“Marco Ferri cerca donne con i soldi”. Aida Nizar fa uno “show” e attacca ancora il naufrago

3585686_1532_aida_nizar«Sono nata per essere qui con te. Dove sta la mia telecamera? La mia personalità è fatta per l’Italia».
Entrata dirompente quella di Aida Nizar a Domenica Live. Più che al ruolo di ospite, la star spagnola sembra volersi candidare alla conduzione del programma di Barbara D’Urso.
Aida Nizar ha partecipato al Gran hermano vip con Marco Ferri, ora all’Isola dei Famosi, e in trasmissione fa nuove rivelazioni sul giovane, rivolgendosi anche direttamente alla madre.
«Io sono qui per farti vedere nuovi aspetti di tuo figlio – dice – Marco è un uomo cui piacciono le donne con tantissimi soldi, è un cagnolino cui piace tantissimo che lo portino a spasso. Marco Ferri non ha testa, si preoccupa solo del suo corpo, è maschilista».
Aida fa un vero show. Chiede la telecamera per sé, pretende silenzio dagli altri, si alza, si sposta nello studio, nonostante la conduttrice la inviti spesso a rimanere seduta in poltrona.
«Io sono il sogno di Marco Ferri», afferma. E aggiunge: «Ha fatto l’amore con un’altra davanti a me». Una “prova”, secondo la spagnola, del sentimento che provava per lei.
Perché ha fatto “l’amore” con un’altra?, le chiedono gli ospiti in studio.
«Perché non aveva altre possibilità».
Gli animi si scaldano subito. Daniele Interrante sostiene che lei sia troppo grande d’età per essere il sogno di Ferri, Aida, piccata, gli risponde chiedendogli se abbia cinquant’anni perché gli vede molte rughe. Il siparietto prosegue. Aida sostiene che Interrante le abbia fatto l’occhiolino e le abbia chiesto il numero di telefono: «Ma tu non sei pronto per una donna come me».
Intervistata da Barbara D’Urso, Aida alza gli occhi al cielo, le mani giunte: «Ringrazio Dio per avere questa intervista, ringrazio Dio per avere questa donna qui».
Si entra poi nel vivo delle dichiarazioni di Aida Nizar sul presunto innamoramento di Marco Ferri e non solo. Aida chiede perché non ci sia il padre di Marco, forse, dice, «anche lui è innamorato» di me.
«La vita è un divertimento ogni giorno». Poi, altri attacchi: «A Marco Ferri non piacciono le persone gay. Io sono stata con lui a Madrid e ti giuro che a lui non piacciono. Io non parlo male di Ferri, io lo descrivo perché sono stata con lui due mesi al reality e ho visto che non è una bella persona, sua mamma lo sa ma è la mamma e non può dirlo, Aida è qui per dirlo».
Poi si passa al “no” che avrebbe detto a Ferri.
«Io sono la donna che ha detto no a Marco Ferri, non è il mio tipo, non è un uomo che mi piace, mi piacciono uomini diversi. Lui voleva una relazione con me. Quella di Marco con la sua fidanzata non era una storia d’amore, era solo per guadagnare soldi. Una storia d’amore la puoi fare con una donna come Aida».
Infine, manda un messaggio direttamente a Marco:
«Capisco che, con Aida hanno buttato via lo stampo, non ce ne sono altre. Marco devi fartene una ragione».

Amanda Knox pagata migliaia di euro per parlare del processo nelle università: la rabbia della famiglia di Meredith

C_2_articolo_3119904_upiImageppAmanda Knox sale in cattedra: la giovane americana arrestata e poi scagionata per l’omicidio di Meredith Kercher parlerà agli studenti dei college per raccontare la sua esperienza processuale per un compenso di quasi ottomila euro.
La Knox, 30 anni, ha firmato un contratto con un’agenzia che prevede questo cachet più un rimborso spese per tenere una serie di conferenze nelle università, come riportano i giornali anglosassoni. “Sono stata additata come il diavolo”, ha raccontato proprio in una di queste conferenze, al Roanoke College, in Virginia.
La notizia ha suscitato non poche polemiche e indignato la famiglia di Meredith, colpita dalla tragedia dieci anni fa. Uno dei legali ha dichiarato: “Amanda Knox dovrebbe pensare alla sua vita senza continuare a parlare di questa triste vicenda da cui lei è l’unica a trarre profitto, in termini sia di fama che di soldi”.
Amanda ha anche scritto un libro sulla sua storia ed è spesso ospite nei salotti dei programmi televisivi. L’esperienza passata è una fonte di guadagno in più di qualche occasione.

