Anziani picchiati, derisi e abusati sessualmente: casa di riposo lager scoperta nel Bolognese

4310507_1457_casa_di_riposo_maltrattamenti_anzianiPercossi, lasciati al freddo e persino violentati sessualmente. I carabinieri hanno sollevato il velo sui maltrattamenti di cui erano vittime gli anziani ospiti in una casa di riposo lager di San Benedetto Val di Sambro, sull’Appennino bolognese. I militari della compagnia di Vergato hanno eseguito quattro misure cautelari nei confronti del titolare e di operatori sanitari addetti all’assistenza degli ospiti, non autosufficienti.

Ci sono anche due episodi di violenza sessuale ai danni di un’anziana fra i maltrattamenti scoperti dai carabinieri. La struttura è stata sequestrata ieri sera al termine di un blitz. I militari da qualche mese avevano avviato indagini, anche con l’utilizzo di telecamere nascoste che hanno ripreso «immagini strazianti»: anziani percossi, lasciati al freddo e con cibo insufficiente, derisi e umiliati.

A carico del titolare, un 52enne bolognese che è finito in carcere, c’è appunto anche l’accusa di violenza sessuale per avere abusato in due occasioni di una ospite. Gli altri tre provvedimenti, agli arresti domiciliari, hanno raggiunto la moglie 53enne dell’uomo e due operatrici sanitarie.

Sara Tommasi dopo la scoperta della malattia: com’è la sua vita oggi e cosa fa per vivere

sara_tommasi_vergognaSara Tommasi è pronta a rientrare nel mondo dello spettacolo. Gli ultimi anni non sono stati facili per la showgirl, che oggi però si sente meglio, ha ritrovato l’amore ed è impaziente di tornare a lavoro. Dopo la terribile diagnosi di bipolarismo, la Tommasi ha dovuto intraprendere un percorso terapeutico per tenere sotto controllo la malattia e grazie ai farmaci che assume è riuscita a recuperare le sue facoltà mentali. Insomma, si sente una nuova persona Sara e non vede l’ora di dimostrare e condividere con il pubblico la sua rinascita. Per questo, dalle pagine di Nuovo, lancia un appello a Ilary Blasi affinché la inviti a partecipare come concorrente alla prossima edizione del Grande Fratello Vip. È più serena, ora la Tommasi, grazie all’aiuto preziosissimo della mamma e grazie anche a un nuovo fidanzato, Angelo. Intanto, Sara ha in preparazione un libro dal titolo “Disamori”. Tutto bene, insomma? Non proprio. A causa della terapia farmacologica, non potrà avere figli.

Francesco Monte e Paola di Benedetto, dopo tradimenti e accuse arriva l’amore

francesco-monte-paola-di-benedetto3_21072622.jpg.pagespeed.ce.-64TeFQkPhFrancesco Monte ha ritrovato il sorriso. A ridarglielo, la compagna scoperta nella breve permanenza all’Isola dei Famosi: Paola di Benedetto.
Non sono stati momenti facili per l’ex tronista che, lasciato in diretta dall’ex fidanzata Cecilia Rodriguez dopo il Grande Fratello Vip, è poi stato accusato da Eva Henger durante l’Isola dei Famosi di consumare marjuana, scatenando così l’ormai celebre canna gate e il conseguenze ritiro dal reality.
Per fortuna proprio in Honduras Francesco ha ritrovato l’amore a fianco della “collega” Paola di Benedetto, già madre natura per Paolo Bonolis, con sui è stato sorpreso da “Diva e donna” mentre passeggiano e si baciano romanticamente per Milano.

Mangia il kebab, ha un malore e muore a 15 anni: dopo le analisi, la tragica scoperta

Ha mangiato il kebab insieme ad alcune amiche in un centro commerciale della sua città, ma ha avuto una reazione fatale che l’ha portata allo schock anafilattico e poi alla morte. A oltre due mesi di distanza dal tragico evento, le analisi mediche e l’autopsia hanno permesso di ricostruire con certezza le cause della morte di una 15enne di Bath, in Gran Bretagna.

41604368

La giovane Chloe Gilbert aveva deciso di pranzare con delle amiche mangiando il kebab, ma poco dopo ha avuto il malore che l’ha condotta alla morte. I fatti sono avvenuti lo scorso 5 marzo, ma ci sono volute diverse analisi per stabilire che a provocare lo shock anafilattico, fatale per Chloe, erano stati dei residui di salsa allo yogurt contenuti nel kebab mangiato dalla ragazza. Chloe, infatti, oltre a soffrire di asma era anche allergica ai latticini.
A spiegare la vicenda è stato il Mirror. La ragazza, trasportata in ospedale, è morta poco dopo il ricovero e ora la famiglia, che sta valutando se ci sono gli estremi per denunciare i gestori dell’esercizio commerciale, ha deciso di ringraziare tutti coloro che hanno aiutato prima a soccorrere e poi ad ottenere la verità sulla morte di Chloe.

Ha la pancia gonfia, diventa vegana per depurarsi: dopo mesi fa una scoperta choc

Nota la pancia un po’ gonfia e decide di cambiare alimentazione. Dopo aver lavorato a lungo nei fast food sceglie di diventare vegana in modo da avere una pancia più piatta, ma fa una scoperta che le cambia la vita.
Bei Braithwaite-Cotto ha iniziato a notare che la sua pancia si gonfiava e credeva che dipendesse dalla sua alimentazione, il suo ventre era arrivato a sembrare quello di una donna incinta, così ha abolito latticini e carne nella convinzione di perdere peso.

cancro-pancia_31154415

Vedendo dopo due anni che non migliorava la sua condizione e iniziando a provare forti dolori addominali, la donna si è rivolta a un medico che le ha diagnosticato un cancro intestinale. Secondo quanto riporta il Sun, la ragazza originaria dell’Essex, ha subito la rimozione di gran parte del suo intestino ed è stata sottoposta alla chemioterapia, ma finalmente da pochi mesi ha avuto la conferma che il cancro è completamente sparito. «È stato uno choc scoprire il cancro», ha raccontato Bei, «Ho sempre mangiato in modo sano, avuto una vita attiva. Non potevo crederci». La donna però non si è arresa, ha continuato a lottare contro la malattia fino a vincere. Oggi Bei ha voluto raccontare la sua esperienza per allertare tutti a non sottovalutare anche i più semplici fastidi come il gonfiore e qualche chilo di più: «Se i sintomi sono persistenti e se qualcosa cambia improvvisamente nelle tue abitudini intestinali è sempre bene rivolgersi a un medico».

La bisnonna prega per anni una statuetta del Signore degli Anelli. “Pensava fosse Sant’Antonio”

Gabriela Brandão, truccatrice freelance di Florianópolis, in Brasile, ha fatto una scoperta davvero bizzarra. Osservando attentamente la statuetta di Sant’Antonio che la bisnonna prega da anni ogni giorno, si accorge che c’è qualcosa di strano.

santantonio-690x300

Così fa qualche ricerca in internet e quello che scopre è sorprendente… Come riporta il sito Metro.co.uk, quella che doveva essere una miniatura del santo in realtà è una riproduzione di Elrond, l’elfo del Signore degli Anelli. Gabriela ha postato l’immagine su Facebook e il post è diventato virale. “In un primo momento la mia bisnonna non ha capito cosa fosse successo. Poi glielo abbiamo spiegato – conclude – e le abbiamo donato una vera immagine di Sant’Antonio”.

“C’è una donna su Marte”: la foto choc della Nasa che lo dimostra

Per tutti gli appassionati di vita extraterrestre questa rappresenta la “scoperta del secolo” ma per qualcuno sarà l’ennesima mezza bufala che sta circolando in rete.

woman_07182843

La notizia arriva direttamente da uno degli maggiori ufologi a livello planetario, Scott C. Waring che ha condiviso sui social network una foto della Nasa risalente al 1969: secondo Waring ci sarebbe la una donna nell’immagine, con tanto di vestito dell’epoca risalente al 1700 circa.
“Il vestito di questa donna è più corto nella parte anteriore e più lungo in quella posteriore, propri come si usava negli abiti del 1700 qui sulla Terra. Questa è una delle poche immagini che raffigurano la specie umana su Marte”, ha commentato Scott C. Waring.
Sul canale YouTube Paranormal Crucible è stato postato un video nel quale viene spiegata dettagliatamente un’altra scoperta: ci sarebbe anche ciò che somiglia al fossile di un orso. In pochi giorni fa collezionato già oltre 100.000 visualizzazioni.

“C’è una bimba abbandonata in auto”, poliziotto rompe il finestrino e fa una scoperta incredibile

Dopo aver ricevuto l’allarme telefonico di un cittadino, un agente di polizia si è subito recato nel parcheggio all’aperto di un centro commerciale per salvare la vita di una bimba rimasta chiusa dentro un’auto, sotto il sole rovente. Jason Short, questo il nome del poliziotto, che vive e lavora nella cittadina di Keene, nel New Hampshire, aveva raggiunto così la vettura ed aveva notato la bambina avvolta in una coperta con una bottiglietta d’acqua accanto.

bambola-b_22124352

Dopo aver rotto il vetro del finestrino, l’agente ha notato come la piccola fosse priva di conoscenza e per questo ha tentato di rianimarla. L’agente Short è un esperto di rianimazione, e nel tentativo di salvare la bimba ha subito notato che c’era qualcosa che non andava: «Ho messo il dito nella sua bocca e faceva completamente resistenza. Mi è venuto subito da pensare che fosse una bambola». Il poliziotto aveva visto giusto: si trattava di una bambola estremamente realistica, una cosiddetta ‘life-like doll’, ovvero di riproduzioni molto fedeli di bambini. Il loro prezzo può variare da poche decine di dollari fino ad alcune migliaia. La sua proprietaria è Carolynne Seiffert, una donna che utilizza quella bambola dal 2005, quando suo figlio morì per un male incurabile. Carolynne ha spiegato a Fox8.com: «Ho riso all’inizio, ma ero molto imbarazzata. Mi rendo conto che non tutti possano capire i vari modi in cui una persona può reagire alla perdita di un affetto familiare».  La polizia si è offerta di pagare alla donna le spese per la riparazione del vetro. Il capo della polizia, insieme all’agente Short, ha affermato: «Ogni volta che ci sarà un allarme del genere, non penseremo mai che si possa trattare di una bambola. Finché non ne abbiamo la certezza, interverremo tempestivamente con l’intento di salvare una vita umana».

Yacht alla deriva, al timone una mummia: Manfred era scomparso nel 2009

Macabra scoperta nell’Oceano Pacifico al largo delle Filippine. Su uno yacht abbandonato alla deriva è stato trovato il corpo mummificato di un uomo, uno skipper scomparso nel 2009. Sembra si tratti di un tedesco di 59 anni, Manfred Fritz Bajorat, impegnato in un’avventura in solitaria in giro per il mondo. Sono ancora sconosciute le cause della morte.

31AEF07700000578-0-image-a-13_1456734812968

A rinvenire il corpo è stato il 23enne Christopher Rivas al largo di Barobo, Surigao del Sur.Quando il giovane è salito sull’imbarcazione non poteva credere ai suoi occhi: il corpo del proprietario era mummificato e solo dai documenti si è riusciti a risalire all’identità dello skipper. La polizia del posto ha diffuso in rete le foto e spiegato che l’albero maestro dello yacht era distrutto e gran parte della cabina era sott’acqua. Questo, complici i venti e il clima di quelle zone, avrebbe mantenuto il cadavere. “Era un velista molto esperto, non credo che avrebbe navigato in una tempesta e penso anche che l’albero si sia rotto dopo che Manfred era già morto”, il commento alla Bild di un conoscente, anch’egli navigatore esperto.  Fritz si era separato dalla moglie nel 2008, la donna è poi morta di cancro. Si aspettano i risultati dell’autopsia e le indagini degli investigatori filippini. Sembra però che non ci sia traccia di un’altra persona a bordo.