Processo Wanda Nara-Maxi Lopez, chiesti 4 mesi di carcere per la moglie di Icardi

C_2_articolo_3169545_upiImageppQuattro mesi di carcere per Wanda Nara, moglie e manager dell’attaccante dell’Inter Mauro Icardi. E’ la richiesta formulata dal pm secondo il quale la showgirl argentina è colpevole di avere condiviso su Facebook e Twitter il numero di cellulare dell’ex marito, il calciatore argentino Maxi Lopez, causandogli un danno durante le operazioni di calciomercato del 2015. L’udienza è stata aggiornata al 29 ottobre per la lettura della sentenza.

La 31enne, che proprio in queste ore ha aperto gli armadi di casa sua mostrando borse e scarpe di lusso sui social, era attesa in aula, a Milano, per riferire la sua versione dei fatti davanti ai giudici della seconda sezione penale. Ma ha preferito non presentarsi.

L’avvocato Giuseppe Di Carlo, suo difensore, ha chiesto, invece, l’assoluzione in quanto “non vi è la prova della responsabilità” della donna. “Non c’è la prova che sia stata lei l’autrice dei post sui social network – ha sottolineato – e nemmeno che abbia creato un danno al calciatore”.

Wanda Nara choc: “Maxi Lopez ha picchiato i nostri figli”. Lui nega tutto e accusa Icardi

Continua, tra reciproche accuse velenose, la battaglia legale tra Maxi Lopez, attaccante del Torino, e la ex moglie Wanda Nara, attuale sposa dell’interista Mauro Icardi. L’ultimo capitolo dello scontro tra gli ex coniugi si arricchisce di un’accusa pesantissima da parte di Wanda Nara: «Maxi Lopez si è presentato a casa mia, voleva portare via i nostri figli ancora in pigiama, loro non volevano e lui li ha picchiati».

maxi-lopez-icardi-wanda-645-ok1

A confermarlo, come riporta la Gazzetta dello Sport, sarebbe stata la legale di Wanda Nara, che avrebbe confermato lo scambio di messaggi tra la bionda argentina e un giornalista di Buenos Aires. Maxi Lopez nega tutto e accusa Icardi: «La giustizia argentina aveva stabilito che io potessi passare con i miei tre figli il periodo che va dall’1 al 20 giugno, in un luogo che decido io. Da quel momento ho subìto accuse, attacchi e cattiverie di ogni tipo. Wanda è fuggita negli Stati Uniti, lasciando i bambini dalla madre, e quest’ultima ha fatto di tutto per impedirmi di vederli. I miei avvocati hanno lavorato duramente ma non sono riusciti a convincerla, poi è arrivato Icardi che ha fatto aumentare la tensione e fatto piangere i miei figli. A quel punto ho preso e me ne sono andato».
Al momento, pare che Icardi abbia chiesto e ottenuto che i tre figli debbano rimanere in Argentina grazie all’esercizio della patria potestà. Wanda ha pubblicato un documento su Twitter, ignorando però la richiesta dell’ex marito: «Se lui vive in Italia, come farà a crescere i figli che dovranno vivere in Argentina?».