Albano: “Sono venuto gratis per il 25 Aprile”. Ma l’anziano non ci crede

Albano si trova a San Severo, in provincia di Foggia e un anziano lo incontra, ma invece di chiedergli un autografo gli rivolge una domanda, preoccupato per le spese del comune: “Quanti soldi ti hanno dato per venire a San Severo?”.

41157555 (1)

Albano prima scherza, poi, tornato serio, assicura di aver presenziato a titolo gratuito ai festeggiamenti. Ma il cittadino non intende fidarsi delle parole del cantante e risponde: “Non ci credo, è una str…ata. Tieni per te la tua verità”.

Flavio Briatore a Libero: “Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro”

“Largo ai ricchi, i poveri non creano lavoro”. Flavio Briatore a colloquio con Libero parte dalla flat tax varata dal governo Gentiloni (“Ma in Italia non ci torno lo stesso”) e arriva a Matteo Renzi, contro il quale, spiega, “c’è un accanimento”.

647267847

La tassa da 100mila euro l’anno dovrebbe attirare ricchi in Italia: “Una cosa giusta. Porta soldi, gente che spende. Gente che non sarebbe mai venuta qua. Iraniani, pachistani, indiani. Bene! Di poveri in Italia ce ne sono già parecchi e non creano ricchezza”. Ma così non diventeremo un paradiso fiscale? “Tutte stronzate”.

Maria Sharapova, il business della squalifica: quanti soldi fa dopo lo stop per doping

La squalifica dal tennis per doping (è risultata positiva al meldonio) si è rivelata per Maria Sharapova una fonte di business.
Manager di se stessa, furba e lungimirante, la Sharapova riesce a ottimizzare i 15 mesi di stop.

masa(3) (1)

 

I tornei di tennis fanno a gara per aggiudicarsi il suo ritorno sulle scene. Gli sponsor – come spiega il Corriere – avevano minacciato di prendere le distanze appena scoppiato lo scandalo, salvo poi tornare alla corte della bella sportiva che continua a guadagnare quei 20 milioni di dollari a stagione. Lei tornerà a gareggiare i 26 aprile.Maria ha poi investito su se stessa e sulla sua cultura. Ha frequentato un corso di management a Harvard, è stata in vacanza con le star di Hollywood, ha aperto nuovi punti vendita Sugarpova, le caramelle lanciate nel 2012 con un investimento di 500mila dollari (30mila pacchetti venduti in 6 mesi) e ha dettato a Rich Cohen l’autobiografia in uscita. Traduzione: una pioggia di soldi.

Martina Stella, dramma familiare: “Da quando ho 16 anni mantengo i miei genitori”

Martina Stella di mette a nu. do su “Oggi” e racconta un aspetto delicato e poco conosciuto della sua vita privata. L’attrice romana prima di diventare famosa con il film “L’ultimo bacio” ha dovuto far fronte, insieme alla sua famiglia, a gravi problemi economici.

1467197104813.jpg--

La Stella dall’età di 16 anni mantiene economicamente i suoi genitori: «Vengo da una famiglia disastrata, ma dal punto di vista economico. ‘L’ultimo bacio’ mi ha salvato: ho potuto sostenere i miei, e continuo a farlo». Martina racconta che la sua carriera non è stata facile, soprattutto i primi tempi: «Il film ha avuto tanto successo, non io: non guadagnavo neanche abbastanza per vivere a Roma. Non sono mai stata quella che tutti vogliono, se non per i calendari: per quelli mi offrirono veramente tanti soldi. I grandi attori possono non fare provini, non io».
La vita privata dell’attrice, oggi 32enne non è stata facile: dopo la separazione dal padre della figlia ha trovato l’amore con Andrea Manfredonia, che ha sposato a settembre 2016. In questi giorni è in tv come protagonista della serie “Amore pensaci tu”.

