Al Bano attacca Romina Power dopo la dichiarazione d’amore a Verissimo

‘Era e poteva essere un amore bellissimo ma basta’, Al Bano risponde furioso all’intervista di Romina Power a Verissimo. L’ex moglie del cantante fa un’affermazione sull’amore che proverebbe ancora Carrisi per lei. Al Bano interviene e lancia parole infuocate e chiarisce tutto.

3290391_8_20171009063510

Al Bano Carrisi e Romina Power, le parole dell’ex moglie mandano fuori di testa il cantante.
Si sa che Al Bano Carrisi e Romina Power insieme fanno ancora sognare tanti italiani nonostante il loro matrimonio sia ufficialmente terminato nel 1999. Eppure a Verissimo la cantante ha fatto al suo ex marito una vera e propria dichiarazione d’amore che ha spiazzato tutti.
“Lui mi ama ancora, cosa ci vuoi fare! Anch’io lo amo ancora – ha confessato infatti a Silvia Toffanin – Se tu vivi per trent’anni con una persona come fai a staccare la spina completamente, rimane sempre quel collegamento che unisce due persone anche se non vivi più insieme. Quell’amore resta sempre”.
Queste parole hanno indubbiamente riacceso la speranza di molti di noi che vorrebbero vederli di nuovo insieme e non solo sul palco, ma a spegnerla definitivamente ci ha pensato il diretto interessato.
La risposta dell’artista di Cellino San Marco, infatti, non è stata del tutto conciliante nei confronti della figlia di Tyron Power. In volo verso Roma al Corriere ha fatto sapere:
“Non ne posso più. Prima di fare gossip, qualcuno ci pensa mai che io, a casa, ho una compagna e due figli? Perché sembra che agli italiani non importi altro che io e Romina torniamo insieme?”
“Quello era e sarebbe stato ancora un bell’amore, ma è interrotto da troppi anni. Ora, io e Loredana Lecciso abbiamo due figli da crescere e un insegnamento da dare”
Al Bano Carrisi e Romina Power insieme non potranno mai tornarci, a maggior ragione dopo la dichiarazione d’amore rilasciata a Verissimo. “Io, che la conosco, so che di Romina bisogna saper cogliere l’ironia” ha ribadito il cantante allontanando l’ombra di un ritorno di fiamma e prima di aggiungere: “Ora, abbiamo un rapporto correttissimo, nel rispetto delle vite altrui. La sua in America, la mia in Italia. Siamo come fratello e sorella”.
Intanto immaginiamo che Loredana Lecciso non abbia preso benissimo l’intervista della Power a Verissimo, staremo a vedere se scenderà in campo anche lei.

Cristel Carrisi, matrimonio a Lecce per la figlia di Al Bano

Il centro storico di Lecce tinto di bianco per il matrimonio vip di fine estate tra Cristel Carrisi, terzogenita di Al Bano e Romina Power, e il milionario di origine cileno-croata Davor Luksic (patrimonio stimato, 170 milioni di euro).  Nozze vip blindatissime, dopo quattro anni di amore.
Blindatissimo il centro storico di Lecce. La cerimonia, in programma per le 18 nella chiesa barocca di San Matteo, in via dei Perroni, nel salotto buono della città, tra Porta San Biagio, piazzetta Santa Chiara e piazza Sant’Oronzo, è iniziata in realtà intorno alle 19.Gran lavoro per gli agenti della Polizia Municipale e delle Forze dell’ordine.Tanti curiosi tra vicoli e vicoletti per scattare una foto agli sposi e agli ospiti invitati al matrimonio.

1946049_matrimonio_cristel_carrisi_5354A celebrare le nozze è stato monsignor Giancarlo Polito. Tra la folla anche alcune suore dell’Istituto delle Marcelline di Lecce, dove Cristel ha studiato. Proprio come tutti i suoi fratelli, compresi i figli che Al Bano ha avuto da Loredana Lecciso. La compagna di Albano non era presente, lo era invece la figlia Brigitta avuta dalla show girl salentina nel primo matrimonio.  L’arrivo della coppia d’oro della canzone italiana è stata salutata dalle centinaia di persone presenti con un’ovazione. Dalla gente accorsa numerosa e stipata dietro le transenne si è levata l’intonazione  di “Nel sole”. Un abito quello indossato dalla sposa, di tulle e pizzo con la schiena scoperta su cui ricadeva un velo lunghissimo. I capelli raccolti impreziositi da foglie dorate. Completo pantaloni e casacca kaftano color corallo per Romina Power. Lo sposo è arrivato a bordo di un van. Abito scuro con mocassini in velluto senza calze. Troppo piccola la chiesa di San Matteo per contenere tutti gli ospiti, molti dei quali hanno atteso la fine della cerimonia sul sagrato, per strada o nel vicino bar. Tra i vip presenti Mara Venier, Mario Biondi, la fashion blogger Chiara Nasti e la soubrette Francesca Lodo.  Dopo le nozze, tutti a festeggiare nella settecentesca masseria La Mea, nel complesso di proprietà del cantante a Cellino San Marco. Il menu? Un misto di carne e pesce, preparato dal catering Galateo Ricevimenti di Firenze. E per i regali, niente lista nozze: la coppia ha chiesto, con una mail, versamenti a un’associazione di beneficenza per la salvaguardia degli oceani.

Al Bano: “Prima della scomparsa di Ylenia ebbi segni premonitori”

Una vicenda dolorosa, che mai sarà superata da Al Bano Carrisi. La scomparsa di sua figlia Ylenia, avuta con Romina Power è una ferita che mai sarà rimarginata. Nel corso di un’intervista sulla rivista Mistero Magazine, il cantante ha rilasciato delle importanti dichiarazioni e si è lasciato andare al racconto dei giorni che precedettero la misteriosa scomparsa di Ylenia: “Mi ricordo cinque maledetti gatti neri e mi scuso con tutti gli animalisti, alla fine dell’anno 1993 – ha raccontato Al Bano -. Spuntarono tutti insieme di fronte a casa mia, davanti al bosco… Ed è una cosa che non dimenticherò mai. Sempre in quei giorni, una pigna cadde sul presepe di casa, che prese fuoco e andò distrutto.

Al-Bano-e-Ylenia-Carrisi

Reagii contro Dio, ma capii subito che stavo commettendo un gravissimo errore, perché mi allontanavo da una certezza per affrontarne altre – ha aggiunto -. Non entro nei particolari, ed è giusto che sia così, ma dopo un po’ mi ritrovai a pensare: ‘Se a Dio hanno ammazzato un figlio, tu chi ti credi di essere per non poter provare su questa Terra una cosa del genere?’. A quel punto ricominciai a collegarmi con Dio e il mio spirito migliorò, sentivo meno acidità e cattiveria dentro. Così ho riscoperto la cristianità”.  L’incontro con Papa Giovanni Paolo II è sicuramente un’occasione che gli ha cambiato la vita: “Ho cantato sette volte per lui e ogni volta che ci incontravamo mi faceva venire i brividi. Non dimenticherò mai il primo incontro, nella sua cappella privata in Vaticano. Eravamo in ventidue persone, c’erano mia madre, mio fratello, Romina, le due bambine. Quell’incontro mi segnò, perché in lui vedevi il divino: nei suoi occhi percepivi la bontà assoluta, ma anche la capacità di leggerti l’anima fin nel profondo”, ha concluso.