“Il mostro di Loch Ness è morto, ecco la prova”. Dopo poche ore, si scopre la verità

Moltissime persone da ogni angolo del mondo erano pronte a fare le valigie e andare a vedere con i propri occhi la carcassa di quello che tutti hanno considerato per qualche ora il mostro di Loch Ness.

13557904_1306503322694972_5380391566619592945_n

Lo scheletro e le sue interiora, tutto perfettamente conservato. Quella che si credeva essere la scoperta del secolo, è stata fatta da un cane, Walker, che stava passando casualmente su quella parte di spiaggia. Le immagini sono state pubblicate sul profilo Facebook dell’associazione Help2Rehome Scotland ma, dopo qualche ora, la verità è venuta a galla. La carcassa dell’animale faceva parte del set di un nuovo show televisivo e, con tutta probabilità, è stata lasciata sulla spiaggia vicino al lago proprio a scopo promozionale. A giudicare dal gran clamore che ha sollevato, soprattutto nel Regno Unito, è stata una trovata molto originale e di successo.

Adele, la Sony è pronta a coprirla dʼoro con un contratto da 90 milioni di sterline

Per Adele è sempre un periodo d’oro. Nel vero senso della parola. La cantante britannica sarebbe infatti in procinto di firmare un contratto con la Sony Music per 90 milioni di sterline, cifra che la porterebbe a essere l’artista più pagata di sempre del Regno Unito. A rivelare la notizia è il “Sun”, che cita una fonte all’interno del colosso musicale: “Ci siamo assicurati Adele, che senza dubbio è la più grande star musicale della sua generazione”.

1441100886_adele_shooting_magra

Se Adele dovesse firmare il contratto scalzerebbe in testa alla classifica degli artisti britannici più pagati Robbie Williams che nel 2002 ha ricevuto dall’etichetta Emi “soltanto” 80 milioni di sterline, mentre nel 2001 Whitney Houston si fermò a 70 milioni.
La cantante è l’unica a raccogliere cifre di vendite paragonabili a quelle dell’età gloriosa del pop. In tempi di streaming (ma Adele non ha concesso i diritti per il suo album), download e crisi della discografia, il suo ultimo lavoro, “25”, ha già superato i 20 milioni di copie vendute. Se passasse alla major Sony sarebbe una svolta epocale perché uno dei tratti distintivi del fenomeno Adele è quello di avere avuto questo straordinario successo con un’etichetta indipendente, la Xl.

Ventiseienne uccide la figlia di pochi mesi: il motivo scoperto è agghiacciante

La piccola Deimante aveva solo pochi mesi quando è morta. Del suo omicidio è accusato il papà Tomas Driukas, un giovane lituano di 26 anni che vive nel Regno Unito. Il fatto risale al primo aprile del 2015. Dal processo emerge il movente agghiacciante: Tomas avrebbe ucciso la bambina perché piangeva troppo.Il ragazzo era rimasto da solo con la piccola perché la compagna era al lavoro e le avrebbe inferto tanti colpi fino a farla morire per emorragia cerebrale.

1488512_0160117_114342_tomas

La bambina, nata prematura, piangeva sempre ed effettivamente cambiarle il pannolino “era come andare in guerra”. Il giovane respinge le accuse, ma le fratture e le lesioni sul corpicino sarebbero inequivocabili. Secondo la Corte aveva un atteggiamento violento e la madre Renata Braskyte ha la colpa di non aver protetto Deimante da Driukas. Secondo l’accusa la donna avrebbe “omesso di adottare misure che poteva ragionevolmente prevedere per tutelare Deimante”. La donna ha ripetuto più volte che il compagno non avrebbe mai fatto del male alla bambina.