Vladimir Luxuria com’era, la foto da uomo su Instagram: i fan apprezzano ma il dettaglio non sfugge

vladimir_luxuria_foto_uomo_instagram_17195346

Vladimir Luxuria com’era. Una foto da uomo, adolescente in realtà. Moro, con gli occhiali grandi. Prima del cambiamento. Un’immagine condivisa su Instagram per celebrare la giornata mondiale contro l’omofobia. I fan hanno apprezzato il gesto e la foto. Tanti i messaggi di affetto e i complimenti. «Eri bellissimo», scrivono in molti. Ma un dettaglio colpisce e non passa inosservato. Gli occhi, spenti, cupi, tristi. Questo hanno visto i numerosi follower.

«Mai dimenticare chi ero ieri per capire meglio chi sono oggi – ha scritto nel posto Vladimir Luxuria – mai dimenticare i lividi delle botte sul viso e le ferite del dolore sul cuore per gli insulti e le porte sbattute in faccia: queste cicatrici sono medaglie alla resistenza di chi non si arrende e continua a credere nella principale libertà: essere se stessi. #giornatamondialecontrolomofobia#omofobia #transfobia».

Tra i numerosi commenti anche quello di Alessandro Cecchi Paone che ne approva il coraggio: «Bravissima tesoro e complimenti sempre». E quello di Alessia Marcuzzi, un’emoticon che applaude. «Eri un bel bruchetto, ora sei una splendida farfalla», scrive invece qualche fan. «Essere se stessi è difficile per tutti, per te lo è stato sicuramente di più. Ma ne è venuta fuori una bellissima persona, complimenti per tutto», aggiunge un altro follower. E ancora: «Bellissimo ragazzo, tra l’altro, sbocciato in una donna affascinante e, non da ultimo, intelligente e cazzuta».

Poi però emerge quel dettaglio, quello sguardo triste che ora si è trasformato in un grande sorriso: «Bel ragazzo ma quanta tristezza in questi occhioni. Oggi brillano dunque hai vinto, sono felice x te».

Mia Martini, si riaccende il mistero sulla sua morte. La sorella Leda: «Qualcuno quel giorno l’aveva picchiata»

generico-2018-721978.610x431Ottimo esordio per ‘Io Sono Mia’ che ieri sera, 12 febbraio, ha tenuto incollati allo schermo oltre 7milioni e 700mila spettatori pari al 31% di share. Un risultato che si commenta da solo se paragonato al misero 5,6% ottenuto da Bridget Jone’s Baby su Canale 5.

La fiction è stata trainata a dovere dall’emozionante performance di Serena Rossi all’Ariston sulle note di ‘Almeno tu nell’universo’ tanto da vincere a mani basse la sfida auditel con il principale competitor. Mentre Loredana Bertè ha fatto i complimenti all’attrice campana per essersi calata nei panni della sorella Mia Martina nella fiction di Riccardo Donna, Leda Bertè aveva già avuto modo di esprimere scarsissimo entusiasmo sulla prova attoriale della protagonista. Ecco cos’ha detto:

“Io e Loredana abbiamo visto sul cadavere di nostra sorella dei lividi sia sulle braccia sia sulle gambe. Il che fa pensare a una discussione piuttosto violenta con qualcuno, forse con nostro padre a cui si era riavvicinata? Lui è sempre stato violento. E poi perché, subito dopo i funerali, senza dire niente a nessuno, lui ha fatto cremare il corpo? Devono ancora darmi delle spiegazioni”.

E a proposito di spiegazioni e misteri sulla figura dell’artista e sul film, Leda Bertè ha avanzato rimostranze sulla proprietà intellettuale del progetto, che sarebbe nato da una sua idea:

“L’idea di fare un film su mia sorella, Mia Martini, è stata mia. Tre o quattro anni fa ho incontrato Luca Barbareschi, che ora ha prodotto il film ‘Io sono Mia’, e gli ho consegnato un progetto per fare qualcosa su Mimì. Tant’è vero che avevo già scritto tutta la storia dei Bertè e avevo depositato alla Siae il fascicolo. Eppure, nonostante questo, non sono stata interpellata per la sceneggiatura, a differenza delle mie sorelle Loredana e Olivia”.

Delia Duran si scaglia contro il marito: «Mi ha picchiata, voleva ammazzarmi»

4275341_1836_duran«Mi ha picchiata, mi diceva che non dovevo prendere nulla da casa, mi ha trascinata per le scale, ha cercato di ammazzarmi».
Delia Duran, compagna di Alex Belli, a Domenica Live lancia forti accuse contro suo marito. Barbara D’Urso fa sentire anche le dichiarazioni del marito della donna, che attacca la donna, dicendo che Delia Duran gli ha rubato anche quattro carte di credito e le ha poi usate insieme ad Alex Belli per andare a comprare delle borse.
«Se io andassi a raccontare tutto quello che questa persona mi ha fatto in due anni, staremmo qui fino a domani – dice Delia Duran – Io l’ho denunciato un mese fa, perché mi ha fatto violenza fisica e psicologica. Durante quei due anni non l’ho denunciato perché avevo paura».

Conferma la storia delle carte di credito.
«Delle carte di credito è vero – afferma Delia Duran – gli ho fatto un dispetto quando mi sono trovata lì che non potevo prendere nulla e mi ha rubato i soldi da un conto, 100mila euro, mi ha preso la macchina e anche i miei vestiti e li ha fatti indossare alla nuova fidanzata».
Il giorno dell’aggressione cui si riferisce Delia Duran, sono intervenuti i carabinieri.
«Sono stata io a chiamare i carabinieri – spiega la Duran – perché ero andata da sola. Ai carabinieri ho detto che ero andata a prendere le cose, mi hanno detto che per le percosse dovevo andare al pronto soccorso, l’ho fatto il giorno dopo. Come facevo prima a sapere che mi erano rimasti i lividi? Quando ho fatto la doccia ho visto i lividi, non prima».
Alex Belli, in studio al suo fianco, prende le difese della compagna, che sta portando avanti le pratiche per divorziare dal marito.

Mila Suarez choc: «Alex Belli mi ha violentata psicologicamente»

Mila-Suarez-2-copia-660x400«Mi sono innamorata di lui tantissimo, ci ho creduto. Le cose pesanti sono iniziate quando lui ha cominciato ad andare fuori di casa per 18 ore, io ero preoccupata, chiamavo gli amici per sapere dove fosse. Lui tornava e non dava spiegazioni».
Mila Suarez , ex di Uomini e Donne, racconta a Domenica Live la fine del rapporto con Alex Belli, ex naufrago dell’Isola dei Famosi.
«Abbiamo cominciato a litigare, volavano piatti, ma non siamo mai arrivati alle mani».
Poi la cosa è precipitata. Ed è uscito un video in cui Mila Suarez parlava, piangendo, di Alex: nel video si vedono dei lividi sul viso della ragazza.
«I lividi non me li ha fatti Alex. Avevo fatto un intervento al seno e un piccolo intervento al naso. Per quello avevo dei lividi».
«Lui mi ha violentata psicologicamente. Mi arrivavano chiamate ogni giorno. Io ero da sola in hotel dopo l’operazione. Mi ha portata lui in hotel, intanto stava a casa con lei. Il marito di questa ragazza mi ha chiamata e mi ha raccontato tutto. Alex mi ha lasciata da sola e mandava, invece, l’autista a prendere i vestiti di lei a casa. Mi ha distrutta, si vede che mi tradiva da tanto, altrimenti lei il giorno dopo non sarebbe andata a casa sua, Alex non mi voleva neanche far entrare in casa per prendere le mie cose e fare la valigia. Non volevo andare quando c’era lei, avevo paura mi facessero qualcosa, avevo paura che volessero litigare».
E ancora: «Non mi aspettavo che mi trattasse così. Non ha atteso neanche una settimana, per rispetto. Io ero in hotel e vedevo le foto di lui con l’altra».
Barbara D’Urso ricorda che storie simili erano state raccontate anche dalla ex moglie di Alex, Katarina Raniakova, e fa rivedere alcuni stralci del racconto che Katarina aveva fatto in trasmissione.
Mila Suarez, dopo la rottura, è scappata in Marocco.
«Mi stava distruggendo. Vedevo le loro foto, ricevevo quelle chiamate. La mia casa non era ancora pronta. Sono dovuta andare via. Adesso basta, non vale la pena piangere per un uomo come lui».
Le lacrime però in trasmissione scendono. Mila racconta la sua storia, con la voce spezzata dall’emozione.
«Io voglio dimenticarlo. Le donne non vanno trattate così, non si buttano così. Per rispetto. Io gli chiedevo stammi vicino quando avevo bisogno. Avrebbe dovuto farlo senza che io lo chiedessi. Non c’è mai stato. Io ora provo amore e odio, ma non voglio provare più neanche odio, perché se odi una persona ti rimane nella testa».