Thylane Blondeau, “la bambina più bella del mondo”, ora è una bellissima modella

Una sedicenne dotata di bellezza mozzafiato, occhi blu e broncio alla Brigitte Bardot. La mamma è la showgirl e presentatrice Veronika Loubry, mentre il padre è l’ex calciatore Patrick Blondeau. Thylane Blondeau fa la modella da quando aveva 4 anni e fu notata da Jean Paul Gaultier.

2389908_2055_thylaneblondeau

La modella e attrice francese (ambasciatrice di L’Oreal Paris) il 5 aprile ha festeggiato il suo sedicesimo compleanno.
Thylane appartiene alla nuova generazione di muse digitali, artefici del proprio destino, che si mostrano agli occhi del mondo per ciò che sono, sicure di sé, di una bellezza disarmante, fonte d’ispirazione per milioni di giovanissime alla ricerca di modelli positivi.

Guendalina Bernardini e Rafal Zarazinski morti in un tragico frontale. Auto irriconoscibili, tentativi inutili di rianimazione, alto Lazio sconvolto

Un tragico incidente su quella che nella zona viene chiamata la maledetta “strada delle buche” a Settevene Palo di Cerveteri, nell’alto Lazio. Due le vittime di un frontale tra una Citroen C1 e una Pegeout 208 in pieno rettilineo davanti a un supermercato. Si tratta di Guendalina Bernardini, 27 anni, Guenda per gli amici, bella come una modella, e il polacco Rafal Marcin Zarazinski, operaio 39enne.

guendalinabernardini5_06121906

Le immagini mostrano le due auto devastate dallo schianto avvenuto poco dopo le 22 di domenica ad alta velocità. Sulla dinamica stanno comunque ancora indagando polizia stradale e vigili accorsi subito sul posto.
Tentativi inutili. Drammatica la scena che si è presentata agli occhi dei soccorritori con i testimoni dell’incidente letteralmente disperati. Il personale del 118 ha lavorato più di mezz’ora in un estremo tentativo di rianimare i due giovani, estratti velocemente dalle lamiere contorte. A lungo è stato praticato il massaggio cardiaco su entrambi, ma non c’è stato nulla da fare.
Ragazza solare. Guenda Bernardini era conosciutissima in zona. Faceva infatti la barista ad Aranova e la sua bellezza non passava inosservata. Una ragazza solare, sorridente alla vita, e con una fede incrollabile nel futuro. Sul suo braccio un anno fa scrisse “il meglio deve ancora venire”.
Dolore anche per l’operaio polacco. Rafal era residente a Ladispoli e da poco era diventato papà.
Amici sgomenti. Oggi amici e parenti di Guenda Bernardini si sono dati appuntamento alle 14.30 presso la Capannina di Maccarese per un ultimo saluto. Il corteo funebre partirà alle ore 14.30 dal cimitero nuovo di Cerveteri ed arriverà allo stabilimento balneare la Capannina di Maccarese, dove avverrà una cerimonia laica. La sepoltura a Palidoro.

Elisa Isoardi: “Così ho fatto pace col mio corpo, prima tanti chili in più”

“Non sono sempre stata così disinvolta. Da bambina, ero davvero bella: fino a 7 anni, mia mamma non mi tagliò mai i capelli. Alle elementari ero una specie di bambola con lunga chioma e occhioni”. Elisa Isoardi racconta il rapporto col suo corpo, che non è stato sempre facile: “A 13 anni, però – ha fatto sapere in un’intervista a “Gente” – ho avuto un’implosione, anzi un’esplosione: tanti chili di troppo, occhiali da vista e un improbabile look a caschetto. I miei compagni mi prendevano in giro.

e_6e0b956b3e

Ne soffrivo, ma siccome sono orgogliosa non lo mostravo. L’unica che conosceva il mio disagio era mamma. Per lei, lo sport è sempre stata la panacea, così mi mandò ad un campus estivo di pallavolo. Quando venne a riprendermi quasi non mi riconosceva ero cresciuta, alta, snella, le forme iniziavano a vedersi. E, finalmente, sorridevo: avevo fatto pace con il mio corpo”. La parola “bella” però per tanto tempo è stata bandita: “Iniziavo a scoprire che potevo piacere. In famiglia la parola “bella” era quasi tabù. “Tu sei particolare”, mi ripeteva sempre mamma. Io mi sentivo e mi sento tutt’oggi così. Per me una bella donna è Monica Bellucci, una ricca di fascino era Anna Magnani. Irresistibile è chi riesce a mixare entrambe le cose: testa e corpo. In modo spontaneo, però, senza tattiche o atteggiamenti da gattamorta”.

“Non volevo uccidere Carla, potevo investirla. Volevo solo sfregiarla perché è molto bella”

«Non avevo intenzione di uccidere Carla…dopo averle dato fuoco, non l’ho nemmeno investita nonostante avessi potuto. Avevo intenzione di sfregiare il viso di Carla che è una ragazza molto bella».

1454347061-d-fuoco

Così, Paolo Pietropaolo, 40 anni, ha risposto al pm della Procura della Repubblica di Cassino, nella caserma dei carabinieri di Formia, alla domanda se avesse l’intenzione di uccidere la sua compagna incinta, Carla Ilenia Caiazzo, di 38 anni, ricoverata in gravissime condizioni nell’ospedale Cardarelli di Napoli. «Quando lei ha dato fuoco a Carla ha pensato al male che avrebbe fatto al bimbo che aveva in grembo?», ha chiesto all’uomo il pm Roberto Bulgarini. «Non avevo intenzione nemmeno di riconoscere la bambina non sentendola mia», ha risposto Pietropaolo che, poco prima, aveva spiegato al magistrato che, per avere un figlio, erano ricorsi all’inseminazione artificiale. «Lei odia Carla?», ha chiesto ancora il pm. «Sì, a volte si fa del male alla persona che non si vuole che tradisca», ha risposto Pietropaolo.

Eva Herzigova senza trucco a Londra: “tradita” dallo sbadiglio

Siamo abituati a vederla mentre ancheggia in passerella o sulle foto di qualche campagna pubblicitaria e vedere Eva Herzigova “nature” è una vera rarità.

20151117_111201_01-00301703000001h

La super modella, 40 anni, è stata fotografata a Londra mentre passeggia senza trucco: sempre bella Eva è stata tradita da un lungo sbadiglio, colto prontamente dal paparazzo appostato…