Download!Download Point responsive WP Theme for FREE!

Terrorismo: “Attacchiamo Roma” Marocchino islamico espulso

182220818-be6ab7b6-2e02-4dac-9cd3-08e1f0fea211Un marocchino residente a Monselice, Bamaarouf Adil, 37 anni, è stato espulso per terrorismo. Il maghrebino, che è indagato per istigazione a commettere reati, è stato prelevato dalla polizia nella sua abitazione e accompagnato davanti al giudice per la convalida del provvedimento, quindi è stato accompagnato all’aeroporto di Malpensa. Adil, secondo quanto accertato dagli investigatori, avrebbe voluto vendicare il mondo arabo dicendosi favorevole ad un attacco terroristico a Roma.
 I carabinieri del Ros hanno anche eseguito a carico del marocchino, raggiunto dal provvedimento di espulsione, una perquisizione, delegata dall’autorità giudiziaria veneziana, con il sequestro di materiale informatico. Bamaarouf, prosegue la nota dei Ros, ha anche manifestato di voler raggiungere, attraverso i confini turchi, i combattenti «mujaheddin» impegnati nei teatri di guerra medio orientali, e criticato duramente gli interventi militari effettuati dall’Europa e dagli Stati Uniti d’America contro gli appartenenti all’organizzazione terroristica Is. Risulta inoltre che il marocchino abbia frequentato con regolarità, anche se per un breve periodo, l’Associazione Culturale Islamica locale, dalla quale era stato allontanato – sebbene si fosse proposto dapprima come educatore di Corano e della lingua araba ai bambini e successivamente come Imam – poiché aveva esternato un credo radicale volto alla totale chiusura nei confronti del mondo occidentale. Contestualmente al provvedimento di espulsione, i Carabinieri del Ros hanno eseguito una perquisizione locale e personale delegata dall’autorità giudiziaria veneziana, che ha consentito «di rinvenire e sequestrare materiale informatico in uso al cittadino marocchino, che sarà oggetto di successiva analisi».

Terrorismo: “Attacchiamo Roma” Marocchino islamico espulsoultima modifica: 2015-12-30T00:48:02+01:00da acristina30
Reposta per primo quest’articolo