Arrestato il figlio di Jean-Claude Van Damme: ha 21 anni, ecco cosa ha combinato

Aggredisce il coinquilino e finisce in manette. Protagonista della violenta vicenda è Nicholas Van Varenberg, 21 anni, figlio del noto attore e campione di arti marziali Jean-Claude Van Damme.

C_2_articolo_3094456_upiImagepp

Il giovane è stato denunciato lo scorso 10 settembre dopo che i vicini hanno chiamato la polizia a causa di rumori molesti e schiamazzi nel cuore della notte. Gli agenti, entrando nell’appartamento di Tempe, negli Usa, un cui viveva il 21enne insieme a un altro ragazzo, hanno notato tracce di sangue e poi il coinquilino che accusava Van Varemberg di averlo picchiato.
Nicholas, secondo quanto riporta la stampa locale, è stato trovato in possesso di stupefacenti ed è stato arrestato con l’accusa di aggressione. Ora si trova in carcere, in attesa del processo, e sembra che fino ad adesso nessuno della famiglia abbia pagato la cauzione.

Arrestato l’ex tronista Alessio Lo Passo: estorsione al chirurgo estetico

L’ex tronista di ‘Uomini e Donne’ Alessio Lo Passo è stato arrestato nella notte tra sabato e domenica a Monza. A fermare l’uomo sono stati i carabinieri della Sezione Catturandi del comando provinciale di Milano, che l’hanno intercettato mentre si recava all’inaugurazione di un locale.
Su Lo Passo pende una condanna in via definitiva a 3 anni per un’estorsione nei confronti di un chirurgo estetico nel 2014. Secondo quanto riferito dai carabinieri, Lo Passo è stato fermato mentre andava come ospite all’inaugurazione di un locale assieme a Lele Mora e Guendalina Canessa, entrambi estranei alla vicenda giuridica.

2399461_1240_14980744_1388901264461200_1022790881172688037_n

ESTORSIONE A CHIRURGO ESTETICO La vicenda inizia il 24 settembre 2014, quando Lo Passo, che aveva svolto il ruolo di tronista nel programma ‘Uomini e donne’ nel 2010, si sottopone a un’operazione di rinoplastica presso lo studio di un chirurgo a Milano. La prima visita, fissata per la settimana successiva, mostra una buona ripresa, ma la settimana dopo il medico nota una «depressione ossea nei lati» che sembra compatibile con un urto. Lo Passo nega di aver avuto traumi nonostante il chirurgo insista nel dire che quel decorso è molto strano. Così decide di fare una ricerca su internet e su YouTube scopre un video della trasmissione Pomeriggio 5 in cui Lo Passo, contattato telefonicamente da Barbara D’Urso, rivela di aver fatto a botte all’esterno di un locale per alcuni apprezzamenti rivolti alla sua donna. La lite sarebbe avvenuta proprio nei giorni tra il primo e il secondo controllo medico. Il 6 novembre 2014 Lo Passo si presenta allo studio con una fidanzata e un uomo di circa 60 anni che dice di essere calabrese (ma di fatto mai identificato) e pretende la restituzione dei 57mila euro pagati per l’operazione. I tre minacciano il medico e il personale, ripetono che in caso di mancata restituzione sfasceranno lo studio e rovineranno la reputazione del professionista in tv. Il 27 novembre Lo Passo ripete le intimidazioni al telefono ma nei primi giorni di dicembre il medico sporge denuncia e il 21 aprile 2016 l’ex tronista è condannato in via definitiva a tre anni di reclusione. Quando è stato preso dai militari della sezione Catturandi, diretti da Marco Prosperi, ha detto di non sapere della condanna.

L’ULTIMO SELFIE SU INSTAGRAM “Panta rei”, “tutto scorre”, aveva scritto l’ex tronista nell’ultimo scatto postato su Instagram, tre settimane fa. Poi l’arresto.

Austria, arrestato sosia di Hitler: faceva selfie davanti alla casa dove nacque il dittatore

Un 25enne “sosia” di Adolf Hitler è stato arrestato a Braunau am Inn, nei pressi della casa dove il 20 aprile del 1889 nacque il dittatore nazista, mentre stava facendo delle foto. Gli agenti sono stati allertati da varie segnalazioni che riferivano di un uomo che si aggirava nelle strade della cittadina austriaca vicino al confine con la Germania, con il classico taglio di capelli, i baffi e l’uniforme caratteristica del capo del nazismo. Il giovane è ora accusato di apologia del nazismo, un reato punito penalmente in Austria.

2257110_hitler

«Sapeva esattamente quello che stava facendo», ha detto alla Bbc un portavoce della polizia, escludendo che il giovane avesse messo in atto uno scherzo o una qualche forma di provocazione artistica. Il giovane era stato avvistato anche nelle strade di Vienna e Graz. Lo scorso ottobre le autorità austriache hanno deciso di demolire la casa natale di Hitler per evitare che continui a essere considerata un luogo di pellegrinaggio per i neo nazisti. L’attuale proprietario ha però fatto ricorso in tribunale contro il provvedimento.

