Rosy Abate, nella fiction spunta un numero di telefono: “Non era inventato, è di mio marito e ci hanno minacciato di morte”

Telefonate anonime e minacce di morte. Questo è quello che una coppia di Domodossola ha subito dopo la prima puntata della fiction andata in onda su Canale 5 “Rosy Abate” che racconta la storia di una donna di mafia che prova a rifarsi una vita lontano dalla Sicilia.

69033_ppl

In una scena della fiction un criminale lascia un biglietto alla protagonista con un numero di telefono, peccato però che non fosse inventato ma appartenesse a un trentenne. «Quel numero esiste ed è di mio marito» spiega la signora di Domodossola a La Stampa, «Da ieri sera persone sconosciute ci stanno tempestando di telefonate, fino alle 4 di notte e di nuovo stamattina, per chiederci se siamo parenti di Rosy Abate, qualcuno ci dà dei mafiosi e c’è chi ci ha perfino minacciato». La coppia inizialmente ha pensato si trattasse di uno scherzo, ma poi ha capito che non era così e che la realtà aveva superato la fantasia.
A telefonare ai due, tra i vari, è stato uno spettatore della Basilicata, convinto che intestatario del numero fosse Rosy Abate e ha minacciato la donna. La signora ha risposto tutta la notte a chiamate minacciose sul telefono del marito, che è poi dovuto partire per un viaggio di lavoro in Svizzera, ma ha deciso di denunciare: «Non è possibile che una produzione tv non controlli se i numeri sono veri. La nostra privacy è stata violata. Mio marito è siciliano di origine, ma noi con la mafia non c’entriamo niente, siamo mica matti».

Isola, Raz innamorato di Nancy? Il dubbio della cantante: “Sta facendo troppo lo spiritoso…”

HONDURAS – Stasera c’è la semifinale dell’Isola dei Famosi e ne vedremo delle belle. Dopo essere guarito dal morso di un insetto dell’isola, Raz Degan è tornato più in forma di prima e ha perfino organizzato uno scherzo a Nancy Coppola. Tornato dalla medicazione, Raz racconta ai naufraghi di aver saputo che l’isola è piena di iguane e che la produzione gli ha concesso di cacciarne una per mangiarla. E qui scatta il piano-scherzo.

Schermata 2017-04-04 alle 11.09.03_04114306

“Sono iguane molto simili a quelle dell’Amazzonia – spiega Raz – e io le conosco bene. Sono attirate dal sangue vulcanico, quindi Nancy visto che sei di Napoli potresti fare da esca. Ti leghiamo a un albero, poi con una piccola ferita le attiri…”. Nancy è incredula e Raz rincara la dose: “Tranquilla appena arriva l’iguana ti salva Simone con un coltello e Giulio prega per te…”.
Ilarità fra i naufraghi, ma Nancy forse fraintende lo scherzo del regista israeliano e in confessionale rivela: “Mentre Raz parlava ho guardato Malena e le ho detto ‘Ma che vuole questo?’ Sta facendo troppo lo spiritoso, non vorrei che…”.

Fedez, lo scherzo di J-Ax alle Iene è cattivissimo: il rapper piange disperato

Il secondary ticketing, scandalo emerso nei mesi scorsi in seguito a un’inchiesta de ‘Le Iene’, è stato osteggiato da tanti nomi importanti del panorama musicale italiano. Contro la vendita, effettuata in blocco ed in pochi minuti, di centinaia di biglietti a bagarini pronti a rivendere online i pass per i concerti a prezzi decisamente maggiorati, si erano scagliati, tra gli altri, J-Ax e Fedez.

fedez-piange-scherzo (1)

I due artisti milanesi, infatti, sono impegnati in un lungo tour italiano dei palazzetti, dove molte date, già sold-out, hanno visto andare esauriti i biglietti anche per le repliche. Il socio J-Ax, tuttavia, ha pensato bene di fare un pessimo scherzo a Fedez, tramite la ‘Iena’ Matteo Viviani. Con la complicità dell’avvocato del rapper, Christian Magaletti, e del produttore Clemente Zard, a Fedez viene fatto sapere che la Questura ha bloccato decine di migliaia di biglietti perché venduti attraverso il secondary ticketing. Una notizia tremenda: i palazzetti riempiti anche in più date, così, resterebbero vuoti. Fedez cerca poi di mettersi in contatto con la mamma, che le fa anche da agente, ma la donna non riesce a tranquillizzarlo. L’avvocato gli spiega che a vendere tutti i biglietti col secondary ticketing è stato proprio Zard e il rapper inizia a disperarsi. La situazione precipita quando Matteo Viviani si palesa nello studio dove Fedez e J-Ax stavano provando. Fornendogli documenti falsi, la ‘Iena’ fa credere a Fedez di aver firmato accordi con Zard per spartirsi i proventi del bagarinaggio online alle spalle di J-Ax. Peccato che l’ex Articolo 31 sia la mente dello scherzo: quando Fedez lo scopre crolla in un pianto di nervi e si lascia andare a espressioni fin troppo colorite.

Checco Zalone: “Mi ha telefonato Celentano, ma l’ho mandato a quel paese…”

Checco Zalone sta raggiungendo un livello di successo davvero molto alto con il suo nuovo film, ‘Quo Vado’. Addirittura Adriano Celentano aveva espresso parole di elogio verso il comico, in un articolo pubblicato sul Corriere della Sera. Ma per rendere il tutto più ufficiale, il Molleggiato aveva voluto telefonare direttamente a Zalone, per complimentarsi con lui.

celentano-checco-zalone

Peccato che lui, credendo che fosse uno scherzo, ha mandato a ‘quel paese’ Celentano: tutto è stato raccontato in un’intervista comparsa sul settimanale Oggi in edicola. “Pensavo fosse un mio amico che mi faceva uno scherzo e l’ho mandato affanc… – commenta Checco Zalone su Oggi – Quando mi sono reso conto che era davvero lui… che figura di m… E poi proprio col mio mito di sempre. Da ragazzino cantavo le sue canzoni davanti allo specchio e provavo le sue mosse. Lo amo”, ha detto Zalone, che ha imitato Celentano anche in scena di “Quo Vado?”.