Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Emily Ratajkowski arrestata dalla polizia. Lei su Instagram: «Noi donne non contiamo nulla»

4018863_1037_21.13111866 (1)Emily Ratajkowski finisce in manette: non è una scena del suo ultimo film, o uno spot per una marca di lingerie, ma quello che è accaduto davvero, raccontato dalla stessa modella e attrice sul suo seguitissimo profilo Instagram. Emily sarebbe stata arrestata durante la protesta contro la nomina alla Corte Suprema di Brett Kavanaugh, un caso che sta facendo discutere negli Stati Uniti. Kavanaugh è finito infatti nell’occhio del ciclone perché accusato di stupro da parte di alcune donne.
«Oggi sono stata arrestata mentre protestavo contro la nomina di Brett Kavanaugh, un uomo che è stato accusato da più donne di violenza sessuale – ha detto la Ratajkowski sul suo profilo – Gli uomini che fanno del male alle donne non devono essere in posizioni di potere».
«La conferma di Kavanaugh come giudice della corte Suprema – ha proseguito nel suo post – è un messaggio che noi donne in questo Paese non contiamo nulla. Chiedo un governo che rispetti e sostenga le donne come fa con gli uomini».
LA MARCIA Migliaia di dimostranti, prevalentemente donne, hanno marciato ieri lungo le strade della capitale, dalla Corte d’Appello – presieduta attualmente da Kavanaugh – fino a Capitol Hill e alla vicina sede della Corte Suprema, dove hanno gridato slogan come «Kavanaugh deve andarsene!» e «Noi crediamo a Christine Ford», la prima donna ad aver accusato pubblicamente il giudice di aggressione sessuale quando era uno studente. Gli arresti sono avvenuti nell’atrio di un edificio del Senato, dove oltre 300 persone protestavano con un sit-in contro Kavanaugh alla Corte suprema. Anche la comica Amy Schumer, oltre alla modella Emily Ratajkowski, è tra le 302 donne arrestate ieri durante la protesta a Washington, riporta la Bbc.

Emily Ratajkowski arrestata dalla polizia. Lei su Instagram: «Noi donne non contiamo nulla»ultima modifica: 2018-10-06T02:14:23+02:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo