Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Latest

Angelina Jolie, la madre biologica lancia lʼappello: “Fammi parlare con Zahara”

Nel turbolento divorzio tra Brad Pitt e Angelina Jolie, si inserisce anche la madre biologica della figlia Zahara (12 anni). L’etiope Mentewab Dawit Lebiso nel 2005 fu vittima di uno stupro e la diede in adozione, quando aveva solo sei mesi. Ora però vorrebbe riallacciare i rapporti con lei e dalle pagine del Daily Mail ha lanciato un appello alla Jolie: “Fammi parlare con mia figlia, voglio che sappia che sono viva e che mi manca”.

gallery-1467379844-angelina-jolie-figli

Alla madre naturale – che ha 31 anni e vive in un remoto villaggio etiope – piacerebbe poterla incontrare un giorno, anche se assicura di non voler avanzare alcuna pretesa. “Non la voglio indietro, voglio solo poterle parlare. Angelina per lei è stata una madre molto più di me. E’ con lei da quando è una bambina, ma questo non vuol dire che non mi manchi” ha dichiarato. “Penso a lei ogni giorno e desidero sentire le sua voce, vedere il suo viso. Mi piacerebbe avere contatti regolari con lei, festeggiare il compleanno e ogni altro giorno speciale”.
“So che la sua vita è con Angelina, le ha dato la vita che io non avrei mai potuto darle – ha continuato – Sta diventando una bellissima donna e sono fiera di lei. Prima di morire, però, vorrei che incontrasse me e la famiglia che ha qui in Etiopia”.

Elisa Isoardi: “Pronta alle nozze con Matteo Salvini”

Si dice pronta alle nozze Elisa Isoardi, compagna di Salvini che parla per la prima volta della sua relazione con il leader della Lega. Dopo i “tre giorni fantastici, molto intensi” trascorsi con una coppia di amici a Mosca, in un’intervista rilasciata al settimanale ‘Oggi’, la conduttrice televisiva si racconta.

matteo-salvini-e-elisa-isoardi-in-puglia-827283

“Amo le tradizioni, ma non sono un’integralista. Le nozze arriveranno quando sarà il momento giusto – premette Isoardi – mi sposerei se dovessimo aspettare un figlio. Ecco, il momento giusto potrebbe essere l’attesa di un erede”. “Ho 34 anni e la voglia di un figlio è quanto di più naturale esista – prosegue la conduttrice – Io ho sempre dato la priorità al mio lavoro, alla mia carriera. Ma quando trovi la persona giusta la tua vita si colora di altre emozioni e di altre aspettative. E la costruzione di una famiglia è di solito il progetto per eccellenza delle coppie innamorate”.
Poi confessa di aver già scelto il luogo “la mia Colletto di Castelmagno, tra le ridenti valli piemontesi”, l’abito color avorio e il menu nuziale “semplice e coi sapori del posto, bagna caùda compresa”. Tutto pronto per “quando Matteo me lo chiederà”.

Gigi Buffon, festa in casa Juve con Ilaria DʼAmico

Passione in chiave bianconera per Gigi Buffon e Ilaria D’Amico che l’altra sera a a Milano sono arrivati mano nella mano alla festa di presentazione del nuovo logo della Juventus. Tra tanti calciatori e ospiti, la coppia ha attirato i flash. Entrambi in tema con il mood bianconero hanno mostrato sorrisi e serenità. “E’ la grande fortuna della mia vita” ha detto di recente il portiere parlando della giornalista.

C_2_articolo_3051636_upiImagepp

Pochi passi a piedi per arrivare dal nido d’amore milanese dei Buffon al Museo della Scienza e della tecnica dove si è svolto l’evento della Juve. La D’Amico raggiante in un tubino nero con pelliccia, si è mossa come una vera padrona di casa. Disinvolto e allegro anche Buffon, segno che la sconfitta con la Fiorentina è già dimenticata.
“Credo che Ilaria sia per me un punto di riferimento ormai imprescindibile… E’ la persona che cercavo e quella che volevo. E spero di essere lo stesso per lei” ha dichiarato di recente il portiere. La coppia ha un figlio, Leopoldo Mattia, nato un anno fa. Gigi è padre anche di Louis Thomas e David Lee, nati dalla precedente relazione con Alena Seredova; mentre la D’Amico è mamma anche di Pietro, nato dalla storia con Rocco Attisani.

Checco Zalone ancora papà: è nata Greta

“Cari amici – scrive Zalone – vi comunico che è nata la mia piccola Greta, un’altra femminuccia…!!! presto un cane maschio!”. Così Checco Zalone, in realtà Luca Medici, annuncia sul suo profilo Facebook la nascita della sua secondogenita (dopo Gaia nata nel 2013), avuta dalla compagna Mariangela.

1296614

In meno di dieci minuti l’annuncio di Zalone ha ricevuto seimila like (numero che aumenta di minuto in minuto) e più di 400 messaggi di auguri. E chissà se anche Greta, come il personaggio dell’ultimo successo di Zalone in “Quo vado”, da grande vorrà fare il “posto fisso”.

La bisnonna prega per anni una statuetta del Signore degli Anelli. “Pensava fosse Sant’Antonio”

Gabriela Brandão, truccatrice freelance di Florianópolis, in Brasile, ha fatto una scoperta davvero bizzarra. Osservando attentamente la statuetta di Sant’Antonio che la bisnonna prega da anni ogni giorno, si accorge che c’è qualcosa di strano.

santantonio-690x300

Così fa qualche ricerca in internet e quello che scopre è sorprendente… Come riporta il sito Metro.co.uk, quella che doveva essere una miniatura del santo in realtà è una riproduzione di Elrond, l’elfo del Signore degli Anelli. Gabriela ha postato l’immagine su Facebook e il post è diventato virale. “In un primo momento la mia bisnonna non ha capito cosa fosse successo. Poi glielo abbiamo spiegato – conclude – e le abbiamo donato una vera immagine di Sant’Antonio”.

