Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Guerriglia a Parigi, giovani in piazza contro la riforma del lavoro: ragazzo ferito alla testa

Scene di guerriglia a Parigi, dove i primi incidenti nella manifestazione contro la riforma del lavoro si sono tramutati ormai in una battaglia tra forze dell’ordine e dimostranti. Un ragazzo è stato ferito alla testa, secondo quanto si apprende. Tre i fermati, sassi e oggetti di ogni tipo contro la polizia, lacrimogeni da parte degli agenti.

France Labor Law

Ancora incidenti a Parigi, attorno all’Assemblea nazionale dove i deputati votano l’adozione della riforma del lavoro, il jobs act francese. Gruppi di giovani continuano a sfidare l’ordine di dispersione dato dalla polizia dopo l’arrivo del corteo di protesta agli Invalides.  A gruppetti e con il volto coperto, subiscono cariche della polizia armata di lacrimogeni e proiettili di gomma, poi ripartono all’offensiva. Gravi incidenti anche in altre città, soprattutto Nantes, dove gruppi di giovani imbavagliati hanno invaso la stazione ferroviaria saccheggiandola, spaccando vetrine e tutto quanto hanno trovato sulla loro strada. Scene di panico fra i passeggeri, che si sono rifugiati nelle sale d’aspetto e sono stati poi evacuati dalla polizia.  FERMATE TRE PERSONE Incidenti sono scoppiati oggi pomeriggio in margine alla manifestazione contro la riforma del lavoro che dovrebbe passare in giornata dopo che il governo ha deciso di porre la fiducia. Disordini sono segnalati anche nei cortei di Nantes e Rennes. Nella capitale sono state fermate 3 persone, una all’inizio della manifestazione agli Invalides, le altre due durante violenti scontri con la polizia. Erano armate di mazze da baseball e avevano il volto coperto da passamontagna. Gli agenti hanno anche lanciato gas lacrimogeni. Il corteo si dirige verso l’Assemblea nazionale dove i deputati voteranno la fiducia al governo.

Guerriglia a Parigi, giovani in piazza contro la riforma del lavoro: ragazzo ferito alla testaultima modifica: 2016-05-14T07:20:15+02:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo