Le confessioni di Raz ad Amici: “Riprendiamoci il tempo, è nostro”

Il vincitore dellʼultima edizione dellʼIsola Dei Famosi non è mai banale quando parla, così anche con Maria, alla quale confessa: “Resterei sullʼisola altri 75 giorni”

C_2_articolo_3068120_upiFoto1F
L’attore israeliano, quinto giudice ospite nel talent di Canale 5, si racconta nell’intervista di Maria De Filippi (geniale nel sottoporgli domande attraverso oggetti riguardanti la sua vita) e dimostra di aver imparato una grande lezione dalla sua ultima esperienza televisiva all’Isola Dei Famosi: “Ho passato lì 75 giorni, ma potevo rimanerci altri 75. Lì c’è tempo in abbondanza, un dono che abbiamo perso nella civiltà con i cellulari. Il tempo è prezioso, è nostro, ma lo abbiamo venduto già prima di nascere, abbiamo sacrificato la cosa più preziosa che abbiamo. Dobbiamo apprezzare il tempo che abbiamo e usarlo per rinnovare mente, anima, spirito e soprattutto il mondo”. Al momento di ricevere tra le mani la bambola di una sposa Raz afferma: “Il matrimonio può essere bello, come una galera, ma la persona che hai accanto non è un oggetto. Non possiamo trattare una persona come tale, la mia sposa non è mia, ma che appartiene alla mia anima. Evviva la libertà delle donne”.

“C’è una bimba abbandonata in auto”, poliziotto rompe il finestrino e fa una scoperta incredibile

Dopo aver ricevuto l’allarme telefonico di un cittadino, un agente di polizia si è subito recato nel parcheggio all’aperto di un centro commerciale per salvare la vita di una bimba rimasta chiusa dentro un’auto, sotto il sole rovente. Jason Short, questo il nome del poliziotto, che vive e lavora nella cittadina di Keene, nel New Hampshire, aveva raggiunto così la vettura ed aveva notato la bambina avvolta in una coperta con una bottiglietta d’acqua accanto.

bambola-b_22124352

Dopo aver rotto il vetro del finestrino, l’agente ha notato come la piccola fosse priva di conoscenza e per questo ha tentato di rianimarla. L’agente Short è un esperto di rianimazione, e nel tentativo di salvare la bimba ha subito notato che c’era qualcosa che non andava: «Ho messo il dito nella sua bocca e faceva completamente resistenza. Mi è venuto subito da pensare che fosse una bambola». Il poliziotto aveva visto giusto: si trattava di una bambola estremamente realistica, una cosiddetta ‘life-like doll’, ovvero di riproduzioni molto fedeli di bambini. Il loro prezzo può variare da poche decine di dollari fino ad alcune migliaia. La sua proprietaria è Carolynne Seiffert, una donna che utilizza quella bambola dal 2005, quando suo figlio morì per un male incurabile. Carolynne ha spiegato a Fox8.com: «Ho riso all’inizio, ma ero molto imbarazzata. Mi rendo conto che non tutti possano capire i vari modi in cui una persona può reagire alla perdita di un affetto familiare».  La polizia si è offerta di pagare alla donna le spese per la riparazione del vetro. Il capo della polizia, insieme all’agente Short, ha affermato: «Ogni volta che ci sarà un allarme del genere, non penseremo mai che si possa trattare di una bambola. Finché non ne abbiamo la certezza, interverremo tempestivamente con l’intento di salvare una vita umana».

Arrestata e picchiata dalla polizia, ‘Barbie Bandit’ era innocente: “Mi hanno rovinato la vita”

Un terribile errore ha rovinato la vita di Georgia Wawman, splendida 26enne britannica arrestata in Argentina. Il suo volto, simile a quello di una bambola, è apparso su tutti i giornali accompagnato dalla scritta ‘Barbie Bandit’. Per tutti lei apparteneva a una banda di ladri e truffatori che aveva messo a segno numerosi colpi negli ultimi mesi nei quartieri residenziali di Buenos Aires.

article-3445968-312D6F4400000578-444_964x415

La giovane, mamma di un bimbo di due anni, però non ha mai rubato nulla in vita sua. Un terribile errore ha rovinato la vita di Georgia Wawman, splendida 26enne britannica arrestata in Argentina. Il suo volto, simile a quello di una bambola, è apparso su tutti i giornali accompagnato dalla scritta ‘Barbie Bandit’. Per tutti lei apparteneva a una banda di ladri e truffatori che aveva messo a segno numerosi colpi negli ultimi mesi nei quartieri residenziali di Buenos Aires. La giovane, mamma di un bimbo di due anni, però non ha mai rubato nulla in vita sua.