Anna Tatangelo a “I migliori anni”: “Non prevista, serviva per ricucire con Gigi D’Alessio”

Ultimamente Anna Tatangelo, con la sua partecipazione a “I migliori anni”, ha fatto parlare molto il mondo social per via innumerevoli critiche inerenti al suo aspetto fisico e in particolare al suo volto, stranamente gonfio.

anna-tatangelo (1)

La sua presenza però non sarebbe stata inizialmente prevista: “Si mormora che la presenza di Anna Tatangelo a I Migliori anni, show del venerdì sera di Rai1 – svela Giuseppe Candela per Dagospia – non fosse prevista e che la decisione sia arrivata a pochi giorni dalla messa in onda.
Conti aveva inizialmente pensato ad altri nomi ma le trattative non erano decollate per questo avrebbe scelto di confermare la cantante di Sora anche per provare a ricostruire il rapporto con Gigi D’Alessio dopo la rottura avvenuta a Sanremo”.

Michelle Hunziker, video con Aurora Ramazzotti: “Gli stiamo addosso per studiare (di brutto) poi…”

La verve comica di Michelle Hunziker e di Aurora Ramazzotti è ormai cosa nota sul web e la coppia di mamma e figlia più famosa d’Italia torna a far sorridere i fan con un video virale su Instagram, questa volta dedicato proprio al rapporto mamma-figlia.

2409778_poster_001

Nel filmato appare Michelle in versione “appiccicosa”, non lascia infatti studiare Aurora in pace, tempestandola di domande. E le espressioni delle due “Instagram star” sono esilaranti. Nella didascalia, la showgirl svizzera spiega: “Gli stiamo addosso per studiare ( di brutto)…poi li vediamo lì in salotto e veniamo possedute dall’irrefrenabile ed inenarrabile desiderio di chiacchierare con loro! Siamo Mammeeeeeee!!!”.
Il video neanche a dirlo è diventato virale. In poche ore ha superato le 620mila visualizzazioni. Viva le mamme!

Raz Degan e Paola Barale, cʼè il ritorno di fiamma?

Paola Barale e Raz Degan sono stati la coppia (di ex ?) più bella dell’ “Isola dei famosi”. Dopo averli visti insieme il pubblico ha iniziato a tifare per un ritorno di fiamma e i recenti movimenti social fanno ben sperare. Nelle ultime ore, infatti, entrambi hanno pubblicato su Instagram la stessa romantica dichiarazione d’amore. Pare, però, che nello studio di “Verissimo” la Barale abbia riservato a Raz ben altre dichiarazioni…

C_2_articolo_3067549_upiImagepp

PAOLA BARALE, FREDDA IN TV… – Sabato 22 aprile Paola Barale sarà l’ospite d’onore della puntata di “Verissimo”. Secondo alcune anticipazioni, la showgirl durante l’intervista con Silvia Toffanin avrebbe parlato della sua vita, dei suoi progetti e naturalmente anche della relazione con Raz. Avrebbe ribadito ciò che aveva già dichiarato all’Isola dei famosi e cioè che il loro rapporto è andato oltre l’amore, aggiungendo inoltre che “per anni ho tentato di inseguirlo senza successo, ora mi sono stancata”. Una vera doccia fredda, che avrebbe scatenato le reazioni negative del pubblico presente.

… MA “IN LOVE” SU INSTAGRAM – Nelle ultime ore, però, qualcosa deve essere cambiato. Sul profilo di Raz è infatti comparsa una lunga e appassionata dichiarazione d’amore indirizzata alla sua bionda: “Voglio tatuarmi il tuo nome, su ogni parte del corpo. Voglio il mio corpo, avvolto dal tuo nome. Voglio sentire il tuo calore ovunque, e sempre. Voglio leggere quel nome, voglio sentire quell’emozione percorrere tutta la spina dorsale”. La ‘bionda’ deve aver apprezzato il messaggio e nel giro di qualche minuto l’ha condiviso anche sul suo profilo. Le loro strade si incroceranno ancora? I fan non hanno dubbi su questo: il loro è vero amore.