Lui la tradisce, lei perde 45 chili: ora è una donna diversa

Dopo aver dato alla luce la sua bambina, Betsy Ayala, 34 anni di Houston, in Texas, era arrivata a pesare 118 chili. Il matrimonio era in crisi e ci sono voluti sei mesi per capire che suo marito la tradiva con un’altra. Da quel momento ha deciso che era ora di cambiare vita e taglia. Betsy ha perso 45 kg ed è in forma.

betsy-ayala_03124810

Betsy ha detto addio agli snack zuccherati, alle patatine fritte, al cibo spazzatura per dare spazio a frullati, verdure e frutta. Lo stile di vita è completamente cambiato: la donna pesa 72 chili, va in palestra 6 volte alla settimana e non rimpiange di aver lasciato il marito, al quale ha chiesto immediatamente il divorzio. “Ho avuto voglia di piangere a ogni allenamento ma tutta quella fatica mi è servita. Ora sono orgogliosa di me stessa”, ha dichiarato la 34enne al Daily Mail, che sta crescendo da sola la figlia di quasi 4 anni.

Jeremy, il bel detenuto, esce di prigione con un contratto da modello: ecco la sua nuova vita

La vita di Jeremy Meeks, l’ex detenuto diventato modello dopo essere uscito di prigione, è notevolmente cambiata. Conosciuto come il “criminale più bello del mondo”, è diventato famoso dopo che la foto segnaletica era stata pubblicata online diventando in pochissimo tempo virale.

1087308

Un’agenzia di moda gli ha proposto un contratto e da allora il profilo Instagram ha fatto numerosi proseliti. Dagli scatti regalati alle fan sembra che non gli manchi nulla: l’uomo, riunitosi con la moglie e i figli, si è fatto fotografare accanto ad auto fiammanti e ville esclusive. Le foto sono accompagnate da didascalie “Dio è buono” ed “è bello essere a casa”.

Auto travolge mamma e passeggino: neonato in fin di vita

Grave incidente questa mattina a Treviso. Un neonato è rimasto ferito, sembra in modo grave, da un’auto.

auto-travolge-mamma-e-passeggino-neonato-in-fin-di-vita-treviso-foto_31135218

Il piccolo era sul passeggino che, mentre la mamma attraversava la strada, è stato agganciato da un’auto. Il piccolo è ricoverato all’ospedale. Sul posto i vigili urbani e la Polstrada che dovranno ricostruire la dinamica dell’incidente.

Elisabetta Canalis a passeggio per Hollywood: “Finalmente il sole”

Dai quattro mori alle stelle e strisce: Elisabetta Canalis ormai è sempre più californiana d’adozione.

2166281_elisabetta_canalis_hollywood_sunset_strip

L’ex velina, ormai, è di casa a Los Angeles e Hollywood. Anche in questi giorni si trova in California e su Instagram ha postato lo scatto di una passeggiata lungo la celebre ‘Sunset Strip’: «Finalmente il sole!». Anche lo stile, con il giubbotto di pelle, sembra ormai essersi adattato al mondo statunitense.

Pagamenti in contanti: ecco la somma massima che può essere utilizzata

Qual è il limite di denaro che può essere utilizzato in contanti? Ci sono limiti alle somme che possono essere prelevate o versate in banca? A rispondere a queste domande e l’avvocato Daniele Paolanti, che ha messo a punto una guida che fa chiarezza in materia. A seguito dell’entrata in vigore della legge 208/2015 il limite di denaro che può essere utilizzato in contanti per eseguire le transazioni – si legge sul sito di informazione giuridica studiocataldi.it – è stato innalzato a 3.000 euro.

sasasasa

Non ci sono limiti alle somme che possono essere prelevate o versate da un utente presso un istituto di credito, ma il limite di 3.000 euro si pone per quanto riguarda le operazioni che possono essere compiute verso un soggetto terzo, poiché in tal caso si rivelerebbe necessario usare forme di pagamento come il bonifico o la carta di credito ecc. (strumenti che siano comunque tracciabili). La legge di stabilità del 2016 ha fissato il divieto di trasferimento di denaro contante, di libretti di deposito bancari o postali al portatore oppure di titoli al portatore in euro o in valuta estera, realizzato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, se le predette somme eccedano i 3.000 euro. In virtù della nuova normativa – si legge – risultano dunque ammissibili, anche se dovessero essere superiori a 3.000 euro, tutta una serie di operazioni, tra le quali i prelievi o i versamenti in contanti effettuati presso gli sportelli bancari o postali poiché non sono effettuate verso un soggetto terzo ma nei confronti di un intermediario abilitato (e rimangono comunque nella disponibilità del titolare); i pagamenti rateali, purché risultino da un piano di ammortamento che sia stato previamente accordato tra le parti e che risulti comunque da un documento scritto (o anche nella fattura); l’acconto o la caparra. Anche i prelievi di somme superiori ad euro 3.000 possono essere concessi dall’istituto bancario o postale. Fermo restando che l’addetto potrebbe, al momento dell’operazione, richiedere le motivazioni che abbiano indotto al prelievo. Successivamente – spiega l’avvocato Paolanti – potrebbe essere inoltrata la comunicazione all’Unione Informazione Finanziaria (UIF), organo di natura amministrativa. Se l’ente ha il fondato sospetto che il denaro prelevato possa essere impiegato per finalità di riciclaggio può trasmettere le informazioni alla Procura della Repubblica.