 a fare un lavoro che mi piaceva molto e che mi è arrivato senza che lo cercassi, mi piacerebbe nei prossimi 20 affrontare qualche sfida in più”.

Gerry Scotti lascia la tv, il nuovo lavoro sorprende tutti
Possiamo dunque ipotizzare che quello che da sempre è stato definito l’erede di Mike Bongiorno saluti gli spettatori al termine della stagione televisiva che pare si concluderà con The Wall.

Ma lo zio Gerry in tanti anni di onorata carriera davanti alle telecamere è comunque riuscito a coltivare – letteralmente – una delle sue grandi passioni e ha messo su una azienda vitivinicola che potrebbe essere la sua nuova grande avventura.

“Mi sono arrivate offerte da persone che volevano cedere le loro aziende, ma tutte le volte che devo decidere mi sudano le mani”.

Forse questo è il momento per fare il passo più importante e dedicarsi alla vita privata, gli affetti e accettare altri input e forse la morte di Fabrizio Frizzi lo ha aiutato a maturare la decisione di lasciare la tv.

Non del tutto, magari…A Scotti, infatti, piacerebbe parecchio poter girare documentari on the road, su argomenti che gli stanno a cuore e che conosce bene, come appunto il vino, o le motociclette, gli Stati Uniti d’America e la musica.

Insomma di carne al fuoco ce n’è parecchia e se anche il futuro di Gerry non sarà più in tv, siamo sicuri che i fan lo seguiranno e gli staranno vicini qualunque strada sceglierà di percorrere.

Antonella Elia rivela: «Ho abortito a 26 anni, ora mi sento sola e incompleta»

4030048_1529_antonella_elia_abortoAntonella Elia rivela il suo rimpianto più grande: «Ho abortito quando avevo 26 anni e non ne ho mai parlato, è ora di liberarmi di questo peso. All’epoca, non volevo crescere un bimbo con un uomo con cui non avrei mai costruito nulla. Volevo essere libera e ora quella voglia di libertà mi si è ritorta contro».

A distanza di quasi 30 anni, l’ex valletta di Raimondo Vianello, Corrado e Mike Bongiorno in Pressing, La Corrida e La ruota della fortuna, torna su un argomento intimo e molto delicato. In un’intervista a Chi, Antonella Elia ha spiegato: «In amore non sono stata fortunata, ora rimpiango quel bimbo che scelsi di non avere, mi sento incompleta e questa solitudine fa malissimo anche solo a pensarci. Ormai, alla soglia dei 55 anni, il pubblico è la mia vera famiglia».

Dopo la partecipazione a reality come L’Isola dei Famosi e Pechino Express, Antonella Elia ora è impegnata con Tale e Quale Show, il varietà condotto da Carlo Conti: «Lo sto vivendo come l’occasione della vità, per la prima volta posso mettere alla prova le mie qualità artistiche. Ci sto mettendo davvero il massimo impegno, ma è anche vero che la giuria non può darmi un 10 se merito un 5. Forse tengo davvero troppo a questa mia esperienza, ma ho abbandonato la carriera televisiva quando ero all’apice, per mia scelta personale, ma ora ne sto pagando le conseguenze».