“Tette rifatte con risultati mediocri…”, Vittorio Feltri contro Selvaggia Lucarelli

“Non ho paura di diventare vecchio perché lo sono già e mi trovo bene”, inizia così lo sfogo di Vittorio Feltri contro Selvaggia Lucarelli…. “Spero di tirare le cuoia a 90 anni, non capisco il motivo per cui la morte sia un tabù per noi mortali. Che razza di mortali siamo se ignoriamo ingenuamente che nel nostro futuro, più o meno prossimo, c’ è una tomba? Non mento sulla mia età. Perché dovrei farlo?”

3265823_2134_collage_2017_09_27_3_

Selvaggia Lucarelli in un articolo sul Fatto ha dichiarato che è “un nonno rincoglionito”, di quelli che raccontano battaglie mai combattute. “Ho avuto la conferma che per offendere un anziano basta rammentargli di esserlo. Una tecnica miserabile. C’è chi si rifà la reputazione e chi si rifà le tette. La Lucarelli non è in grado di rifarsi la prima perché non l’ha mai avuta, le tette se le è già rifatte con risultati mediocri.
Sul suo cervello non mi esprimo, non l’ho scovato”.

Michelle Obama, ultimo scatto da First Lady (in abito bianco) per Vogue

La First lady americana regala ai suoi fan un arrivederci di classe posando per la copertina del numero di dicembre di Vogue America con delle foto scattate alla Casa Bianca da Annie Leibovitz, prima dell’elezione di Donald Trump.

1478970044750.jpg--michelle_obama_in_posa_su_vogue__l_ultima_copertina_da_first_lady

E’ la terza volta in otto anni che Michelle posa per Vogue. Del resto la prima cover per il famoso magazine di Condé Nast risale al novembre 2008 poco dopo l’elezione del marito Barack, quindi quale modo migliore poteva esserci per rendere omaggio alla fine dei suoi 8 anni da first lady se non regalandole questo tributo.
Non ci sono dubbi che Michelle Obama passerà alla storia come una delle First Lady che ha lasciato di più il segno sia per la sua avvenenza sia per la tenacia con cui ha portato avanti le sue battaglie. D’altronde, non c’è da stupirsi che su Twitter sia già partita una campagna per candidarla alle prossime Presidenziali nel 2020. Sarà lei la prima donna presidente d’America?