Corona, show in tv da Giletti: «Don Mazzi deve appendere il crocifisso al chiodo»

corona-mazziFabrizio Corona è l’ospite più atteso del programma di Massimo Giletti in onda su La7. Prima di entrare in studio il conduttore ha detto che l’ex paparazzo era piuttosto teso. Si parte subito con la lettera aperta che Don Mazzi ha scritto sul Corriere della Sera.

Tra i passaggi principali c’è : “Mi manchi, pochi ti conoscono dentro l’anima come ti conosco io – scrive Don Mazzi – Perchè non mi chiami”.E’ pura falsità, è una cazzata – replica Corona – credo che sia lui ad aver bisogno di luce mediatica, si fa pubblicità con il mio nome. Non ho mai visto Don Mazzi,, forse due volte in carcere. Ho fatto un percorso bellissimo in una comunità collegata ad Exoudus, lui mi ha detto che meritavo di marcire in galera. Da un prete non l’accetto. Deve appendere il crocefisso al chiodo! Non ho mai avuto un rapporto di cura con questo signore, io non l’ho mai visto in cinque mesi di comunità , secondo voi perchè non è voluto venire?”. “Quando ero in galera – prosegue Fabrizio – hanno tutti sparato a zero su di me, perchè non potevo replicare, ora però sono spariti tutti”. “Ognuno può scegliere di non venire o venire in trasmissione”, stempera Giletti.

Nadia Toffa ancora assente da Le Iene: le sue ultime immagini in tv e le sue condizioni di salute

nadia-toffa-cancro-video-3Dopo due settimane, Nadia Toffa è ancora assente a Le Iene: ieri sera in tanti erano sintonizzati su Italia 1 per rivedere la giornalista e conduttrice di nuovo dietro al bancone della trasmissione, invece hanno preso parte alla puntata Giulio Golia, Nicola Savino e Matteo Viviani. Purtroppo domenica 20 maggio i suoi colleghi non hanno potuto riabbracciarla in studio ma si sono limitati ad aggiornare il pubblico sulle sue condizioni di salute svelando soltanto che “ci guarda da casa, si sta riposando”. Arriva però una bella notizia per la giornalista che ha vinto il premio Luchetta per un servizio del 2017 sulla prostituzione minorile a Bari.

— ‘Ho il tumore’, la star bionda della RAI confessa la malattia in diretta: preoccupazione per le sue condizioni di salute
Anche se non ha pubblicato altri post social indirizzati a chi la segue, Nadia Toffa è stata in qualche modo presente a Le Iene poiché è giunta la bella notizia che la giornalista, insieme all’autore Marco Fubini ha vinto il premio Luchetta ricevuto per il servizio sulla prostituzione minorile a Bari, andato in onda il 19 marzo 2017.

Poco più di un anno fa, Nadia aveva indagato sugli agghiaccianti racconti di bambini di 8, 9 e 10 anni costretti ad andare con ultra-cinquantenni che incontravano vicino lo stadio di Bari. Speriamo che il prestigioso riconoscimento della comunità giornalistica le dia ancora più carica e energia per tornare a fare ciò che ama di più.

Fabrizio Corona, nuovo tatuaggio: la fidanzata Silvia Provvedi sulla mano

3608817_1859_fabrizio_corona_silvia_provvedi-1Il soggetto del nuovo tatuaggio di Fabrizio Corona sulla mano destra è la fidanzata, Silvia Provvedi. La cantante, orgoglisa, ha pubblicato sui social una foto del tattoo con la didascalia: “Sempre sulla mano…”. Se il tatuaggio sia recente o meno Fabrizio Corona non può dirlo: si trova, infatti, in affidamento in comunità terapeutica e ogni genere di contatto con i media gli è proibito.
Il tatuaggio è l’ennesimo motiovo di gioia per Silvia: proprio ieri, infatti, lei e la sorella Giulia hanno conquistato la finale di Dance Dance Dance.

Corona esce dal carcere, andrà in comunità: “Potrà dormire a casa sua”, ma non sarà libero

coronaSi avvicina la fine dell’incubo per Fabrizio Corona? L’ex “re dei paparazzi” uscirà dal carcere per tornare in una comunità terapeutica, secondo quanto ha deciso il tribunale di sorveglianza di Milano, che gli ha concesso l’affidamento in una comunità a Limbiate, nel milanese. Il giudice della Sorveglianza di Milano, Simone Luerti, accogliendo un’istanza del legale dell’ex agente fotografico, l’avvocato Antonella Calcaterra, ha concesso l’affidamento provvisorio e terapeutico in una comunità.
I suoi legali hanno sempre messo in luce, infatti, il suo stato di ex tossicodipendente da cocaina. La stessa richiesta, che in quel caso però riguardava una comunità nel Bresciano, era stata respinta lo scorso 13 settembre da un altro giudice della Sorveglianza, Beatrice Crosti.

Ora il provvedimento emesso, che permette a Corona di uscire già oggi da San Vittore, dovrà essere, però, confermato in un’udienza davanti a un collegio della Sorveglianza a fine marzo. Il giudice Crosti aveva deciso mesi fa che l’ex ‘re dei paparazzi’ doveva rimanere in carcere, dato che, scriveva, ci sono «concreti elementi» che testimoniano la sua «attuale pericolosità sociale».
DEVE SCONTARE ANCORA 4 ANNI Corona era tornato in carcere nell’ottobre del 2016 per l’ormai nota vicenda dei contanti per circa 1,7 milioni di euro trovati in un controsoffitto: con la sentenza di condanna ad un solo anno e con la quale, però, era caduta l’accusa principale di intestazione fittizia di beni, era stata anche revocata l’ordinanza cautelare. Dopo l’arresto, ad ogni modo, la Sorveglianza aveva revocato l’affidamento in prova ai servizi sociali che era stato concesso, dopo anni di carcere, all’ex ‘fotografo dei vip’ nel giugno 2015.

Corona era prima andato nella comunità di Don Antonio Mazzi e poi era tornato a casa sua con la concessione dell’affidamento «sul territorio», fino al nuovo arresto. Ora continuerà il suo percorso in affidamento terapeutico in un’altra comunità. Il suo «fine pena», come risultava dall’ultimo provvedimento della Sorveglianza di settembre, è previsto per il 15 febbraio 2022 e, quindi, a fronte di un cumulo di pene per le varie condanne di 8 anni e 8 mesi, deve espiare ancora circa 4 anni.
PUÒ DORMIRE A CASA SUA MA USCIRE SOLO PER ANDARE IN COMUNITÀ Fabrizio Corona potrà dormire nella sua abitazione di via De Cristoforis, zona della movida milanese, dalla quale però potrà uscire soltanto per recarsi nella comunità per seguire il percorso terapeutico e psicologico, ha stabilito il tribunale di sorveglianza di Milano. La casa dell’ex re dei paparazzi è stata sequestrata nei mesi scorsi dalla sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ma, da quanto si è saputo, ora l’amministrazione giudiziaria ha deciso di affittarla e l’avrebbe affittata la fidanzata dell’ex agente fotografico, Silvia Provvedi, del duo musicale Le Donatella.

Corona: “Sciopero della fame, sono pronto a morire”, scrive a “Verissimo” e conferma tutto

Nessun dietrofront. Continua il tormentone sullo sciopero della fame prima annunciato e poi rientrato da parte di Fabrizio Corona, l’ex ‘re dei paparazzi’. Oggi – rende noto in un comunicato Mediaset – Corona ha scritto alla trasmissione ‘Verissimo’ affermando che invece ha deciso di portare avanti la sua protesta.

2138599_corona_delinquere

«Sono pronto a tutto. Sono disposto a sacrificare la mia vita. Sciopererò fino a quando non mi verrà fissata un’udienza nella quale verranno riconosciuti i miei diritti e la libertà che mi spetta. Voglio tornare a fare il padre», scrive fra l’altro alla conduttrice Silvia Toffanin dal carcere, dove dovrà restare ancora per un anno, dopo che il 13 settembre il magistrato di sorveglianza di Milano ha respinto la sua richiesta d’affidamento in prova in una comunità. La trasmissione andrà in onda sabato.
La fidanzata Silvia Provvedi, in collegamento telefonico con Silvia Toffanin ha ribadito: «Fabrizio ha iniziato lo sciopero della fame. Non tocca cibo e io sono molto preoccupata. Psicologicamente Fabrizio è il solito combattivo, ma è molto scosso».

Fabrizio Corona torna a parlare dopo 3 anni: “In galera mi è successo di tutto”

Corona torna a parlare. “Oggi credo nuovamente nella giustizia e nelle persone che ricoprono ruoli importanti nella magistratura italiana”. Dopo oltre tre anni dal suo arresto, Fabrizio Corona rilascia la sua prima intervista al settimanale ‘Chi’ in edicola domani. Condannato a 14 anni e due mesi per reati come estorsione, bancarotta, corruzione, è uscito dal carcere di Opera il 18 giugno del 2015. Il re dei paparazzi è stato poi affidato per quattro mesi alla comunità di don Mazzi.Il suo racconto parte dall’arresto, dopo la fuga in Portogallo: “Non volevo che la mia vita finisse in galera.

1694863_Corona2_chi (1)

Ho cercato una soluzione. Volevo salvarmi”, confessa a ‘Chi’. “Nessuno può capire che cos’è il carcere se non lo ha vissuto pienamente e duramente. Non era una semplice custodia cautelare la mia. Era una condanna definitiva. In totale quattordici anni e due mesi”, ricorda Corona. “Da quando sono uscito dal carcere – rivela durante l’intervista – non ho mai raccontato la mia vita tra le sbarre. Provo vergogna, mi fa male, il ricordo lacera la mente e il cuore. Lo fa sanguinare. Di notte però capita spesso di svegliarmi all’improvviso e di non credere che sia finita. Posso solo dirle che in galera mi è successo di tutto. L’inimmaginabile. Non è stata una semplice detenzione”. Eppure Corona svela di aver tenuto duro. “Non ho mai pensato di togliermi la sacra vita che in quelle condizioni diventa ancora più sacra”. Corona parla poi del figlio Carlos, avuto dall’ex moglie Nina Moric. “L’ho lasciato bambino, l’ho trovato un ometto. Mi ha stretto forte. E mi ha dato la forza di andare avanti. Aveva capito tutto. Per la prima volta mi sono sentito io figlio, lui padre. Per la prima volta non ero più solo al mondo”.  Della sua ex, Belen Rodriguez, Corona dice: “Ho visto le sue nozze a ‘Verissimo’ e le ho lette su ‘Chi’. L’ho vista diventare moglie, mamma e ho visto l’evolversi la sua carriera. Negli alti e nei bassi. Ho seguito il tutto con molta indifferenza. Io e Belen oggi siamo due persone completamente diverse da quelle che si erano amate follemente”.  Infine parla del padre Vittorio, scomparso nel 2007 dopo una lunga malattia. “Ho sognato mio padre Vittorio quasi tutte le notti. Era con me. Mi proteggeva. Era come se fosse lì. Mi ha salvato, sostenuto, dato una forza inspiegabile. Lui c’era. Andarlo a trovare al cimitero? No. Mai. Per pudore, per vergogna, per averlo deluso”.