Isola dei Famosi, Raz Degan sta ancora male. Il ritiro è vicino?

Isola dei famosi 2017, preoccupazione per i tanti fan di Raz Degan: nonostante le cure il naufrago israeliano non sta bene.
Rischio ritiro per Raz Degan. Le condizioni dell’israeliano stanno peggiorando e i naufraghi dell’Isola dei Famosi 2017 temono per la sua salute. A poche ore dalla diretta della semifinale dell’Isola dei Famosi 2017, dunque, il colpo di scena potrebbe essere davvero dietro l’angolo. Curiosi di scoprire cos’è successo a Raz Degan?

40957898

Dopo il malore delle scorse settimane, Raz Degan è stato costretto nuovamente a chiedere l’intervento del dottore. Degan, infatti, è stato morso da un insetto che gli ha provocato una profonda ferita al dito della mano. Il dottore gli ha così somministrato dei potenti antidolorifici che stanno creando diversi problemi a Degan. A causa degli effetti collaterali, infatti, il naufrago non fa che dormire e le sue condizioni stanno preoccupando seriamente gli altri compagni. Giulio Base, infatti, ai compagni ha confessato: “Raz dorme ancora. Sono stato tutto il tempo vicino a lui. Quell’antidolorifico lo ha steso”. Le condizioni di Raz Degan, dunque, non sono buone. A tutto ciò, poi, si aggiunge la mancanza di energia per la fama che si fa sentire sempre di più.

Raz Degan, dunque, a causa delle sue condizioni di salute, lascerà davvero l’Isola dei Famosi 2017? In attesa di scoprirlo, l’israeliano è considerato ancora il favorito per la vittoria finale. Ad oggi, nonostante tra i nomi in lizza per la vittoria ci siano anche quelli di Malena e Nancy Coppola, nessuno dei naufraghi in gara sembra in grado di strappargli la vittoria. Secondo alcuni sondaggi che circolano sul web, infatti, Raz dovrebbe superare senza problemi anche la nomination contro Giulio Base che dovrebbe tornare a casa con il 90% dei voti.

Barbara D’Urso, cena con il neo naufrago Simone Susinna

Un’amicizia di lungo corso quella fra Barbara D’Urso e Simone Susinna, neo naufrago nella nuova edizione dell’Isola dei Famosi.

2231507_barbara_durso_simone_susinna

I due erano già stati sorpresi in compagnia qualche mese fa e ora “Diva e donna” li ha fotografati a cena insieme con altri amici proprio qualche giorno prima della partenza del modello per la sua avventura in Honduras.

Il naufrago come in Cast Away, 15 mesi in mare. “Ha mangiato il corpo del suo compagno”

Una storia che ha dell’incredibile quella di Josè Salvador Alvarenga, sopravvissuto per 15 mesi in mare aperto, dal 21 dicembre del 2012 al 30 gennaio 2014 alla deriva nell’Oceano Pacifico.

resize.php

Alvarenga era partito dalle coste messicane per una battuta di pesca in compagnia di un giovane aiutante, Ezequiel Cordoba, poi morto: avrebbe dovuto pescare per un giorno e fare ritorno, ma causa di un’avaria del motore e di un’improvvisa tempesta, l’allora 37enne di origine salvadoregna si è ritrovato alla deriva con il compagno fino a quando non ha raggiunto l’atollo di Ebon, 6.700 miglia di distanza dal punto di partenza.

70233_140212_62994_alvarenga4

La sua storia è stata raccontata in un libro scritto da un giornalista del Guardian dopo 44 interviste, ma nella trama da film ci sarebbe un elemento oscuro: la morte di Ezequiel. Secondo il naufrago, l’aiutante pescatore sarebbe morto per la disperazione, rifiutandosi di mangiare pesci e carne d’uccello cruda e bere urina e sangue di tartaruga. Dopo il decesso, Alvarenga avrebbe tenuto ancora per qualche giorno il cadavere con sè, per avere “compagnia”, prima di affidarlo all’Oceano. Secondo la famiglia di Cordoba, invece, il ragazzo sarebbe stato vittima di cannibalismo. Proprio per questo hanno chiesto un risarcimento di un milione di dollari. Le accuse sono state mosso dopo la pubblicazione del libro sulla storia del naufragio, per questo l’avvocato di Alvarenga, Ricardo Cucalon, sostiene che la famiglia voglia semplicemente lucrare sulla vicenda.