Paola Ferrari contro Diletta Leotta e Ilaria D’Amico: “La Rai non mi rispetta, è uno schifo”

Chi è la migliore giornalista sportiva tra Diletta Leotta, Ilaria D’Amico e Mikaela Calcagno? La risposta non è importante quanto la reazione che la domanda ha scatenato in Paola Ferrari, volto sportivo della Rai, grande esclusa dal sondaggio lanciato da Gigi&Ross nel corso della puntata di ieri di Sbandati (su Rai2). La Ferrari, incredula per non essere stata menzionata in un programma della sua stessa rete, ha cominciato a twittare compulsivamente il proprio (massimo) disagio: «Mi viene la nausea! Sarà l’influenza o altro?».

paola3

E la risposta non ha tardato ad arrivare, sempre sul profilo Twitter dell’indignata giornalista: «No è che la mia azienda, la Rai, porta ad esempio come giornaliste sportive Due di Sky e una di Mediaset Premium ! Basterà la Tachipirina?», condita da faccetta malata. A «difendere» il volto di “90°minuto” solo l’amica Alba Parietti, alla quale (nemmeno a dirlo) la Ferrari ha dedicato l’apposito hashtag #amichesempre. Rispondendo poi a un complimento arrivato sul social, si è proprio scatenata: «@calabrinterista La Rai come il solito non rispetta i suoi giornalisti. Uno schifo». Dopo cinque tweet di seguito si è evidentemente fatta una ragione della questione e ha abbandonato temporaneamente il social. Con un’evidente vena di delusione, però.

Nina Moric contro Paola Ferrari: “Piuttosto che vedere cellulite e pelle a buccia d’arancia lavoro gratis”

Ultimamente Nina Moric non si fa pregare e dalla sua pagina Facebook regala post abbastanza pepati. Ha iniziato tempo fa con Belen Rodriguez e ora ha scelto un nuovo bersaglio, Paola Ferrari.

Paola-Ferrari-Foto-Facebook

Durante la puntata di “Il Grande Match” su Rai1, Nina ha tuonato dal suo account, postando un’immagine della conduttrice: “Comunque io in Rai mai potrei lavorare perché Equitalia mi porterebbe via i Soldi ( grazie al mio matrimonio in comunione dei beni ) .. Tuttavia piuttosto che vedere questa cellulite e questa pelle a buccia d’arancia ci vado anche gratis”.