Ilaria D’Amico e la giovinezza turbolenta’: “Mia madre voleva abortire, sono qui per caso”

Ilaria D’Amico è pronta per una nuova avventura televisiva: commenterà gli Europei per Sky Calcio Show dopo una lunga pausa dovuta alla gravidanza e alla nascita del figlio avuto con Gigi Buffon. Nel frattempo si racconta in una lunga intervista a ‘Vanity Fair’. Dalle cotte adolescenziali al suo temperamento vivace fino al mancato aborto della mamma: la conduttrice è un libro aperto.

ilaria1

LA NUOVA SFIDA Sulle pagine di ‘Vanity Fair’ anche le emozioni per questa nuova sfida professionale: “Non è un nuovo inizio e non sento alcuna pressione, ma solo l’emozione e la felicità di tornare a fare il mio lavoro dopo essermi presa il giusto tempo per essere madre e aver oliato quella macchina complessa che è la famiglia allargata”.

ADOLESCENZA IRREQUIETA Ilaria ammette di essere stata pestifera sin da piccola e che amava uscire e divertirsi. Molto diversa dalla figlia maggiore, ha dato qualche preoccupazione in più alla mamma: “Mi piaceva stare in mezzo alla gente, alle feste in discoteca, e discoteca per mia madre significava una cosa sola: droga, aghi, cocaina, dissoluzione. La cocaina c’era, ma con me avrebbe potuto star tranquilla… Sa come mi soprannominavano le amiche? Digos. Ero la rompipalle che finiva per controllare gli altri. Non so se sia stata paura che qualcuno potesse approfittarsene o timore di non essere più padrona di me stessa. Ma alle feste mi fermavo al secondo bicchiere di vino e non ho mai avuto voglia di andare oltre. Poi magari ballavo fino alle 6 del mattino, ma lucida. Senza veleni. Al massimo a dare la pozione sono stata io… Mia madre non voleva farmi andare in discoteca e così mi feci consigliare da un amico che studiava Farmacia il sonnifero giusto da mettere nel vino, una sera, per addormentare lei e il suo compagno. Dormirono fino a quando, sospettando di aver sbagliato il dosaggio e di averla combinata più grossa del previsto, non li svegliai io tornando a casa”.
Era solita scappare di casa, ma non sempre le andava bene: “Una sera, al mare, dico a mia madre: ‘Dormo al piano di sopra’. Salgo, mi vesto di soppiatto, mi calo dalla finestra e mi preparo a scavalcare il cancello del giardino. Lei era dall’altra parte dell’inferriata”. LE COTTE ADOLESCENZIALI La mamma è stata in ansia anche quando Ilaria si prese una cotta per il suo professore Gianni Barbarella: “Era il nostro professore di Lettere. Ci aiutò a essere curiosi, a non farci suggerire dagli altri che cosa pensare, e a chiederci sempre il perché. L’ultimo giorno di scuola salimmo tutti sui banchi per salutarlo come nella scena finale dell’Attimo fuggente. Per lui ho provato un’attrazione che spinse mia madre, preoccupata, ad andarci a parlare. Un invaghimento letterario che solo un galantuomo equilibrato come lui avrebbe potuto ignorare”. Questa attrazione l’aveva spinta a desiderare di essere un’insegnante, cosa che avrebbe fatto se non fosse diventata la conduttrice di un programma sportivo.

IL RAPPORTO CON LA MAMMA Alla domanda sul rapporto con la mamma, Ilaria spiega che si è sviluppato sempre nel rispetto delle reciproche indipendenze. “Fin da quando sono nata, nel 1973. Mia madre conduceva già da tempo un’aspra battaglia per separarsi dal marito e portare la prima figlia con sé. A quell’epoca la patria potestà era la regola e mio padre non lo avrebbe mai permesso. Dormivano separati quando all’improvviso morì mio nonno materno. Una notte, mentre lei elaborava il lutto, ci fu un momento di tenerezza”. E lì fu concepita lei.
“Si figuri la sua felicità per quella figlia arrivata per caso. Prigioniera di un matrimonio che non aveva mai trovato pace, col dubbio di poter perdere ogni libertà residua, si disse: ‘Non posso’. Tenne nascosta la gravidanza e decise di abortire. Contattò un medico che operava in clandestinità, si confidò con un’unica amica, tacque con la madre e con le sorelle, prese l’appuntamento con il dottore e fissò il giorno… Poi una notte sognò suo padre e a quel sogno, qualche giorno dopo, seguì una telefonata. Era la segretaria del medico che si scusava. Il dottore si era dovuto trattenere a Firenze e avrebbe potuto operarla solo nel pomeriggio. ‘Non vengo più, grazie’, disse. Poi riagganciò. Era il segno che aspettava… Se avesse scelto diversamente non sarei qui”.

Jennifer Aniston, la madre è in fin di vita e lei non va a trovarla. Ecco il motivo…

La madre dell’attrice Jennifer Aniston, Nancy Dow sarebbe stata ricoverata d’urgenza in ospedale e le sue condizioni di salute sarebbero disperate. A riportare la notizia è stato il media statunitense RadarOnline.com, il quale ancora non conosce i motivi del ricovero.

865a9078-b483-42f1-8f1f-5cb3c8f7e30f

Nonostante le condizioni di salute disperate di sua madre, Jennifer Aniston ha deciso di non farle visita in ospedale: le due hanno un rapporto pessimo da alcuni anni. Tutto è iniziato quando Nancy ha pubblicato un libro (From Mother and Daughter to Friends: A Memoir) nel quale parlava malissimo di sua figlia. La cosa non è stata gradita dall’attrice che ha litigato pesantemente con sua madre. Ma non finisce qua: il rapporto tra mamma e figlia si è interrotto definitivamente quando Nancy non ha voluto partecipare al matrimonio della Aniston con suo marito Justin Theroux. Nancy Dow è malata da alcuni anni: la donna fu colpita da ictus nel 2011 e da allora le sue condizioni di salute sono peggiorate progressivamente.

Selvaggia Lucarelli si pente: “Quella frase sul figlio di Belen me la potevo risparmiare”

Attenzione: Selvaggia Lucarelli ha fatto dietrofront e si è pentita di qualcosa che ha detto. Ci stiamo riferendo al rapporto non troppo pacifico che c’è proprio tra la Lucarelli e Belen Rodriguez. Si sarebbe pentita di aver detto alcune cose riferite al figlio di Belen e Stefano De Martino, pronunciate nel 2013: “Se po’ dì che si sono visti bambini più belli e che con una madre così, a Santiago je poteva andà meglio, o per punizione non riuscirò più a prendere sonno perché le gemelline di Shining mi fisseranno ai piedi del letto fino al 2018? No perché noi gli vogliamo bene uguale a Santiago, eh”.

belen-selvaggia-140915163749_big

Adesso, a distanza di 3 anni e dopo moltissime polemiche che hanno infuocato il rapporto tra le due, Selvaggia Lucarelli mostra segni di pentimento all’interno di un’intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport: “Forse potevo risparmiarmi la frase sul figlio di Belen. Sono anche io una madre e dovevo essere più sensibile”. La Lucarelli ha anche legittimato il suo diritto alla critica: “Io sono libera di usare i toni che voglio, a patto di essere rispettosa, come in effetti sono – ha ammesso -. Essere rompiscatole non legittima ad offendermi come è avvenuto a Gela. Nessuno si è scusato ufficialmente: né il Comune, né la società. Sono una donna, mi espongo e ho un pensiero critico. Mi sono fatta valere in ambienti maschili e maschilisti”.