Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Nina Moric: «Un purosangue non fa mai a gara con un pony»

3735356_1142_grande_fratello_ninamoric_purosangueIl duro scontro tra Nina Moric e Luigi Favoloso durante la diretta della quinta puntata del Grande Fratello è diventato un cult soprattutto grazie alle frasi ad effetto della modella croata.
Il confrontro tra i due ha mostrato l’altra faccia della celebrità, al di là delle copertine patinate, la coppia ha perso un bambino, il primo a parlarne è stato proprio Favoloso all’interno della casa. Una confessione che la Moric non gli ha perdonato. “Dovresti farti un esame di coscienza, ma non lo passeresti neanche copiando!”
Il litigio prosegue con una Moric sempre più tesa e infastidita e gela Favoloso con una frase che è già storia: “Un purosangue non fa mai a gara con i pony”.
Al centro della discussione non c’è solo la storia d’amore, ma la voglia della modella croata di volersi completamente dissociare dai comportamenti del suo ex fidanzato: “Voglio salutare il mio amico particolare Simone. Lui ha rispettato la sua donna, cosa che Luigi non ha fatto”. Favoloso non la prende bene: “Non farmi la morale, tu conosci la mia ironia più di chiunque altro”. Favoloso decide di lasciare il Grande Fratello per seguire Nina, ma la D?Urso, prima di fargli varcare la porta rossa gli comunica che è stato espluso dal gioco : “Alle quattro di notte, Luigi, durante una sua personalissima protesta, ha preso una maglietta bianca e con un rossetto ha fatto un’orrenda scritta sessista. L’ha indossata, qualcuno l’ha vista, so che ti sei pentito, ma ormai è tardi. Luigi sei stato ripreso una volta, una seconda volta quando hai preso in giro la Pezzopane, questa terza volta, è ancora più terribile delle altre. Vieto chiunque di raccontare questa espressione sessista. Non ne voglio sapere. Il Grande Fratello ha deciso un provvedimento. Sei ufficialmente squalificato”.

Nina Moric: «Un purosangue non fa mai a gara con un pony»ultima modifica: 2018-05-16T14:49:47+02:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo