Nuoro, uomo di cinquant’anni si suicida per una sua foto hard divenuta virale. Era ricattato

4573625_1225_3204056Una foto hard che circola sui social e che diventa tentativo di estorsione per un artigiano nuorese di 50 anni. Quindi la vergogna e la disperazione fino al suicidio, non prima di aver raccontato la sua storia su Facebook. L’uomo – come riporta La Nuova Sardegna – si è tolto la vita nel reparto di Psichiatria del San Francesco di Nuoro, dove era ricoverato dopo un primo tentativo di suicidio in casa. Gli inquirenti confermano il suicidio in ospedale ma sulle cause mantengono uno stretto riserbo e sarà un’inchiesta della Procura di Nuoro a fare luce.

«Chiedo scusa pubblicamente a tutti i miei amici di Facebook». Così iniziava il post su Facebook in cui l’artigiano 50enne, suicida la notte scorsa, il 26 maggio sulla sua pagina del social network denunciava l’episodio di revenge porn ai suoi danni. «Arriveranno non so a quanti di voi delle mie foto prese da una videochiamata (lo so da stupido), ma non intendo cedere a nessun ricatto. Qualcuno ha approfittato del presunto mio momento di debolezza, mi vogliono ammazzare. Però questo lo dico a chi mi vuole bene che intendo lasciarmi tutto alle spalle, sto provando con tutte le mie forze a risollevarmi e non sarà certo una put…a cambiare i miei programmi -scriveva l’uomo- Sempre a chi mi vuole bene prometto di tornare al più presto quello che conoscevate». Ma il 50enne, invece, dopo qualche settimana ha deciso di farla finita.

Walter Nudo, la confessione choc dell’ex compagna: «Mi ha abbandonato con i figli»

4117253_8_20181119072234Abbiamo visto più di qualche volta Walter Nudo commuoversi nella casa più spiata d’Italia ripensando ai suoi due bellissimi figli, Elvis e Martin, ma il motivo per cui soffre così tanto per loro è stato svelato solo adesso dall’ex compagna Tatiana. La bellissima ballerina ha rilasciato a DiPiù un’intervista fiume mettendosi a nudo e svelando che l’attore canadese naturalizzato italiano soffre per i sensi di colpa di essersene andato: “Walter mi abbandonò senza un soldo e con due bambini da crescere. Ho visto le lacrime di Walter in televisione, ho visto la sua disperazione. Credo – ha aggiunto – che le sue siano più che altro lacrime dettate dai numerosi sensi di colpa che affollano la sua mente, nei confronti di Elvis e Martin, ma forse anche nei miei confronti visto che per anni si è allontanato da noi”.

Miss Gran Bretagna si toglie la vita: il fidanzato si uccide cinque giorni dopo il funerale

3852154_Schermata_2018-07-12_alle_17_47_23«Non smetterò mai di amarti e il mio cuore sarà tuo fino al giorno in cui mi unirò a te. Ci rivedremo molto presto, angelo mio» aveva scritto Aaron su Facebook nei giorni della disperazione e del dolore. Non erano solo parole, le sue: era amore vero, Aaron voleva raggiungerla dovunque fosse. Erano fatti l’uno per l’altra, accomunati com’erano dall’amore e dalla segreta disperazione dovuta a quel “mal di vivere” che non riuscivano a scrollarsi di dosso e che nascondevano a tutti. Aaron, che per un decennio era stato in cura per problemi psicologici, quattro anni fa aveva già tentato il suicidio. Sophie, dal canto suo, in passato aveva avuto anche lei problemi psicologici e lottava ancora contro la depressione.
Sembrava che il loro incontro fosse stato una benedizione per entrambi: uniti, avrebbero potuto dare una svolta alle proprie vite e tuffarsi nelle gioie della vita. Appena un mese fa stavano organizzando il loro matrimonio, che avevano annunciato il 29 maggio con un post su Facebook: non sapevano che nel giro di poche settimane tutti i loro progetti sarebbero svaniti, come se tutto fosse stato un sogno.
Sophie, ricordata da tutti come una ragazza simpatica e amorevole, umile e intelligente, laureata alla Northumbria University, era una modella sempre disposta a dare consigli alle ragazze che volevano intraprendere la sua stessa carriera. Aaron la amava più della propria vita. Insieme non ce l’hanno fatta: sono stati risucchiati entrambi da quel male oscuro a cui non riuscivano a dare un nome e contro il quale non esistono medicine.

Elisa Isoardi, preghiera alla Madonna per le coppie in crisi: «Tu conosci la mia disperazione e il mio dolore…»

isoardi-madonna_19123341Elisa Isoardi si rivolge alla Vergine Maria con una preghiera alla Madonna pubblicata sul suo profilo Instagram che sarebbe stata scritta per le coppie in crisi.
La compagna di Matteo Salvini ha postato una foto con il volto provato, e in secondo piano un quadro con un’immagine sacra.
«Alla mamma di tutte le mamme – si legge nel post – Vergine Maria, Madre che non hai mai abbandonato un figliolo che grida aiuto, Madre le cui mani lavorano senza sosta per i tuoi figli tanto amati, perchè sono spinte dall’amore divino e dall’infinita misericordia che esce dal tuo cuore, volgi verso di me il tuo sguardo pieno di compassione, guarda il cumulo di ‘nodi’ che soffocano la mia vita.
Tu conosci la mia disperazione e il mio dolore. Sai quanto mi paralizzano questi nodi e li ripongo tutti nelle tue mani.
Nessuno, neanche il demonio, può sottrarmi dal tuo aiuto misericordioso.
Nelle tue mani non c’è un nodo che non sia sciolto.
Vergine madre, con la grazia e il tuo potere d’intercessione presso tuo Figlio Gesù, mio Salvatore, ricevi oggi questo ‘nodo’ (nominarlo se possibile). Per la gloria di Dio ti chiedo di scioglierlo e di scioglierlo per sempre.
Spero in te.
Sei l’unica consolatrice che il Padre mi ha dato. Sei la fortezza delle mie deboli forze, la ricchezza delle mie miserie, la liberazione da tutto ciò che m’impedisce di essere con Cristo.
Accogli la mia richiesta.
Preservami, guidami, proteggimi.
Sii il mio rifugio.
Maria, che sciogli i nodi, prega per me. buonanotte»
Tanti i commenti: molti criticano il compagno e la sua politica sui migranti. Ma ci sono anche apprezzamenti.
La preghiera, come si legge su Repubblica, è la novena di “Maria che scioglie i nodi”. Secondo la devozione, la preghiera di una coppia di sposi in crisi che ha anche ispirato un’opera pittorica.

Maurizio Ferrini choc: “Vicino a chiedere l’elemosina per la strada. Salvato da due angeli”

download (3)“Giravo su una Bmw superlusso, avevo una moto che neanche Valentino rossi si sognava e non c’era verso di entrare in una boutique senza che mi chiedessero l’autografo, regalandomi di tutto. E adesso invece guardi un po’ come mi sono risotto”. Leggo.it torna a parlare di Maurizio Ferrini, diventato famoso interpretando la “Signora coriandoli” in tv: “Ho detto qualche ”no” di troppo a persone influenti nel mondo dello spettacolo – ha fatto sapere a “DiPiù” – e queste cose si pagano caro”.
Il problema è che ha speso tutto quello che aveva guadagnato: “Ho guadagnato tanto ma ho speso di più: soprattutto in viaggi e libri, tanti libri, niente vizi e stravizi da star, sia ben chiaro. Così, a un certo punto, i soldi sono finiti e, non avendo più entrate, per tirare avanti ho dovuto vendere tutto, chiedendo aiuto alle poche persone fidate che mi erano rimaste. Facevo la spesa al discount, cercando prodotti a basso prezzo: di solito· avevo in tasca solo monetine e a volte, per non fare la figura di quello che snocciola sul banco gli spiccioli a uno a uno, andavo al distributore per chiedere se me li cambiava in dieci euro di carta. Poi pregavo, pregavo tanto, piangendo in silenzio nelle notti insonni. La fede è sempre stata un grande aiuto, per me; credo che nei momenti di estremo bisogno, di disperazione, la preghiera sia l’unica salvezza”.
Poi è arrivata l’Isola dei Famosi: “Partii, per quelle poche settimane tornai in TV e sui giornali. Ma fu un attimo fuggente, il buio tornò quasi subito. Da allora in poi mi sono arrangiato come meglio potevo, ho vissuto ospite a casa di amici, poi con la mia fidanzata di allora in Brianza, in un modesto residence che però a un certo punto non potevamo più pagare; ci lasciammo, io finii da amici ad Ancona e infine qui a Roma. Sono arrivato al 2017 in una situazione disastrosa. Una volta mi hanno invitato a una festa e c’era anche un mio amico, il celebre scienziato Paolo Zamboni, quello che ha monitorato l’astronauta Samantha Cristoforetti in orbita. Mi sono avvicinato e gli ho detto senza pudore: “Paolo, ho bisogno di fare un po’ di spesa”. Mi ha messo in mano trecento euro, non mi sembrava vero di maneggiare banconote. Il passo successivo sarebbe stato chiedere l’elemosina per la strada. Ma a un certo punto sono arrivati due angeli: Eleonora Daniele, che lei scorso ottobre mi ha chiamato nella sua trasmissione Il sabato italiano su Raiuno e Sara Guglielmi, la donna che da un anno mi sta accanto”.