Scrive un messaggio nel bagno dell’aereo: l’hostess eroica riesce a salvarla

Il gesto eroico di un’hostess di 49 anni, Shelia Fedrick, ha salvato anni fa un’adolescente sul volo dell’Alaska Airlines da Seattle a San Francisco. La ragazza, all’epoca 15enne, aveva scritto un messaggio nel bagno dell’aereo manifestando una richiesta di aiuto perché vittima della tratta di esseri umani. Sheila aveva capito subito che c’era qualcosa che non andava nell’uomo che l’accompagnava ed è intervenuta.

sheila_06135359

Raccontando l’episodio, l’assistente di volo ha spiegato ad NBC e alla stampa anglosassone che la ragazza sembrava intimorita e non apriva mai bocca. L’uomo sarebbe apparso irritato dopo il tentativo dell’hostess di intrattenere con lei una conversazione. A quel punto la 49enne ha fatto capire alla teenager che se ne aveva necessità poteva usare il bagno lasciandole un messaggio allo specchio: “Se hai bisogno di aiuto, scrivilo qui”. La ragazza ha risposto sollecitando l’intervento del capitano e in seguito della polizia. L’anziano affianco alla teenager era un trafficante di esseri umani ed è stato arrestato. Sono passati diversi anni da quando questo episodio è avvenuto. La ragazza ora è una giovane donna che studia all’università. La sua storia ha poi portato ad includere nella formazione degli assistenti di volo, un corso su come individuare i trafficanti di esseri umani.

Corona arrestato, l’ultimo post su Instagram: “L’imperativo è vincere”

«L’imperativo è vincere! Sono intorno a me ma non parlano con me, sono come me ma si sentono meglio». Scriveva così Fabrizio Corona su Instagram solo qualche ore prima del nuovo arresto. L’ex re dei paparazzi è stato arrestato in realzione a 1,7 milioni di euro sequestrati nei giorni scorsi.

14568088_1341409282538253_2441159918231317389_nI contanti sequestrati trovati nel controsoffitto dell’appartamento di una sua assistente riguarderebbero presunti soldi ‘in nero’ percepiti dall’ex fotografo dei vip durante le ospitate in alcuni locali. Corona ha anche l’aggravante di aver commesso il fatto durante l’affidamento in prova ai servizi sociali. Insieme a lui è stata arrestata anche Francesca Persi, titolare dell’Atena, agenzia che si occupa di eventi e promozioni. Proprio ieri la trasmissione Le Iene avevano mandato in onda un servizio in cui venivano registrate alcune telefonate con la sua manager in cui dichiarava apertamente la modalità di pagamento in contanti.

Arrestato Cottone, l’ex della Marini: “Francesca Cipriani sei la sua nuova fidanzata?”, ma lei tentenna

Giovanni Cottone, l’ex marito di Valeria Marini, è stato arrestato lunedì nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Bergamo sul crac dell’agenzia di lavoro interinale Maxwork, dichiarata fallita nel giugno 2015.  Mentre la Marini era in tv su Canale 5 come concorrente del nuovo Grande Fratello Vip, la nuova fidanzata, Francesca Cipriani, ha scoperto dell’arresto di Cottone.

cottone-pupa-cipriani

Raggiunta dalle telecamere di Pomeriggio 5 si è detta molto preoccupata: “Lo cercavo da giorni ma non mi rispondeva al telefono. Pensavo gli fosse successo qualcosa”.  Alla domanda della giornalista “Sei la sua nuova fidanzata?” – i due erano apparsi insieme pochi giorni fa sul red carpeti di Venezia – la Showgirl tentenna: “La nostra è più una conoscenza approfondita. Spero sia innocente”.

All’Apple Store vestito da Gesù, blocca l’ingresso con la croce: arrestato

Su Instagram e su Twitter si fa chiamare Philly Jesus, in realtà il suo vero nome è Michael Grand. Sui social è famoso perché convinto di essere la reincarnazione di Gesù Cristo. E vestito come il figlio di Dio si è presentato all’Apple Store di Philadelphia. Si è rifiutato di andar via e ha intralciato l’ingresso al pubblico con la sua Croce.

philly-jesus-3

Per questo motivo i gestori del negozio hanno dovuto chiamare la polizia che lo ha arrestato caricandolo sulla volante davanti a tutti i presenti curiosi. Le immagini sono state condivise dallo stesso Philly Jesus sui suoi canali social dove è ormai divenuto famoso per le sue prediche in mezzo alla gente e le sue bravate vestito da Gesù. Michael Grand, 29 anni, non è infatti nuovo alle forze dell’ordine che lo avevano già messo in manette nel 2014 per essersi presentato a pattinare sul ghiaccio a Dilworth Palace vestito da Messia.

Uccisa e fatta a pezzi dal fidanzato, i resti di Ingrid in un bidone

Infermiera, Ingrid Lyne era madre di tre figli. All’età di 40 anni è stata uccisa e fatta a pezzi dal fidanzato, che poi ha gettato i resti dentro la spazzatura. Il terribile omicidio è avvenuto a Renton (Seattle), ed è emerso dopo che la donna non ha risposto all’ex marito che doveva andare a casa sua a prendere i figli.

ingrid

Come riporta il Mirror, lui si è preoccupato e lei è stata data per dispersa. Poi la polizia ha rinvenuto i resti del corpo in un cassonetto. Gli investigatori hanno trovato in casa della vittima una sega da potatura di quasi 40 cm e resti di carne umana e sangue dentro la vasca da bagno. Una scena orribile che ha portato immediatamente le forze dell’ordine a indagare il fidanzato, John Robert Charlton, l’ultimo visto entrare nell’abitazione lo scorso venerdì sera. I due si frequentavano da circa due mesi. L’uomo è stato arrestato lunedì scorso ed è stato trovato con piccole ferite, tagli e graffi sulla fronte.