Emma Stone, annata d’oro: è l’attrice più pagata del 2017 secondo Forbes

Non c’è che dire, è decisamente l’anno di Emma Stone. Forbes ha stilato la classifica delle dieci attrici più pagate al mondo nel 2017, incoronando l’attrice 28enne protagonista di “La La Land” e vincitrice del premio Oscar, che ha incassato 26 milioni di dollari. Seconda è Jennifer Aniston con 25,5 milioni di dollari, che precede l’ex regina del biennio 2015- 2016, Jennifer Lawrence, che si è fermata a quota 24 milioni, dimezzando gli incassi dello scorso anno.

104307050-gettyimages-6458591761910x1000

Scorrendo la top ten stilata della nota rivista statunitense di economia e finanza troviamo ai piedi del podio Melissa McCarthy con 18 milioni, seguita da Mila Kunis con 15,5 milioni, mentre Emma Watson e Charlize Theron sono appaiate al sesto posto, con incassi pari a 14 milioni di dollari.
L’ottava posizione è condiviso da due star sempre sulla breccia come Julia Roberts e Cate Blanchett: entrambe hanno portato a casa 12 milioni di dollari. A chiudere la classifica troviamo Amy Adams, con 11,5 milioni.
I guadagni sono stati calcolati unendo dati Nielsen, incassi cinematografici e altre informazioni negli ultimi 12 mesi.

Adele, la Sony è pronta a coprirla dʼoro con un contratto da 90 milioni di sterline

Per Adele è sempre un periodo d’oro. Nel vero senso della parola. La cantante britannica sarebbe infatti in procinto di firmare un contratto con la Sony Music per 90 milioni di sterline, cifra che la porterebbe a essere l’artista più pagata di sempre del Regno Unito. A rivelare la notizia è il “Sun”, che cita una fonte all’interno del colosso musicale: “Ci siamo assicurati Adele, che senza dubbio è la più grande star musicale della sua generazione”.

1441100886_adele_shooting_magra

Se Adele dovesse firmare il contratto scalzerebbe in testa alla classifica degli artisti britannici più pagati Robbie Williams che nel 2002 ha ricevuto dall’etichetta Emi “soltanto” 80 milioni di sterline, mentre nel 2001 Whitney Houston si fermò a 70 milioni.
La cantante è l’unica a raccogliere cifre di vendite paragonabili a quelle dell’età gloriosa del pop. In tempi di streaming (ma Adele non ha concesso i diritti per il suo album), download e crisi della discografia, il suo ultimo lavoro, “25”, ha già superato i 20 milioni di copie vendute. Se passasse alla major Sony sarebbe una svolta epocale perché uno dei tratti distintivi del fenomeno Adele è quello di avere avuto questo straordinario successo con un’etichetta indipendente, la Xl.