“Corona, soldi in nero per le serate in disco”: sequestrati 1,7 milioni

La sezione misure di prevenzione del tribunale di Milano ha sequestrato 1,7 milioni di euro a Fabrizio Corona. Il sequestro, da quanto si è saputo, riguarderebbe presunti soldi ‘in nero’ dell’ex fotografo dei vip.

Fabrizio Corona si è costituito a Lisbona

Nel provvedimento si farebbe riferimento anche alla «pericolosità sociale» di Corona.  Da quanto si è appreso, i presunti soldi ‘in nero’ trovati nella disponibilità di Corona si riferiscono a pagamenti in contanti ricevuti quest’anno dall’ex agente fotografico, che è in affidamento in prova ai servizi sociali, da parte di discoteche e altri locali notturni. Compensi a favore dell’ex fotografo dei vip, attraverso una sua società, la Atena, agenzia che si occupa di eventi e promozioni, su cui, però, non sarebbe stata pagata l’Iva per le prestazioni. Il sequestro, dunque, riguarderebbe 1,7 milioni di euro in contanti. È stato chiesto dalla Procura e disposto dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale milanese ed è stata fissata un’udienza per il prossimo 21 gennaio.

Claudia Galanti nei guai. L’ex marito Arnaud Mimran: “Ecco perchè l’ho denunciata”

“Claudia forse è arrabbiata perché adesso sono felice con Tamara e lei non lo è”,
A parlare Arnaud Mimran, ex marito di Claudia Galanti. La modella è stata eliminata questa settimana dall’Isola dei Famosi, ma aveva fatto sapere di partecipare al reality per via della mancanza di assistenza economica dell’ex: “Lo faccio per soldi – aveva raccontato – Lo faccio per i miei figli.

claudia

Io devo dare da mangiare ai miei figli e provare a garantire loro i migliori studi, le migliori scuole. Con o senza l’aiuto del loro padre”.
Le parole non sono piaciute all’imprenditore, ora uscito dalla galera, che ha deciso di denunciarla: “L’ho denunciata, perché non è vero che non ha i soldi. Capisco che possa essere arrabbiata con me perché non la voglio più vedere. Dice che non penso ai bambini? Niente di più falso, i miei figli sono tutta la mia vita”.

Francesco Facchinetti e il suo movimento (a)politico: “Scegliete il nome su Fb”

«Ciao a tutti, sono il padre di due bambini in attesa della terza. Per tutta la vita ho pensato a come raggiungere il successo e a fare soldi, ma da quando ho dei figli ho capito che c’è qualcosa di più importante: il loro futuro». Inizia così un annuncio su Facebook di Francesco Facchinetti.

FACCHINETTI645

L’ormai ex Dj Francesco da tempo sta progettando di fondare un movimento di persone unite da un solo obiettivo: cambiare l’Italia e assicurare un futuro ai propri figli. Il movimento, e questo il figlio di Roby Facchinetti ci tiene a precisarlo, sarà assolutamente apolitico, «perché la politica invece di risolvere i problemi li crea. Non è più come una volta, quando il cittadino era al centro di tutto».
Ed è così che Facchinetti spiega cosa intende fare: «Dobbiamo fare come facevano i nostri nonni: metterci a lavorare». Intanto, si cerca un nome: la settimana scorsa alcuni fan del cantante e conduttore avevano indicato una lunga serie di idee, da cui è partita una prima selezione con le più votate. Ora è possibile votare con un semplice ‘like’ ai commenti di Francesco il nome che preferite: c’è tempo fino al 9 marzo, al momento ‘Volare’ è nettamente in vantaggio rispetto a ‘Fondazione Italiana Giovani Ambasciatori’ (vi immaginate l’acronimo?) e ‘Vera Italia’.